Primarie di coalizione per la maggioranza: Volpini si chiama fuori

Fabrizio Volpini 20/04/2009 - Pd e Verdi prendono tempo. Manca ancora un anno alla scadenza del mandato di governo ma già la politica è in pieno fermento. Rifondazione Comunista e Pdl per la prima volta hanno scoperto le carte giocando in largo anticipo.

Il partito dell\'ex assessore Rebecchini ha aperto le danze annunciando la candidatura a sindaco del consigliere comunale Roberto Mancini. Sabato scorso Pdl e liste civiche hanno fatto quadrato attorno a Fabrizio Marcantoni, che torna in lizza per quarta volta per la poltrona di primo cittadino. A questo punto i giochi sembrerebbero più o meno fatti (manca all\'appello l\'Udc che non dovrebbe sostenere Marcantoni) considerando che la coalizione di governo presenterà un proprio candidato. La maggioranza di centro sinistra però preferisce temporeggiare e partire con le primarie di coalizione a fine estate. E anche se l\'assessore all\'urbanistica Maurizio Mangialardi resta il favorito nella successione all\'Angeloni, l\'erede del primo cittadino dovrà comunque passare per le primarie. E già spunta la prima novità. Il segretario del Pd e assessore ai servizi alla persona Fabrizio Volpini si chiama fuori dai giochi elettorali e annuncia che non parteciperà alle primarie.


A Marcantoni faccio i complimenti per la candidatura ma segnalo la modalità di una designazione tutta interna alle segreterie del Pdl -afferma il segretario Fabrizio Volpini- noi invece abbiamo uno strumento di partecipazione e di democrazie che sono le primarie. A fine estate, per ragioni di opportunità politica, daremo il via a quella che sarà una consultazione di coalizione, partendo dalle attuali forze che ci sostengono. Mi riferisco a Verdi, Idv, Sinistra Democratica, Repubblicani Europei e Comunisti Italiani. Rifondazione ha scelto, con atto unilaterale, di candidare Mancini, ma noi avremo contatto anche con loro. Quello che posso dire fin da ora è che mi chiamo fuori dalla partita delle primarie. Traghetterò il Pd fino al prossimo congresso e poi si vedrà”. Non usa mezzi termini il segretario del Pd nei confronti dell\'ex sindaco Marcantoni. “Accettiamo il dissenso contenuto nel programma elettorale rispetto ad alcune scelte operate per questa città, ci sta e sta nel gioco delle parti ma rigetto le accuse di mancanza di democrazia -aggiunge Volpini- non accettiamo questa pura demagogia. Piuttosto non so quanto centri la candidatura di Marcantoni nel contesto del tanto propagandato clima di novità”.


Sono contento che Volpini parli di primarie di coalizione -fa eco il segretario dei Verdi Roberto Primavera- ancora è presto per partire con la campagna elettorale. Non c\'è tutta questa fretta. Sulla candidatura di Marcantoni mi viene da dire che non è certo un personaggio nuovo. In consiglio comunale non ha brillato per proposte forti. Sono contento di vedere che ha ritrovato una certa motivazione politica. In verità un po\' tutta l\'opposizione non ha saputo avere un atteggiamento costruttivo. Direi che questa è un\'opposizione dei “no”, delle uscite dall\'aula e dei puntigli sulle questioni di metodo. Un centro destra troppo rinunciatario”.


Se il sodalizio Verdi-Pd continuerà anche nelle prossime elezioni, dovrà ufficialmente sciogliere ogni riserva l\'Idv entrato in consiglio comunale alcuni mesi fa anche se Enzo Monachesi tende la mano agli attuali alleati di governo. “Ci piace l\'idea delle primarie di coalizione -sostiene il segretario Idv Monachesi- a livello di segreteria non abbiamo ancora affrontato il tema delle prossime amministrative ma di certo non è all\'ordine del giorno una nostra uscita da questa maggioranza che ci ha accolti e coinvolti. Non ci sono motivi per pensare ad un nostro non coinvolgimento in un discorso di alleanze per le prossime elezioni”.






