Terremoto in Abruzzo, partono i primi tecnici della Provincia di Ancona

08/04/2009 - Due ingegneri, due geometri e quattro operatori stradali della Provincia di Ancona. Ecco la prima squadra che mercoledì partirà per L’Aquila in soccorso alle popolazioni terremotate.

Ne ha dato comunicazione la presidente della Provincia di Ancona Patrizia Casagrande poco fa in consiglio provinciale. Durante la seduta, che ha rispettato un minuto di silenzio per le vittime del terremoto che ha colpito l’Abruzzo, la presidente ha comunicato gli interventi messi in atto dall’ente.


Si tratta di azioni coordinate con il dirigente della protezione civile delle Marche Roberto Oreficini. Anzitutto, domani, sotto la guida dell’ingegner Dolciotti della Provincia di Ancona, partiranno i tecnici selezionati in base a quanto richiesto dalla protezione civile: ossia esperti in grado di verificare l’agibilità degli edifici. Poi, altri tecnici si avvicenderanno nei giorni a seguire. La Provincia ha anche messo a disposizione della prefettura di Ancona, che sta collaborando con quella de L’Aquila, otto forze di polizia provinciale contro lo sciacallaggio. Disponibili anche i macchinari per lo sgombero delle macerie e le strutture ricettive del territorio per accogliere gli sfollati, qualora fosse necessario.


“La Provincia di Ancona – ha detto la presidente Casagrande – è una delle province più vicine territorialmente al luogo della tragedia e, allo stesso tempo, meno coinvolta dal sisma. Per questo è quella che di più può esternalizzare gli aiuti e che più ha messo a disposizione mezzi e persone, mettendo a frutto la terribile esperienza del 1997”. Tutto il consiglio ha espresso profonda soddisfazione per le azioni messe in campo dalla Provincia di Ancona.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-04-2009 alle 14:36 sul giornale del 08 aprile 2009 - 838 letture

In questo articolo si parla di attualità, provincia di ancona, patrizia casagrande esposto, ancona