Marasca: i soldi pubblici devono essere impiegati nell\'interesse di tutti

2' di lettura 02/04/2009 - \"Esprimo dispiacere per i toni usati da un Assessore della Città di Jesi, Gilberto Maiolatesi, nei miei confronti. Credo di avere espresso in maniera corretta e libera quella che è la mia posizione in merito all\'allestimento di nuove sedi per una sola associazione, in questo caso il TNT, con soldi pubblici\".

I soldi pubblici devono essere impiegati nell\'interesse di tutti e in questo caso, se un investimento deve essere fatto, deve essere fatto per tutte le associazioni attive sul territorio cittadino. Questa è la mia idea, che come tutte le altre mie posizioni porto avanti a testa alta in Consiglio Comunale dai banchi dell\'opposizione. Per quanto riguarda gli insulti e le offese personali inoltratemi da Maiolatesi credo che ci siano nella nostra democrazia organi preposti ad accertare determinate responsabilità e valuterò nei prossimi giorni se sarà necessario procedere nei suoi confronti. Dispiace vedere un Assessore che, invece di mostrarsi come un istituzione al servizio di tutta la città, difende a spada tratta gli interessi particolari di un gruppetto di individui, che, organizzando determinate iniziative, ha provocato ingenti disagi ai residenti di via politi.



Dispiace, soprattutto, per il fatto che continui a tutelare pochi con i soldi di tutti. Per quanto riguarda il collega Polita, ricordo all\'Assessore Maiolatesi, che l\'intero consiglio, ad esclusione della sinistra radicale, ha preso atto, approvando la mia mozione, della situazione che io descrivo e che lei fa finta di non vedere. Invito dunque l\'Assessore Maiolatesi a placare le sue ansie e le sue ire funeste, sperando che chi voglia dire qualcosa lo possa fare senza subire \"conseguenze pericolose\", che tra l\'altro sta alla base della nostra democrazia. Di tale libertà di pensiero in fondo ha potuto usufruire anche lei, basti guardare alle sue esperienze di lotta completamente stravolte a favore di attuali e importanti impegni di governo.


da Matteo Marasca
capogruppo Movimento Democratico




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-04-2009 alle 16:52 sul giornale del 02 aprile 2009 - 2798 letture

In questo articolo si parla di politica, jesi, movimento democratico, jesi è jesi, matteo marasca


vergogna

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Complimenti a Marasca per la pacatezza che riesce a mantenere pur confrontandosi con un individuo che riesce a parlare solamente alzando i toni.

A me sembra che è stato proprio Marasca ad alzare i toni...ha dato un consiglio a Maiolatesi e lui ha semplicemente ricambiato il favore. Marasca, comunque, se le doveva aspettare queste dure critiche..definire \"iniziative pseudo-culturali\" quelle del Centro Sociale è secondo me un sacrilegio e una bestemmia. Dovrebbe conoscere prima di sporcarsi la bocca di certi argomenti, Maiolatesi gli ha solo dato una lezioncina.

Anonimo

Condivido in pieno le affermazioni di Marasca.<br />
Autogestione non vuol dire occupare uno spazio, non vuol dire vendere all’interno cibi e bevande senza garanzie igieniche e senza rispettare adempimenti fiscali, non vuol dire organizzare concerti in un luogo privo di agibilità senza la possibile individuazione di un eventuale responsabile giuridico.<br />
<br />
A Jesi ci sono molte associazioni che aspettano risposte dell’amministrazione comunale per l’assegnazione di una sede e non vedo il perché il TNT dovrebbe avere precedenza sulle altre, e soprattutto perché tale processo dovrebbe avvenire a spese del Comune.<br />
<br />
Ritengo che tutte le esperienze associative siano importanti alla stessa maniera.<br />
<br />
Per loro è facile: si costituiscono assemblea permanente e credono che questa sia la soluzione per tutti i mali, quando invece la famosa attività politica dal basso del TNT è da anni che ha preso una strana piega, e proprio per questo ha perso molti dei costituenti storici.<br />

nik

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Maiolatesi è maestro nell\'alzare i toni ed è anche l\'unico che si permette di dire parolacce durante il consiglio comunale.<br />
Il TNT è una associazione come a Jesi ce ne sono tante, altrettanto attive e senza scopo di lucro.<br />
Non si capisce il perché esso debba usufruire dello spazio più grande tra quelli messi a disposizione.<br />
Quanto alle iniziative si tratta di 7/8 cose in un anno, ma nessuno protesta infatti per le mostre o per il convegno con Connet.<br />
Di concerti ne fanno un po\' di più e non si comincia mai prima delle una di notte.<br />
Senza tirare in ballo questioni personali, basterebbe usare un po\' di civiltà e rispettare qualche regola comune.