Questo è un articolo pubblicato il 20-04-2009 alle 23:55 sul giornale del 21 aprile 2009 - 5182 letture

In questo articolo si parla di fabrizio volpini, giulia mancinelli, politica


Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Commento modificato il 21 aprile 2009

Mi piace, Volpini. Tra tanti freddi calcolatori del PD locale che non fanno una mossa se prima non sono certi del risultato favorevole, Fabrizio è uno che mi assomiglia e ogni tanto si lascia andare alla passione. Nella politica di oggi, dove gli ideali sono diventati qualcosa di cui vergognarsi, merce rara. E, infatti, dice che si chiamerà fuori. Tanto di cappello.<br />
<br />
Ora vanno di moda le primarie. Ma vorrei chiarire che se saranno promosse le \"primarie di coalizione\" e non quelle di partito, il PD, per una questione di percentuali inserite ad arte nello statuto regionale, potrà presentare solo un candidato. E non potrà che essere Mangialardi, perché la sua corrente ha ovviamente la maggioranza nell\'assemblea comunale (da cui uscirà il nome del candidato). Dico \"ovviamente\", perché finora nel PD tutto è stato orchestrato di modo che la \"nomenklatura\" (che brutta parola!) che comandava nei DS e nei Popolari continuasse a comandare pure dopo la nascita del \"nuovo\" (sic!) partito. E così è. I numeri dell\'assemblea non concedono voce ad altri che non ai vecchi bisonti. <br />
<br />
Allora, Mangialardi designato \"democraticamente\". Contro chi? Ceresoni, Primavera, Monachesi? Boh. Però, ragionevolmente, quante chance avrebbe Ceresoni o chi per lui di vincere contro le sturmentruppen dei DS \"più\" Popolari (che poi sarebbero i DC di annata)? Vicine allo zero, ovviamente. Ecco allora che tutto andrebbe come doveva andare. Mangialardi (simpatico e sempre presente per borghi e città, per carità...) candidato, come già si sapeva da anni e comunque da quando, forse caso unico in tutta Italia, gli sono state affidate addirittura due deleghe \"topiche\": urbanistica e lavori pubblici. <br />
<br />
E arriviamo a Monachesi. L\'emorragia di iscritti e simpatizzanti nell\'IDV nelle Marche è un fiume in piena (ad Ancona e Montemarciano, per esempio, i dissidenti IDV sono nelle liste civiche coi dissidenti del PD), dopo che sul carro di Di Pietro è salito Favia - l\'uomo dai mille volti politici, purché potenzialmente vincenti o in grado di fare da \"ago della bilancia\" (FI, UDEUR, IDV) - che ha dato il via alle epurazioni dei segretari comunali e provinciali, quelli che, loro sì, si erano fatti il mazzo per raccogliere consensi \"dal basso\". Il partito è rientrato nei ranghi della politica contrattata: vedi Ancona e l\'appoggio strumentale al vincitore designato (dalla \"nomenklatura\") Gramillano. La politica degli inciuci, per intenderci (Favia sta già rivendicando posti in Giunta prima ancora di vincere e, certamente, in consiglio regionale). La politica che del parere del popolo bue se ne strafrega. Ora Monachesi gioca a fare lo statista. Ognuno ha quello che si merita. Anche a Senigallia.<br />
<br />
Amen. <br />
<br />
P.S. Giulia, \"c\'entri\" con l\'apostrofo. :-)

mauri

Quando ieri parlavo di primarie serie mi riferivo appunto alle modalità che Volpini e Primavera oggi espongono.<br />
Non mi scandalizza, anzi lo trovo normale che ogni partito decida al suo interno chi candidare alle primarie di coalizione, daltronde Marcantoni e Mancini chi li ha scelti se non le segreterie dei rispettivi partiti nelle loro \"segrete stanze\" ( per altro anche loro con un pò di maretta interna in quanto a rappresentatività democratica)<br />
Ed anche una eventuale lista civica di sinistra, di cui si vocifera, chi la deciderà se non il gruppo ristretto che da un pò ci sta lavorando? <br />
Ora invece per far si che le primarie siano una cosa seria dipende non più dai partiti ma dai cittadini.<br />
Ogni cittadino, anche quelli che non votano per questa coalizione, se vorrà potrà votare a favore di un candidato condizionando la scelta e quindi anche ribaltando eventuali previsioni date per scontate, o anche scegliere di non partecipare perchè non gliene importa nulla.<br />
E forse in questo modo c\'è un pò più di democrazia che nelle candidature già scaturite.<br />

