Monte Roberto: sorvegliato speciale in manette per inosservanza agli obblighi

carabinieri 1' di lettura 30/04/2009 - Arrestato, per inosservanza agli obblighi imposti dalla sorveglianza speciale, un 35enne siciliano, domiciliato a Castelbellino.

A.B., siciliano di 35 anni, sorvegliato speciale è stato tratto in arresto a Monte Roberto dai carabinieri della stazione di Moie di Maiolati Spontini per non aver rispettato gli obblighi imposti da tale misura di prevenzione.


L\'uomo, domiciliato a Castelbellino, sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale doveva, infatti, obbligatoriamente soggiornare nel Comune di Castelbellino. Invece, i militari, in servizio di controllo del territorio, lo hanno notato e bloccato a Monte Roberto. Da qui, A.B. è stato arrestato per inosservanza agli obblighi imposti dalla misura di prevenzione e trasferito nel carcere anconetano di Montacuto.


Il sorvegliato speciale nel tempo ha accumulato vari precedenti penali e di polizia per reati contro il patrimonio. Per fermare, o almeno frenare questi, i Carabinieri di Jesi hanno chiesto ed ottenuto dal Tribunale di Ancona l\'emissione della misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obblighi di soggiorno.


Lo stesso aveva scelto di scontare tale provvedimento in Sicilia, sua terra d\'origine, ma una settimana fa aveva fatto rientro nelle Marche, fissando nuovamente il suo domicilio in Castelbellino.






Questo è un articolo pubblicato il 30-04-2009 alle 18:06 sul giornale del 30 aprile 2009 - 1337 letture

In questo articolo si parla di cronaca, arresto, monte roberto, Sudani Alice Scarpini, carabinieri di jesi, sorvegliato speciale