il tnt che sappia io è l\'unico posto che settimanalmente permette ai giovani artisti jesini e non solo di esporre le propie opere in mostre aperte a tutti, forse queste iniziative per il consigliere sono pseudo culturali, ma non penso che i cittadini, e probabilmente anche chi lo ha votato, la pensino così. certo sarebbe carino che qualcuno che siede in consiglio comunale essendo giovane proponesse quello che il tnt sta facendo per i giovani e che qualcuno vuole impedire, ma probabilmente è troppo impegnato a scrivere hai giornali. per fortuna che c\'è il tnt che quando c\'è qualcosa che serve ai cittadini e che sfugge ai \"politicanti\" ci pensa lui. come faremo senza????<br />
I love TNT

I soldi pubblici devono essere utilizzati nell\'interesse dei cittadini e non nell\'interesse di tutti perchè ciò sarebbe impossibile, non è che tutti hanno gli stessi interessi, e così si lascerebbe nelle mani di privati che ci speculano sopra servizi o iniziative o quantaltro servisse al pubblico cittadino, esempi possono essere la fondazione spontini, che non so se prende soldi dal comune ma sicuro ha il monopolio di un qualcosa ed è come se gli venissero dati. Lo stesso si può dire dei trasporti pubblici, che non sono usufruiti da tutti, ma da alcuni cittadini non per questo il comune non utilizza soldi pibblici per il sistema dei trasporti o comunque ha lasciato il monopolio del servizio a chi ci specula sopra. Il tnt organizza iniziative pubbliche, teatro, concerti, mostre aperte a tutti e in cui tutti possono esporre, queste potrebbero essere considerate iniziative pubbbliche e quindi per i cittadini, anche se non tutti poi ne usufruiscono. Se qualcuno si facesse un giro in città e tra i giovani capirebbe che è come se delle cose che il comune non sa fare, o non può fare, o non vuole fare, sono invece fatte dal tnt per i cittadini di qualsiasi ceto, religione o etnia senza che nessuno ci speculi sopra. è quindi fondamentle che sia dato uno spazio adeguato al centro sociale, che gli permetta di continuare a fare quello che alla città serve, e che nessuno, senza specularci sopra e quindi senza chiedere denaro che non permetterebbe a tutti di usufruirne (specialmente in un momento di crisi) e senza chiedere la selezione al ingresso che escluderebbe per forza qualcuno, non riesce a fare.

Credo che si stia facendo spesso confusione tra il TNT di una volta e quello di adesso.<br />
Cortesemente, quali sarebbero le battaglie del TNT per la città? <br />
Quella sulla Turbogas?<br />
Battaglia persa dalla quale il TNT si ritirò anche prima di Rifondazione?<br />
Oppure quella moooolto silenziosa contro la riconversione SADAM?<br />
Mi dica cosa ha fatto il TNT per la città negli ultimi anni, la prego!

L’unica cosa che viene chiesta al TNT è quella di rispettare le comuni norme e regole di convivenza.<br />
Anche io allora potrei aprire un locale nel mio ampio garage fregandomene di autorizzazioni igieniche, di agibilità e licenze varie. Nessuno potrebbe dirmi niente. Se lo fa il TNT allora lo faccio anche io e potremmo farlo tutti.<br />
<br />
Occupazione deve essere per forza sinonimo di illegalità?<br />

Interessante!Allora mi spiega perché molti dei membri del TNT alle ultime elezioni comunali erano candidati con i Verdi, mentre 5 anni fa avevano addirittura costituito una propria lista?<br />
<br />
Ripeto: occupazione e autogestione devono per forza far rima con illegalità e non rispetto delle regole?

Anonimo

Il TNT non è un associazione come ce ne sono tante altre, bensì un centro sociale che è una cosa completamente diversa e a cui orbita a torno varie associazioni. Le serate concertistice,\" che non iniziano prima dell\'una \" perchè probabilmente jesi il finesettimana è viva e i ragazzi invece di dare soldi a privati o spostarsi da jesi con il rischio di farsi togliere la patete e rischiare incidenti, (ebbene si i giovani e non solo bevono, usano sostanze, si inebriano per non pensare alla vita di tutti i giorni in questa città, paese, mondo che si sono ritrovati e che si sentono inermi nel cercare di cambiarlo, e tutto questo non ne è responsabile il TNT) vanno al TNT.Concerti \" 7/8 cose in un anno \", sono molto meno delle altre iniziative organizzate a jesi e non solo. Tanto è che le mostre d\'arte \" pseudo culturali \" come le ha definite marasca, si svolgono ogni settimana, cosa che non sarebbe possibile in una stanzetta.