Professoressa, secondo i calcoli che ho fatto in base a quanto deliberato nello statuto regionale (e ricordo che lei fa parte dell\'assemblea regionale che ha emanato quello statuto) a me risulta che i candidati del PD alle primarie di coalizione possano essere due!<br />
Così se ne vanno due paragrafi e mezzo del suo commento.<br />
Monachesi che fa l\'ago della bilancia? Sarà, ma a me non sembra.<br />
Poi, anche esistessero queste primarie truccate, proprio lei adesso viene a denunciarle? Si ricorda le primarie a cui lei era candidata?<br />
Proprio lei è stata eletta in lista bloccata, aforisma senigalliese: \"\'l cladaro che dice mal d\'la padella\".<br />
Il suo candidato civista di Ancona perchè non si è presentato alle primarie? <br />
Forse ha capito che il PD non è quello che cercate voi (per fortuna) o forse creare una lista civica assicura qualche poltroncina in più?<br />
Almeno si è dimessa dagli incarichi di partito che aveva?<br />
<br />
Alberto Bartozzi

Commento modificato il 21 aprile 2009

...possono essere due? Bene. Ma il succo del mio discorso non cambia. Chi vuole scommetere sul risultato? <br />
<br />
Punto due. Le primarie a cui ero candidata io erano quelle del 14 ottobre 2007. Il partito doveva ancora nascere e organizzarsi. E\' solo \"dopo\" che si è organizzato ed è infatti solo dopo che molti assieme a me hanno capito che è una burletta e un miserevole aborto.<br />
<br />
Rispondi a una domanda, Alberto. Perché le primarie sono \"concesse\" solo dove e quando si è certi di vincere e non - anche ricorrendo a piccoli imbrogli condannati invano dal Comitato dei Garanti - dove c\'è la possibilità che i soliti noti perdano (vedi Montemarciano)? O si fanno sempre (come sembrava alla costituzione del partito e come io avevo creduto) o non si fanno mai. Elementare, o sbaglio? E poi, che tu parli di \"poltroncine\" alla tua età è molto triste. Nessuno là dentro ti ha insegnato che al mondo esiste dell\'altro, in politica e non solo? Possibile che la vostra presunzione arrivi al punto di pensare che la democrazia la sappiate tutelare solo voi e che tutti gli altri abbiano solo biechi interessi da proteggere? Questa in psicanalisi si chiama \"proiezione\", sta attento... <br />
<br />
P.S. Non mi sono dimessa perché di incarichi politici non ne ho. Se poi alludi alla \"Commissione Progetto\", quella che avrebbe dovuto elaborare il progetto politico del PD delle Marche - pensa te, un partito senza progetto... ma come cavolo volete governare? - non mi sono dimessa perché non ce n\'è bisogno. La commissione si è riunita (su 26 componenti, in 5 tra aprile e giugno 2008) giusto le tre volte necessarie per eleggere la presidente indicata da Sara Giannini, la segretaria regionale che ha quasi esaurito il compito per il quale è stata eletta: mandare Agostini in Parlamento, candidare Ucchielli alle Europee. Ci rimane la rielezione di Silenzi alla provincia di Macerata, poi può anche tornare a casa. Poi, il nulla. Non è più stata convocata. Se e quando lo sarà (cioè, mai) sarà mia premura dire: \"Grazie per il pensiero. Ho altro da fare\". Adesso, perché sprecare un foglio di carta? <br />
E poi, questo pensare che tutti vadano in cerca di incarichi non ti fa onore, Alberto! Il mio stipendio non è gran che, ma cerco di cavarmela senza incarichi politici per me o per i miei famigliari. Lo sai, Alberto, che nelle Marche c\'è una partecipata (dalla politica, \"questa\" politica) ogni settemila600 abitanti (in Italia, una ogni 12mila) e una controllata ogni 10mila e 600 (in Italia, una ogni 19mila), oltre naturalmente alle varie associazioni \"culturali\", sportive, eccetera? E che l\'Italia è uno dei paesi al mondo in cui le imprese \"politicamente connesse\", in grado di trarre vantaggio (solo loro) dalla politica (\"questa\" politica) hanno un potere enorme, di venti volte maggiore delle consorelle statunitensi? Che vorrà dire, secondo te? E come puoi pensare che la politica (\"questa\" politica e questi politicanti) possa realmente far qualcosa per il Paese se pensa solo, in ogni modo e con ogni mezzo, a replicare se stessa? Anche tu sei già caduto nella trappola?

