Favia: Chitti è stato espulso perché ha fatto un\'azione dannosa per il partito

David Favia 2' di lettura 26/03/2009 - \"Nell\'IdV non c\'è una repressione del dissenso - spiega l\'onorevole David Favia - Chitti e gli altri hanno avuto cariche importantissime all\'interno del partito e ci sono stati amplissimi margini per esplicare il dissenso\". Così Favia risponde alle critiche seguite alla sostituzione del Coordinatore Comunale Fabrizio Chitti con Enzo Monachesi.

\"Non è vero che tutti i dirigenti commissariati sono stati sostituiti da persone provenienti dall\'Udeur - continua Favia - ad esempio l\'ex coordinatore provinciale di Pesaro è stato sostituito dal presidente regionale Borghese che era nell\'IdV ben prima del mio arrivo.

I dissidenti hanno chiesto e ottenuto colloqui con ogni livello del Partito, fino alla Segreteria nazionale. La risposta è stata lo stesso organigramma del partito. Una volta presa una decisione ci deve essere disciplina di partito e bisogna agire insieme. Anche Di Pietro ha dato conferma di questa situazione nel video pubblicato su Vivere Marche. Non si può pretendere di sostituirsi a Di Pietro all\'interno dell\'Italia dei Valori. Quando si danneggia il partito si va fuori
\".

Sulle questioni più senigalliesi Favia esprime fiducia nei confronti di Enzo Monachesi. Rispetto all\'intenzione di Monachesi di tentare di ricucire lo strappo non pone veti: \"Se ci riesce benvenga. Il mio rapporto di fiducia con questa persona è venuto meno\".

Anche per quanto riguarda il possibile ingresso di Andrea Bacchiocchi nel gruppo consigliare dell\'IdV la questione è demandata a Monachesi: \"Ora decide Monachesi, le porte dell\'IdV sono aperte per tutti come lo sono state per me, purché sirispettino le regole e la linea. Posso solo ringraziare l\'IdV per quello che ha fatto per me\".

Tornando sulla polemica Favia si chiede quali siano i motivi del dissenso: \"Non si è parlato di linea politica o di programmi ma solo di persone.
E non è nemmeno corretto che Chitti e gli altri dissidenti si firmino \'L\'Italia dei Valori che c\'era\'. La maggior parte degi iscritti all\'IdV c\'è ancora e noi ci siamo amalgamati con loro. Solo tre persone non si sono amalgamate
\".






Questo è un articolo pubblicato il 26-03-2009 alle 20:44 sul giornale del 26 marzo 2009 - 6272 letture

In questo articolo si parla di michele pinto, politica, italia dei valori, david favia


Commento sconsigliato, leggilo comunque

Off-topic

Tu lanci il sasso e nascondi la mano.<br />
Se hai qualcosa da denunciare vai dai carabinieri.<br />
<br />
Se fossi in una persona coinvolta in questa vicenda ti denuncerei per diffamazione.<br />
<br />
E non chiedermi perché il tuo commento è stato sconsigliato.

Ma che accidenti di risposta è mai questa?<br />
Chitti ha comunicato che, sulla base di \"presunte sue approvazioni\" (quindi come minimo da verificare) di atteggiamenti critici, gli era stata mandata una missiva (allegata) in cui lo si \"tirava fuori\" dall\'IDV, senza che venisse nemmeno convocato per ascoltarlo e capire quanto era vero e perchè avevano agito in quel modo.<br />
Magari sarà un atto dovuto, in attesa che sia sentito, ma dal suo tono non sembrava esserci questa possibilità: da che mondo è mondo, una persona non si condanna mai senza un \"processo\", e il processo alle intenzioni non vale.<br />
<br />
A questo punto chi ha ragione: Chitti, che afferma che le lamentele presentate non erano mai state prese in considerazione o l\'on Favia?<br />
bho, non so, e come non lo so io non lo sanno nemmeno gli elettori.<br />
....e poi tutta questa manfrina infantile per due striscioni, nemmeno offensivi, che però erano considerati \"dannosi\" per il partito: ma stiamo scherzando? <br />
Uno striscione di insulti diretti e gratuiti alla persona di Di Pietro, fatti da persone dell\'IDV, poteva essere \"dannoso\", e di sicuro quegli striscioni non lo erano.<br />
...e se questa è la politica di un partito che si affida ai \"valori\", stiamo proprio messi bene.

Non sono ne elettore, nè iscritto, nè simpatizzante IDV.<br />
Sono solo amico di Fabrizio Chitti e questo comunicato mi sembra di stampo ex-sovietico.<br />
Strano che Chitti non sia stato mandato in un gulag in Siberia.<br />
Ci si rifà alla disciplina di partito ma Favia sa benissimo che il dissenso è ammesso perfino (in misura minima in verità) in partiti come Forza Italia e l\'Udeur di Mastella che lui conosce bene per esserci stato di casa.<br />
Per quanto mi riguarda, mi auguro che l\'Idv senigalliese alle prossime elezioni non raggiunga l\'1% dei voti.<br />
Personalmente farò tutto il possibile perchè questo avvenga.....<br />

elector in fabula

l\'on Favìa dimentica di dirci nel dettaglio cosa Chitti avrebbe fatto di tanto grave da meritare l\'espulsione inappellabile nonstante la stima che riscuoteva nel partito.<br />
<br />
La verità è che la volontà di cacciare Chitti come elemento del vecchio IdV (quello che c\'era) è presente da almeno un anno e si attendeva la prima scusa buona per cacciarlo, in mancanza di una scusa buona, si è utilizzata una scusa cattiva.<br />
<br />
Questo strappo, temo irrecuperabile, nuocerà a tutti e in questo caso sì all\'immagine del partito, ma non sarà colpa di Chitti.

Commento modificato il 26 marzo 2009

Caro Favia, permettimi di rimanere perplessa. Se un partito espelle chi in lui ha creduto fin dall\'inizio, proprio in quanto denominato \"dei valori\", e preferisce scegliere i suoi dirigenti e parlamentari tra i personaggi col trolley, sempre in cerca di nuovi approdi purché portatori di incarichi, credo sia arrivato alla frutta pure lui. Politicamente ed eticamente.<br />
<br />
Forse Di Pietro non ne è consapevole, o forse sì. Chissà. Del resto è stato proprio lui che ha imbarcato quel soggetto poi passato a FI il giorno dopo le elezioni. Dunque, tanto naso politico non lo deve avere. Oppure ce l\'ha e pure lui va raccattando voti senza guardare troppo per il sottile. Stile Berlusca, insomma. <br />
<br />
Comunque sia, tra Monachesi e Favia e Fabrizio Chitti, se avessi votato IDV ora sceglierei Chitti. E con me tutti gli elettori di Senigallia. Ne sono certa. Il rispetto del popolo si conquista nel tempo con la coerenza e il disinteresse a lungo dimostrati, non con una etichetta calata dall\'alto. Insomma, fai un po\' tu... Di personaggi col trolley l\'elettorato ne ha abbastanza. Stanne certo.

Commento modificato il 26 marzo 2009

Dimenticavo... A proposito di Favia che dice: <i>\"Non è vero che tutti i dirigenti commissariati sono stati sostituiti da persone provenienti dall\'Udeur\"</i>, copio e incollo:<br />
<br />
\"<b>L’Italia del Valori (immobiliari)</b><br />
<i>Radio Radicale ha realizzato un\'inchiesta sull\'Italia dei Valori trasmessa in diretta questa mattina. Uno speciale dedicato ad Antonio Di Pietro e al suo movimento che, stando a quanto dichiarato da uno degli intervistati, l\'ex segretario Idv di Catanzaro Francesco Romano, sta ricevendo l\'intera Udeur Calabrese, compreso l\'europarlamentare Armando Veneto, noto penalista di Palmi eletto con il partito di Clemente Mastella e che in occasione dei funerali di Girolamo Piromalli, esponente di peso della \'Ndrangheta, tenne l\'orazione funebre a nome della famiglia. <br />
Radio Radicale ha poi raccolto la testimonianza di Elio Veltri, sodale politico di Di Pietro per un lungo periodo di tempo. Veltri ha denunciato la presenza tra le fila dell\'Idv di personale politico \'molto discutibile\' sul piano morale, esponenti provenienti in gran parte dall\'Udeur, oltre ad una diffusa pratica di gestione del tutto personalistica del rimborso elettorale. Di fatto l\'esistenza di una Italia dei Valori parallela, costituita da soli tre soci, cioè da Di Pietro stesso, da sua moglie e dalla tesoriera Silvana Mura, creata per percepire il rimborso senza darne conto a nessuno. <br />
Aspetti già analizzati in precedenza da un servizio giornalistico pubblicato da Panorama e realizzato da Laura Maragnani. La giornalista di Panorama ha raccontato a Radio Radicale come è strutturata la rete di società che stanno intorno ad Antonio Di Pietro, addirittura una società immobiliare nell\'Europa dell\'est. Il servizio di Radio Radicale si conclude con l\'intervista all\'avvocato Francesco Paola che rappresenta Achille Occhetto nella causa che lo vede opposto a Di Pietro per il possesso dei rimborso elettorale delle elezioni europee del 2001 interamente acquisito da Di Pietro senza aver versato un solo euro al movimento di Occhetto \"Il Cantiere\" con cui l\'Idv presentò le liste\".</i> (9 febbraio 2008)<br />
<br /> <br />
in: http://www.radioradicale.it/inchiesta-sullitalia-dei-valori<br />
<br />
Che ne dite, Favia e Monachesi?

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Stavolta concordo con te (a parte la frase sulla misura minima).<br />
Un partito che non ammette il dissenso non è libero e non è democratico; un partito che non ha paura lascia blaterare anche chi vuole solo danneggiarlo.<br />
E poi come già detto sinceramente un partito pieno di fuoriusciti da altri partiti mi fa solo ridere.<br />
Forse sono eccessivamente rigido ma ritengo che politico come quello che ha mandato questo comunicato, che è transitato, per quanto ne so io, almeno in 3 partiti diversi, debbano solo stare in silenzio e non possano dare lezioni di correttezza politica agli altri.<br />
Anzi dovrebbero ritirarsi a vita privata dopo aver preso in giro gli elettori e i partiti che lo hanno eletto.

ex simpatizzante

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Commento modificato il 26 marzo 2009

Col Berlusca che impera, le delusioni dei vari Governi Prodi che non sono riusciti a cambiare quel paio di leggi di cui ora nessuno si ricorda più, il fallimento di Veltroni per vari motivi interni, e la sua difficile ricostruzione (se ci riesce) del suo successore, gli extra-parlamentari ex Unione che vogliono tornare sulla poltroncina.. ecc ecc.<br />
<br />
meglio che li raccatta di Pietro i voti in tutti i modi. Perchè fate finta di ignorare la vera situazione della salute democratica rappresentativa italiana? E con tutti quei personaggi che ci sono in IdV di vari provenienze è pure comprensibile un ferreo controllo presidenziale. A Bellaria, DiPietro ha promesso ai giovani un nuovo statuto di partito. Presto dovrebbe uscire, dopo le Europee.<br />
<br />
Se Berlusca diventa presidente della repubblica secondo le sue idee, sai che bella soddifazione per tutti.<br />
<br />
La nostra democrazia, complice la propaganda della sicurezza e la crisi, è davvero a <i>repentaglio</i> in questi tempi.. tempi difficili, misure difficili. Questo è il pensiero che anima DiPietro. Questi tempi sono <b>difficili.</b>

A Guattolo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Off-topic

\" Guattolo\" è inutile che cambi spesso nome se poi la sostanza è uguale, o no??

Non mi va di combattere Berlusconi coi suoi stessi metodi.

Off-topic

Non puoi dire che ci sono stati degli atti illegali (per cui ti metti a disposizioni della magistratura) e non dire quali sono e soprattutto non dimostrare che quello che dici è vero.<br />
<br />
Accusare qualcuno di aver commesso fatti illegali senza prove è diffamazione. E su questo giornale la diffamazione non ha spazi.<br />
<br />
Inoltre è decisamente ridicolo mettersi a disposizione della magistratura da anonimo.

Commento modificato il 26 marzo 2009

Off-topic

ho cambiato in guattolo solo perchè c\'era quel solito compare tuo, c\'hai presente? che me faceva il verso sa Vinavil 2, anzi diglie - gentilmente, non sia mai! - che divetasse vìppe pur lù o chesse beccasse lu vampiru dell\'apiru..

Commento modificato il 26 marzo 2009

Off-topic

suggerisco, dati i tempi, di scegliersi la padella, la brace o la fornace.. io emigro!

manco a me, e tanti altri, e infatti comanda lù

quilly!!<br />
non voteresti un tuo amico blogger senigalliese.<br />
non ci credo.<br />
dopo che hanno contribuito con te all ripristino decoromurales del sottopasso .<br />
dai su fai il bravo

Non è bello parlare con gli anonimi.<br />
E Gallosenone per me è anonimo.....<br />
E poi chi è l\'amico blogger che ha dipinto il sottopasso e si presenta alle elezioni?<br />

Guattolo a livello nazionale più si continua con queste minchiate dei pericoli per la democrazia e più la sinistra perderà; quando una strategia non va si cambia non pensi?<br />
Di Pietro è furbo, cerca di andare contro corrente ma ha messo su un partito che è esattamente uguale a tutti gli altri; ma li vedi chi sono i rappresentanti di questa Idv?<br />
Tutti voltagabbana poltronisti opportunisti.<br />
E poi in tempo di crisi c\'è chi \"propaganda la sicurezza\" e c\'è chi propaganda pericoli democratici inesistenti; dormi pure sereno che quando ti svegli la mattina sarai ancora in un paese democratico; se poi vuoi emigrare fa pure; ne ho sentiti tanti che blaterano di andarsene solo perchè la loro parte politica non ha vinto le elezioni; bella idea di democrazia questa! O è come dico io o me ne vado...<br />

emigrerei perchè non c\'è lavoro, e ce ne sarà sempre meno nei prossimi anni, specie dalle parti nostre, tutta produzione di cose non troppo tecnologiche, sta crisi di sovraproduzione farà piazza pulita ed è irreversibile che tutti abbiamo tutto<br />
<br />
e mica ci sarà un golpe coi carri armati in strada, sarà qualche involuzione sui principi fondamentali, sulla separazione dei 3 poteri, altre \"robe\" simili, ma per la maggior parte della gente questi sono \"dettagli\", la vita ordinaria te la fai tranquillo uguale

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

smiling_killer

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Sylvia Ezovscina

Off-topic

<b>Ežovš&#269;ina (&#1045;&#1078;&#1086;&#1074;&#1097;&#1080;&#1085;&#1072;)</b>:<br />
L\'èra di Ezov, capo del Nkvd dal 1936 al 1938. Fu il periodo più sanguinoso del Terrore staliniano, in cui ogni forma di opposizione al vertice del Partito comunista e dell\'esercito venne annientata dalla poliziadi Ezov. L\'intensità e la ramificazione del \"terrore\" sconvolsero l\'intero paese in tutti gli strati della popolazione. Nessuno, tranne Stalin, era al di sopra dei sospetti dei funzionari del Nkvd. Milioni di prigionieri in base a giudizi sommari affrontarono gli orrori dei campi di lavoro siberiani, mentre circa ottocentomila persone furono condannate e uccise con un proiettile alla nuca. La vecchia guardia bolscevica fu eliminata in massa; ugual sorte spettò ai membri dei vari partiti comunisti nazionali rifugiatisi in Urss. In Spagna la polizia di Ezov distrusse i vertici del Poum, il partito filotrozkista catalano, assassinandone il leader Andrés Nin. Alla fine del 1938 Stalin proclamò la fine delle \"purghe\" e Ezov misteriosamente sparì, seguito dai quadri a lui fedeli del Nkvd. Fu alimentata in tal modo la leggenda dell\'ezovscina, un terrore esercitato all\'insaputa dei vertici del partito. In realtà le persecuzioni furono funzionali all\'affermazione del potere assoluto di Stalin sul partito come sulla polizia politica.

Off-topic

Per aiutarti a trovare la via d\'uscita ti posso dire che la Magistratura è un organismo superiore e indipendente (almeno dovrebbe esserlo) che indaga e giudica, quindi non condanna preventivamente come invece fai tu nella tua opera di moderazione...<br />
<br />
Tu parli di \"atti illegali\", io di \"piccoli misfatti\" che potrebbero essere pure stupidaggini senza valore.<br />
Non c\'è dubbio sono proprio la stessa cosa...!!<br />
<br />
Se poi finalmente, vista anche la tua grande competenza giuridica, ci delucidassi sul nome della persona o degli individui offesi dal mio commento te ne saremmo grati tutti...io per primo, quello che dovrebbe essere querelato.<br />
<br />
stancoinvacanzaasenigallia

Off-topic

Con questo commento hai dimostrato che il tuo primo commento era inutile.

Si vedrai che a breve verrà cancellato l\'articolo 3, l\'articolo 21, l\'articolo 13 della Costituzione (no forse il 13 si salva perchè a Berlusconi il termine libertà piace) e tutti quelli fondamentali.<br />
Se poi vuoi emigrare perchè c\'è la crisi è un altro discorso; ma visto che la crisi la vivono tutti i paesi occidentali e non solo dove pensi di emigrare?<br />
Negli Usa? In Inghilterra? In Germania? Sono messi come noi e spesso peggio...<br />
Purtroppo il male qua è comune.<br />