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Anonimo

bè anzitutto tutto quello che ho gia detto, forse si riferisce a iniziative politiche? credo di si perchè per quanto riguarda il resto penso che basti... bè per quanto riguarda la riconversione sadam il tnt si è mosso al di fuori di certe inutili strumentali e grillamente inopportune manifestazioni di dire di no a tutto anche e non solo con un incontro molto interesante e con persone qualificate nella sede di via politi, che probabilmente lei ha perso, ma nello specifico se vuole ne parliamo in altra sede..... ha portato in piazza ragazzi delle scuole superiori contro la riforma gelmini; ragazzi, associazioni, migranti, persone sulla questione palestinese (per non parlare delle iniziative svolte su questo in via politi); fatto un iniziativa poche settimane per spiegare lo scandalo del pacchetto sicurezza; e tanti altri incontri, manifestazioni e azioni svolte negli anni che nulla hanno a che invidiare con quelle passate dal momento che il tnt è sempre il tnt da 21 anni a questa parte, sempre lo stesso e sempre mutevole nella sua iniziativa politica e di lotta. per non parlare dele cose fatte fuori la città, nella provincia, nella regione e in tutta italia. se pensa di poter dare un contributo e fare di più perchè non va anche lei?

Anonimo

cosa centrano le candidature? se vogliamo parlare di strategia politica non penso che sia questa la sede opportuna.... <br />
<br />
la legge è fatta per essere cambiata, autogestione significa che le regole non le fa qualcuno delegato che poi le modifica a propio piacimento, bensi che le regole si fanno in maniera partecipata. So che il TNT ha chiesto da tempo una soluzione per il disagio non del quartiere ma di una famiglia, e autonomamente e quindi in maniera autogestita ha provveduto nel cercare di dare meno disagio possibile, con un auto regolamentazione del numero delle serate svolte, da due a settimana ad una al mese, insonorizzazione, controlli autorganizzati esterni ed interni alla struttura ecc..... ed un tavolo di trattativa con il comune. qui non è un problema delle regole, perchè probabilmente chi le fa non conosce la realtà delle cose, i bisogni, e se ne stanno andando anche i diritti, ed il tnt per ora è l\'unico in città ad aver fatto un iniziativa che spiega quello che questo governo sta facendo nel campo della \" sicurezza\" e guarda caso arriva un attacco della magistratuta.... ma guarda....

Anonimo

Trovo che il \"giovane\" assessore Marasca abbia avuto molto coraggio nell\'esporre un opinione che molti cittadini condividono. Ho notato con disappunto le velate minacce rivoltegli nel corso della discussione di questi giorni dall\'assessore Maiolatesi dalle colonne di questo giornale. Come anche la definizione di \"giovane\" che Maiolatesi ed i suoi compari gli hanno appiccicato addosso.<br />
Meglio \"giovane\", o meglio navigato come l\'assessore, che da \"occupante\" di luoghi pubblici ha scalato i vertici della politica, solo poi per tacere, dall\'alto del suo scranno, su argomenti che lo riguardano direttamente come assessore. O meglio: per riprendere i consiglieri che si esprimono con coscienza su questioni che coinvolgono anche l\'etica solo per dire che un politico deve votare \"adormentando la coscienza e le proprie opinioni\".<br />
Queto sarbbe l\'assessore rapresentante delle forze di sinistra ? Aspettiamo ancora un suo intervento sui temi che lo riguardano, come la SADAM.

é qui che si sbaglia, al TNT viene chiesto da parte del consigliere Marasca di scomparire, e con esso un luogo di resistenzza, libertà e democrazia,con grave danno per molti cittadini, per la città e non solo, fermo restando poi che ognuno ha le sue idee politiche. ma quelo che il TNT fa in questa città è fondamentale e non lo fa nessun alro. e non è detto che deve essere fatto senza regole, ma qui si cerca di sopprimerlo. ora il io ragionamento è questo: perchè? o perchè il signor consigliere è contrario di principio, e questo secondo me fa parte di un ideologia di destra, e allora dovrebe entrae nelle file di AN, oppure dal momento che egli fa parte di un movimento che sta all\'opposizione ma che è parte del PD, che alle prossime elezioni probabilmente si ricompatterà, sta cercando di far cadere la giunta colpendo in un punto debole sia perchè il TNT è in occupazione, sia perchè in giunta c\'è un assessore che fu uno dei fondatori del centro sociale.....? le sembra un ragionamento da pazzi?

non mi sembra un commento da sconsigliare, è una chiara risposta alle domande.....!!!!

Off-topic

Ok. Lo \"riabilito\".

\"bè per quanto riguarda la riconversione sadam il tnt si è mosso al di fuori di certe inutili strumentali e grillamente inopportune manifestazioni di dire di no a tutto anche e non solo con un incontro molto interesante e con persone qualificate nella sede di via politi, che probabilmente lei ha perso, ma nello specifico se vuole ne parliamo in altra sede.....\"<br />
<br />
Ma non dica corbellerie. Sorovlo sul \"no a tutto\" perche\' il comitato di soluzioni alternative NE HA DATE e NE HA PARLATO (a differenza del TNT, che pur di non andare contro il suo assessore TACE). L\'unico evento realizzato dai diversamente obbedienti (perche\' di disobbedienti non si puo\' piu\' parlare DA UN PEZZO) e\' stato quello con il prof. Polonara e l\'assessore Olivi.... che hanno fatto proprio una bella figura !! Ritenendo di essere in campo \"favorevole\" si sono lasciati andare a \"sfrondoni\", salvo poi non saper rispondere incalzati dalle domande del presidente del Comitato. <br />

Le corbellerie le dice lei, e ritengo troppo facile non che strumentale tirare in ballo una questione così coplicata come è quella della sadam, che ragionarla dal solo punto di vista ambientale è molto riduttivo anche se da considerare, certo, ma molto riduttivo, e sarebbe impossibile parlarne qui. <br />
E un altra cosa, ero presente all\'incontro sopra citato e non mi sembra di avere assistito alla scena da lei descritta, se non che ad un monologo composto da dati e cifre non relative alla vicenda dal mometno che non sono presenti neanche progetti....

Lo vuole capire che a prescindere dai fini lodevoli più vari, dentro lo stabile di via Politi non c\'è niente a norma e non viene rispettata nessuna norma vigente e valida per qualsiasi altro soggetto privato voglia proporre iniziative simili?<br />
<br />
Per aprire una taverna durante il palio di san floriano bisogna fare un mare di richieste almeno 45 giorni prima e non parliamo per tenere una stabile attività di bar.<br />
<br />
Con la scusa di occupazione e autogestione il TNT non rispetta nessuna legge. Si mettessero in regola (spendendo i soldi che hanno) e poi possono fare tutto quello che vogliono.

Coppa Gilberto

Invito il TNT a non mollare; pur non essendo politicamente a voi vicino, reputo che a Jesi, come in tutta Italia, ci sia in atto un tentativo di pianificare la vita sociale e politica verso un modello \"da percepire come sobrio, rispettoso, quiescente\" del \"pensiero unico unificato di gradevole restaurazione\" con il solo scopo di continuare a fare i propri comodi; la questione Sadam non è solo un problema economico-ambientale ma anche un \"carrier\" per lobby politico-economiche. Finchè ci sarà qualcuno, come voi, che non si piegherà al \"pensierò unico\" ci sarà in Italia una speranza per tutti; per chi, invece, spera di tenervi sotto controllo, gli dovete dire che non c\'è \"trippa per gatti\" e che le coscienze libere non hanno bisogno di omologazioni o lasciapassare. Se il luogo dove ora state non è idoneo è giusto che ve ne andiate da lì; non sarà difficile trovarne uno più adatto alle vostre manifestazioni. Un ultima cosa; provate a firmarvi quando postate; anche questo è un segno di libertà dai condizionamenti. <br />

Anonimo

Non capisco come mai tutti questi richiami alla libertà e alla sua repressione. Qui stiamo solo parlando di stare alle regole, che d\'altronde tutti gli altri rispettano.<br />
<br />
Se vi va bene il comportamento del TNT, allora io da domani occupo il cantinone di via san marino (spazio comunale) e ci faccio un locale.<br />
Se passa qualsiasi tipo di ispezione, gli dico che \"occupo e autogestisco\".<br />
Se mi trova qualcosa che non va e vuole farmi chiudere, gli dico che sta violando la mia libertà e mi faccio un\'assemblea permanente da solo in attesa di soluzioni dal comune.

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV