Assemblea territoriale per CittadinanzAttiva

cittadinanzattiva 29/04/2009 - Si è svolto il 23 aprile presso la sala convegni della Circoscrizione II Ovest in Piazza San Francesco a Jesi, il previsto incontro con Consumatori promosso da Cittadinanzattiva (Assemblea Territoriale di Jesi) e dall’Assessorato tutela consumatori della Regione Marche.

Il pubbilco incontro a riguardato il tema dei beni e servizi di maggior consumo delle famiglie, a cui era collegato il questionario predisposto appunto dall’Ente regionale, al fine di raccogliere dati significativi su cosa stiano percependo i consumatori riguardo alla spesa quotidiana ed alla qualità dei prodotti e servizi, nonché come questi incidano su di esse, anche in relazione alla crisi bancaria internazionale degli ultimi mesi. In particolare si trattava di aspetti relativi a: livello di conoscenza da parte dei consumatori delle Associazioni che li rappresentano (Cittadinanzattiva, e non solo) le difficoltà che le famiglie hanno ad arrivare alla fine del mese quali specifici prodotti e servizi incidono maggiormente sul bilancio familiare la qualità dei servizi e dei rapporti con società ed enti erogatori dei servizi medesimi la fascia di reddito e la composizione del nucleo familiare la comprensibilità delle etichette, la corrispondenza con quanto indicato nei volantini promozionali e più in generale il controllo da parte dei consumatori l’utilizzo di apparecchi automatici per acquisti e pagamenti la conoscenza dell’iniziativa regionale denominata “prezzi bloccati”.


Al di là della diversità delle risposte date in relazione alle situazioni specifiche di ognuno, sono emerse delle criticità comuni a quasi tutti i presenti, e queste riguardavano principalmente alcuni servizi, cioè la telefonia e l’energia elettrica. Riguardo alla telefonia, i consumatori presenti hanno lamentato soprattutto la difficoltà a confrontare le diverse offerte che vengono loro proposte, domandandoci a quali parametri oggettivi ed affidabili di confronto fare riferimento, ed hanno altresì lamentato l’eccessiva frequenza ed insistenza delle telefonate promozionali. Riguardo invece all’energia elettrica, sono giunte da parte dei presenti forti perplessità sull’affidabilità delle proposte fatte dalla nuova società Enel Energia. Su questo punto le notizie riferite dai presenti sono a dir poco preoccupanti, sia per quanto riguarda i risparmi promessi ma che in realtà non ci sarebbero rispetto ad Enel Distribuzione, sia per quanto riguarda l’efficienza del servizio pure garantito telefonicamente, ma che sarebbe ancora carente. In altre parole, ciò che è emerso riguardo a Enel Energia sono i costi nient’affatto convenienti, ed evidentemente un certo ritardo della fase organizzativa (non sarebbero ancora pronti bene).


Per quanto riguarda il confronto delle offerte telefoniche il nostro consiglio è anzitutto quello che ogni utente debba stabilire, sulla base delle ultime 6/8 bollette precedenti, i propri consumi medi (durata media per telefonata, numero medio di chiamate, distinguendole fra quelle verso cellulari e numeri fissi, nonché durata e numero di connessioni eventuali ad internet), mediante i quali procedere poi alla scelta del “pacchetto” più conveniente. Per quanto riguarda invece le proposte sull’energia elettrica, riteniamo che si sia ancora in una fase per così dire transitoria, nel senso che le società alternative ad Enel Distribuzione (quindi non solo Enel Energia) non siano ancora sufficientemente organizzate ad offrire un servizio alternativo realmente efficiente e conveniente sui costi, pertanto è consigliabile attendere ancora qualche tempo prima di provare ad effettuare il cambio di gestore.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-04-2009 alle 19:22 sul giornale del 29 aprile 2009 - 982 letture

In questo articolo si parla di attualità, CittadinanzAttiva