Aeroporto: l\' assessore Daniele Olivi risponde al consigliere Rossetti

daniele olivi 05/04/2009 - Prendo atto che il consigliere Rossetti non trovi di meglio che lamentarsi del fatto che il Comune di Jesi non abbia aderito alla richiesta di ricapitalizzazione della propria quota in Aerodorica, la società che gestisce l\'aeroporto di Falconara. Ad ogni modo, per tranquillizzare i cittadini su questa vicenda che immaginiamo faccia loro vivere tremendi notti insonni, desidero precisare quanto segue.

Se Rossetti, invece di esercitarsi con le sue dotte dissertazioni di strategia economica, fosse stato ad ascoltare il mio intervento nel Consiglio comunale del 19 dicembre scorso, avrebbe saputo allora, e non ieri l’altro, che nell\'art.3 della Finanziaria 2008 è introdotto il divieto per le pubbliche amministrazioni di assumere partecipazioni anche minoritarie in società aventi ad oggetto attività di produzione di beni e servizi non strettamente connesse per il perseguimento delle proprie finalità istituzionali.

Malgrado questa disposizione, il Comune di Jesi ha ritenuto comunque di restare in Aerdorica con la propria quota, non sottoscrivendo l\'aumento di capitale. Lo ha fatto non per motivi finanziari - l\'aumento era irrisorio, pari a 24,71 euro - ma per una precisa scelta che si basa sulle seguenti considerazioni:

- l\'aeroporto è una struttura strategica per il territorio marchigiano e dunque compete soprattutto a Regione e Province, come puntualmente stanno facendo, rapportarsi con il privato per il suo rilancio;

. Jesi, in fatto di logistica e trasporti, è tra i Comuni più attivi della regione, visto che con interporto e nuovo scalo merci ferroviario si pone all\'avanguardia per strutture e servizi, senza contare che il Ministero delle Infrastrutture ha scelto proprio Jesi quale Comune capofila per il progetto di “Trerritorio-snodo” volto ad individuare le nuove opere da realizzare nell\'asse che va dal mare agli appennini;

- relativamente alla valorizzazione dello scalo aeroportuale, solo con demagogia e facile populismo ci si mette la coscienza a posto tirando fuori 24,71 euro.

Una Amministrazione seria e responsabile, viceversa, si deve interrogare su come sfruttare le potenzialità dell\'aeroporto in funzione del proprio territorio e dunque ha già manifestato l\'interesse a concorrere a tutti quei progetti - il primo dei quali in campo turistico - che possano consentire di valorizzare Jesi e la Vallesina e garantirne l\'agevole accesso tramite aeroporto.

La presenza nel consiglio di amministrazione del Sistema turistico locale va anche in questa direzione. Su questo percorso, fatto di concretezza e non di sterili polemiche, sono pienamente disponibile a discuterne di nuovo in Consiglio comunale. Auspicando che, almeno in questa circostanza, il consigliere Rossetti non sia distratto.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-04-2009 alle 11:59 sul giornale del 06 aprile 2009 - 1233 letture

In questo articolo si parla di politica, jesi, aeroporto, Comune di Jesi, daniele olivi, rossetti


Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque