Consiglio Comunale: l\'opposizione abbandona l\'aula

consiglio comunale senigallia 2' di lettura 02/04/2009 - È tornato a riunirsi martedì il Consiglio Comunale di Senigallia. Nel consueto spazio riservato in apertura a interrogazioni e interpellanze, queste sono state presentate dai Consiglieri Mancini, Schiavoni F., Bittoni, Savini, Gaggiottin e Corinaldesi.

Subito dopo, sono stati approvati all’unanimità i verbali delle sedute precedenti Si è quindi passati alla mozione presentata dai consiglieri di minoranza con oggetto: “Situazione parcheggi a pagamento: inadempienza ditta appaltatrice e risoluzione del contratto da parte dell’Amministrazione Comunale”. Dopo un ampio dibattito, la mozione è stata respinta con 16 voti contrari da parte della maggioranza e 8 favorevoli nell’ambito della minoranza.


Il Consigliere Ramazzotti ha proposto a questo punto di anticipare la trattazione del punto 5, consistente nell’ordine del giorno presentato dai Consiglieri Bacchiocchi, Bittoni, Cameruccio, Cicconi Massi, Girolimetti, Mancini, Marcantoni, Mastrantonio, Paradisi R., Savini e Schiavoni F. con oggetto: “Richiesta di dimissioni del Presidente del Consiglio Comunale, Silvano Paradisi”. La proposta è stata accolta dal Consiglio con 13 voti favorevoli (maggioranza) e 7 contrari (minoranza), con l’astensione del Presidente Paradisi. A questo punto i consiglieri di minoranza, dopo una breve riunione dei loro gruppi, hanno però dichiarato la volontà di ritirare tutte le mozioni e gli ordini del giorno da loro presentati e non ancora discussi, dopo di che hanno abbandonato l’Aula.


La seduta è quindi proseguita con la trattazione dell’ultimo punto all’ordine del giorno, quello presentato dai consiglieri Ramazzotti, Curzi R. e Monachesi per discutere della problematica relativa alla messa al bando delle mine antiuomo. Dopo una breve illustrazione del Consigliere Ramazzotti, l’ordine del giorno è stato approvato all’unanimità dai 16 consiglieri presenti (che comprendevano oltre a 14 componenti della maggioranza anche i Consiglieri Mancini e Schiavoni F.).






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-04-2009 alle 13:14 sul giornale del 02 aprile 2009 - 4305 letture

In questo articolo si parla di comune di senigallia, politica, senigallia


Non capisco, sicuramente dipende dalla mia ottusità.<br />
Mi piacerebbe quindi che qualcuno mi spiegasse.<br />
L\'opposizione presenta degli ordini del giorno, vuol dire qualcosa di importante su cui discutere. <br />
Sulla mozione dedicata alla questione parcheggi sono stato a sentire ben 5 interventi dell\'opposizione, poi non ho resistito e me ne sono andato visto che tutti e 5 dicevano le stesse cose.<br />
Oggi vengo a leggere che la mozione è stata votata da poco più della metà dei consiglieri presenti, cioè non ci credevano neppure loro?<br />
<br />
Poi la minoranza ha ritirato gli altri ordini del giorno ( anche quello sulle dimissioni del Presidente Paradisi che se vi ricordate era addirittura indegno di ricoprire quel ruolo))ed ha abbandonato l\'aula.<br />
Ora mi piacerebbe capire, specialmente poi se me lo spiegassero coloro che spesso su queste pagine hanno inveito sulla mancanza di democraticità di questa maggioranza per colpa della quale qualsiasi dibattito democratico è umiliato, mi piacerebbe capire, dicevo,che senso ha tutto ciò.<br />
Date un lume alla mia ignoranza.

Troppo comodo signor mauri chiederlo a noi. Si iscriva a un corso accelerato per corrispondenza. Perché è tutto chiarissimo: l\'inversione dell\'ordine del giorno ha un senso preciso e non è mai fatto per favorire la democrazia.

Non mi intendo affatto di come funziona la macchina comunale in questi casi: mi piacerebbe sapere cosa sottintende questa azione, e quali conseguenze avrà su tutta la discussione (a parte l\'allungamento della discussione)<br />

A parte tutto ciò che combinano in Consiglio, ogni campana che senti ha ragione, mi chiedo se l\'abbandono dall\'aula a Consiglio iniziato da diritto o meno al gettone di presenza ai vari Consiglieri. Mi auguro proprio di no, altrimenti gli sbandieratori dello sperpero dei soldi pubblici, sono i primi ad approfittarne. Visti gli innumerevoli abbandoni da parte dei Consiglieri, non sarebbe giusto togliere i gettoni presenza a chi non svolge il suo lavoro sino in fondo?<br />
Quanti soldi pubblici risparmieremmo? <br />
Grazie

Non so cosa preveda il regolamento in merito ai gettoni di presenza ma credo che anche il criterio \'sedia calda\' si scontri un pò con lo <br />
-sperpero utile- dei soldi pubblici.

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Fortuna che per obelix è tutto chiaro, ma per me continua a non esserlo.<br />
Tutti gli ordini del giorno erano stati presentati dalla minoranza, quindi anticipare quello contro il Presidente del consiglio a quello sul Casinò non so quale \"senso preciso\" abbia.<br />
Poi in consiglio c\'erano docici consiglieri facenti parte delle forze politiche che avevano presentato quelle mozioni e neppure tutti di loro hanno votato a favore; poi in ultimo abbandonano pure l\'aula facendo decadere ciò che avevano loro stessi presentato.<br />
Cosa c\'entri la democrazia quindi non mi è chiaro, e neppure il \" senso preciso\".<br />
Se me, e se ce lo spieghi penso che in molti te ne saremmo grati.<br />

Io sono solo incazzato per una cosa e chi deve capire capisca:<br />
<br />
Fare l\'allenatore di una squadra è una responsabilità un milione di volte maggiore rispetto a quella di fare il consigliere comunale.<br />
<br />
Scusate l\'ermetismo.