\'Nuove Sviste\' prosegue con Lorenzo Mariani

3' di lettura 15/04/2009 - Sabato 18 aprile alle 18,30 è Lorenzo Mariani a mostrare nella Chiesa di San Bernardo la sua particolare abilità per l\'iniziativa Nuove Sviste: Nove percorsi d\'arte contemporanea.

Parlare di immagine musicale apre una serie di prerogative, riguardanti una vasta schiera di gruppi di diverso genere, che dominano i febbricitanti palchi della scena contemporanea. Ovvio e per giunta scontato è suggerire lo stretto collegamento tra arte e musica, discipline che da sempre si sono contaminate e alimentate reciprocamente nella pratica e nella teoria di molti artisti. Interessante ed estremamente attuale, è invece declinare il binomio arte e musica alla ricostruzione lenticolare di un’intricata rete di personaggi la cui specifica produzione musicale ne determina una precisa ed identificabile immagine visiva. Lorenzo Mariani si impegna severamente nell’elaborazione di questo tracciato visivo - musicale giungendo ad evidenti risultati.



Coinvolti nella sua minuziosa ricerca sono i musicisti raccolti sotto sigle prevalentente anglofone, distribuite nell’underground più sincero, sfuggenti alla retorica musicale di massa. Visi espressivi, pelli tatuate escono dal chiaro segno grafico di Lorenzo Mariani, capace di congiungere le varie personalità di un mondo musico – visivo con l’uso della matita. Con la precisione pari a quella dello strumento fotografico, Lorenzo Mariani ci restituisce una serie di “sharp focus” (parole rubate a Sidney Janis!) che facilmente ci introducono nella ambigua stagione dell’Iperrealismo.



Agli inizi degli anni ’70, rifiutando le tendenze ambientaliste e concettuali e allo stesso tempo rifuggendo da qualsiasi intento citazionista, gli artisti iperrealisti, in linea con la stagione Pop, continuano ad ammirare tutte le frange del contesto urbano, metropolitano sfidando la fotografia nella ripresa fedele del reale. Il mezzo pittorico o grafico, minacciato da quello fotografico, non si persuade assolutamente nel farsi da parte, ma intimorito dalla potenza del suo rivale ne ripercorre le orme. Ricalcando e seguendo i passi dell’immagine fotografica del mondo, la riproduzione con matita e carboncino si dota però di quell’aura di valore aggiunto che spetta al rifacimento “a mano” minuzioso e precisionista al massimo. Movimento, quello Iperrealista, che nasce in America con personaggi come Paul Staiger, Richard Estes spinti dal desiderio di commentare oggettivamente la solitudine degli uomini e delle cose in una società dell’apparire. Lorenzo Mariani, adottando la meccanicità fotografica impugna, certo di giungere ad una valida e veritiera teoria, la matita per riprodurre i musicisti senza compiere azioni di concettualizzazione o schematizzazione.



La soggettività del suo lavoro sta però nel puntare l’obbiettivo, fino a giungere a delineare e constatare i tratti genetici ed artificiosi che, a seconda delle flessioni musicali, ogni gruppo musicale assume. L’artista ci sbandiera così, con iperrealista veridicità, codici identificabili che legano immagine e musica. La mostra resterà aperta fino al 3 maggio 2009 e sarà possibile visitarla tutti i giorni dalle 17 alle 20 (lunedì chiuso).



Nuove Sviste è un progetto, elaborato da Loretta Mozzoni e Simona Cardinali, curatrice della sez. di arte contemporanea della Pinacoteca Civica, in collaborazione con Francesco Maria Tiberi dell\'Ufficio Cultura, che intende valorizzare e promuovere le ultime tendenze dell\'arte contemporanea ed offrire alla creatività giovanile delle occasioni di visibilità, favorendo lo sviluppo di un circuito culturale ed artistico in un territorio bisognoso di manifestazioni ed occasioni di scambio indirizzate in particolare ai giovani talenti. Nuove Sviste: Nove percorsi d\'arte contemporanea è un\'iniziativa organizzata e promossa dall\'Assessorato alla Cultura del Comune di Jesi e dai Musei Civici, con il fondamentale sostegno dell\'Assessorato alla Cultura della Provincia di Ancona.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-04-2009 alle 15:36 sul giornale del 16 aprile 2009 - 1033 letture

In questo articolo si parla di cultura, jesi, Comune di Jesi