Savì: adè \'ncumenzane le cose serie e quellu che pensamu lu tenemu per nò

3' di lettura 17/04/2009 - Adè che tuttu enne prontu ve digu \'na cosa… nua urmai ce semu fatti tutti i cauli dell\'altri e ce semu spassadi a discore de quessi e quelli.. adè però \'ncumenzane le cose serie e forsi saria meiju che quellu che pensamu lu tenemu per nò...

(U) \'Rminiu, i cumpradu \'l bugiardò.. cu c\'è scrittu?


(\'R) cu c\'è scrittu.. c\'è scrittu che urma ienne tutti pronti, i curidori, mancherai solu quellu de la diaguale che ancò sta a pijà le misure ma urmai ce semu….


(U) e cume giremo a finì?


(\'R) giremu a fenì .. che il duttore, Secchiaroli, nun c\'ha capidu gnente. P\'el troppu capì chi me trou…speramu inte la segonna botta… l\'aucadu…Osimani.. se sforzerà ma nun mucchierà tantu.. Cartuccia.. è da per lu.. e pogo fa pogu.. Bumpadre…c\'ha tanta voija ma nu je la farà…L\'Andreona.. sotta sotta ride e se prepara\'l vestidu pe la segonna botta. Simuncì sta\'nte \'na botte de feru e solu lu la pole sdogà.. tuttu pole esse.. ancò lu spera..anzi enne siguro… Buccella.. cure pe fa mucchiu dopu…La Buscarina.. se cunteranne \'ntra de lora.. ma pole servì pe dopua calchidu.. cull\'altri, tutti cull\'altri curtene pe l\'acqua…


Arriva Savino


(S) bungiornu.. cme \'ndamu.. u lettu la baghega del giurnalaru e me pare che urmai tutti bughi enne tappadi.. già enne tre che me fermane pe famme firmà pe lora.. iu nun firmu pe gnisciù…


(R) mancu iu


(U) a me cullu stubbidu de mi nipode m\'ha fattu firmà \'na carta ma nun u capidu per cu s\'era..


(S) adè che tuttu enne prontu ve digu \'na cosa… nua urmai ce semu fatti tutti i cauli dell\'altri e ce semu spassadi a discore de quessi e quelli.. adè però \'ncumenzane le cose serie e forsi saria meiju che quellu che pensamu lu tenemu per nò... dighene che putemu \'nfluenzà i vutanti perché quellu che emu dittu a la gente ija piaciudu.. e pure multubè.. nuà urmai semu fora da i discorsi e se nun ce \'mpicciamu cu gnisciù..stanne meiju lora e stamu meiju nuà perché la pulitiga è enne cume \'l pallò… alla fi te fa fa a cagnarà pure cu babbedu e mammeda.. sede d\'accordo?


(\'R) a me me sta bè.. e pe fatte cunvintu oggi pagu io da bé..


(U) iu .. iu pure sto cu valtri e se mi nipode me tacca a discore lu scrucefissu de cazzotti!!…..\'ndamu a bè.. che se ce \'rpensa semu ruinadi!!!!



Ai lettori

Savì si ritira in buon ordine in attesa dei risultati finali. L\'autore spera di avervi fatto passare alcuni momenti allegri di questo triste spettacolo che è diventato e sta diventando la politica locale e nazionale. Ogni cosa viene travolta per essa.. per il consenso.. e noi cittadini… bè, diceva il buon don Carlo... ogni popolo ha il governo che si merita… chiedo a tutti voi, e a me stesso.. di darci non un governo.. ma un BUON GOVERNO.

Savì






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-04-2009 alle 13:45 sul giornale del 17 aprile 2009 - 2674 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, osimo, satira, Savì