Prima la gente deve vincere, poi si vedrà.<br />
In ogni caso non siamo ancora a Caligola, che mise al senato il suo \"cavallo\": letteralmente...

Bé... io direi che la gente \"prima\" deve dire perché si presenta e con quale progetto politico e amministrativo (trattandosi di un comune), poi si vedrà. <br />
<br />
No, non siamo a Caligola, ma su una brutta china di paese ingessato, socialmente ed economicamente, sì.


fossi in te, Mariangela, un pensierino a dare le dimissioni da quell\'assemblea del PD (di cui ignoro il termine tecnico) lo farei<br />
<br />
loro non si accorgeranno di niente (sono 2800 membri, figurati) ma il gesto potrebbe rafforzare quel leggero distacco dal PD che vedo trasparire dai tuoi commenti<br />
<br />
anche l\'occhio vuole la sua parte

Certo, lo posso anche fare. Anche se l\'assemblea di fatto è stata superata dalla preparazione del Congresso. Però, vorrei ancora riservarmi il diritto di andare nelle assemblee a fare la lista della spesa di tutte le cavolate che hanno fatto. Perché no, in fondo? Non sono solita nascondere la mano... Perché il PD non sono loro, siamo noi. Tutti quelli che ci avevano ingenuamente creduto.

P.S. E poi, maddeche, vuoi mettere la soddisfazione di non poter essere espulsa perché non mi sono mai iscritta?

Vorrei fare alcune riflessioni, nella speranza di non offendere nessuno, premetto anche che non sono del PD.<br />
Si parla sempre della \"gente\", ma questo termine abusato ha una sua dimensione quantitativa e non solo astratta.<br />
Quando si dice \"...molti hanno capito che ara una burletta e un miserevole aborto...\" si dimentica che pare che sino ad un anno fa e forse anche alle prossime elezioni il PD è il secondo partito.<br />
Dimentichiamo anche che la \"gente\" è quella che in maggioranza ama berlusconi.<br />
Dimentichiamo che i \"noi che aveamo capito\" alle ultime elezioni non sono riusciti a portare neppure un parlamentare.<br />
Quindi la \"gente sceglie\" e sceglie diversamente da come ci piacerebbe. Sono tutti stupidi? sono tutti \" che non hanno capito?\"<br />
Se ci dimentichiamo di questa realtà qualsiasi analisi risulta campata in aria.<br />
In democrazia contano i numeri, le affermazioni di consensi illusori molto meno.<br />
A Senigallia ci saranno le primarie di coalizione, non è un\'occasione per far valere democraticamente le proprie preferenze invece di demonizzarle a priori perchè già scontate? certo se non si partecipa e le si critica e basta saranno scontate.<br />
Ma daltronde , mi ripeto, Mancini e Marcantoni in quanti hanno deciso la loro candidatura.<br />
\"noi di sinistra\" siamo incapaci di vedere le uova marce della destra ma abilissimi a trovare anche il minimo pelo in quelle della sinistra.<br />
Ma non c\'è problema troveremo sempre qualcuno a cui addossare la colpa se poi al governo ci ritroviamo la destra.<br />

Vede, Professoressa, non credo che un giovane cada nella trappola delle poltrone, si tratta solo di coerenza,a mio avviso...Il fatto è che a caderci(\"miseri stipendi\" a parte) siano proprio quelli come Lei ovvero i cosiddetti \"delusi\"o se vuole \"banderuole\"che girano, vagano da un partito all\'altro con smania di poterema che nella lontana gioventù erano carichi di belle speranze, ideali democratici e la pensavano diversamente da oggi. Ah, \"come si cambia....per non muorire...\" se la ricorda quella canzone?<br />
E poi, a Lei, chi glielo dice che il metodo democratico delle Primarie è ammesso quando si è già convinti di vincere?Nulla è dato per scontato, mai...questo dovrebbe saperlo,soprattutto in politica...Nessuno in questo caso è presuntuoso, la Democrazia va tutelata e basta e NON si permetta MAI PIU\' di usare termini riferendosi al partito Democartico quali \"burletta e un miserevole aborto\".<br />
L\'importante che ne è uscita Lei da questo partito, facciamo benissimo senza le Sue polemiche urlate e strillate.<br />

Off-topic

Caligola?<br />
Il difensore ex Bari, Juve, Genoa degli anni 80?