15.000 euro dai privati per il Parco Granita

liberazione 25/04/2009 - I privati uniscono le forze per riqualificare uno dei polmoni verdi della città. Il centro sociale L’Incontro e la Consulta Amici del Boario si sono dati da fare per la sistemazione del Parco Granita e del Campo Boario, ora restituiti alla città con arredi giardino, giochi per bambini e illuminazione nuovi di zecca.

L’operazione è costata complessivamente 15.000 euro, frutto delle iniziative e delle feste organizzate dalle due realtà associative nel quartiere San Giuseppe. Domani, in occasione della commemorazione del 25 Aprile, al Parco Granita nella zona antistante la palestra Carbonari si organizza la “Festa di Aprile”, un’occasione per ritrovarsi insieme e mostrare alla città cosa si può fare unendo le forze.

Hanno illustrato i dettagli del restyling, nel corso di una conferenza stampa, il consigliere comunale e componente della Consulta del Boario Matteo Marasca, del presidente Anpi (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) Daniele Fancello e dei deus ex machina dell’iniziativa: il presidente del Centro sociale L’Incontro Americo Massaccesi, il presidente del Comitato L’Incontro Antonio Balducci, la referente della Consulta Amici del Boario Anna Maria Bellu e il responsabile Auser provinciale Luigi Silvestrini. Era presente anche il presidente della Circoscrizione Est Giuseppe Di Lucchio.

“La Festa d’Aprile di domani (ore 16) - spiega Marasca - è un momento per presentare il progetto “Spazio Gioco” promosso dalla Consulta Amici del Boario e dal Centro sociale L’incontro per l’installazione di nuovi giochi per bambini e arredi presso il Parco della Granita e presso il Campo Boario, poi procederemo all’intitolazione del Parco Granita alla memoria del partigiano Ivo Pasquinelli”. In caso di maltempo la cerimonia e il brindisi finale si svolgeranno presso i locali del Centro Sociale.





Questo è un articolo pubblicato il 25-04-2009 alle 01:54 sul giornale del 24 aprile 2009 - 1715 letture

In questo articolo si parla di attualità, liberazione, Talita Frezzi