Riconversione Sadam: Jesi non è in grado di decidere nulla

unione di centro 15/05/2009 - Le firme raccolte e consegnate al Sindaco nei giorni scorsi contro la riconversione Sadam portano ad una certezza. La riconversione della Sadam, se si farà, non sarà decisa a Jesi ma in altra sede.

Perché? Perché Jesi non è stata in grado di decidere nulla producendo solo chiacchiere che hanno contribuito a perdere tempo con il Sindaco Belcecchi che ha fatto di tutto per non decidere anche quando pensava di poterlo fare creando spazi per mille interventi, spesso giusti e legittimi, che ora hanno preso il campo coinvolgendo i cittadini.


Quale dunque il futuro della Sadam? L’unica cosa certa è che del futuro non c’è alcuna certezza. L’Unione Di Centro era intervenuta nelle settimane scorse nel momento opportuno suggerendo almeno tre direttrici da percorrere: quella di tener conto delle esigenze lavorative dei dipendenti specialmente in un periodo come quello che sta vivendo il nostro paese; quello di tener conto dell’ambiente e della salute; quello di tener conto del capitale perché si stava trattando con una azienda e con imprenditori che di capitale ne possiede, e non tutti personali, ma anche dello Stato e della Comunità Europea. Di fronte a questo stato di cose l’amministrazione Belcecchi doveva trovare una sintesi per un percorso condiviso fino ad una soluzione.


Ciò che non si è verificato e la raccolta e la consegna delle firme nei giorni scorsi da parte del Comitato conferma sempre di più che su questo argomento il Sindaco e la maggioranza che lo sostiene hanno fallito il loro progetto. Ora sicuramente la raccolta di firme, alle quali sembra ne seguiranno altre, sposteranno probabilmente il problema e la discussione in altre sedi istituzionali relegando l’amministrazione Belcecchi a semplice ed inattiva comprimaria. Tutto il contrario di quello che i cittadini di Jesi e della Vallesina pretendevano da un Comune che si dichiara a parole ‘capofila’ e che nella realtà è in balia di tutto e di tutti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-05-2009 alle 17:36 sul giornale del 15 maggio 2009 - 1668 letture

In questo articolo si parla di politica, unione di centro, Unione di Centro Jesi


Cara Unione di Centro.<br />
<br />
Devo complimentarmi... perche\' con questo comunicato siete al pari, ne piu\' ne meno, dell\'amministraizone comunale. <br />
<br />
Perche\' ?<br />
Perche\' la FAVOLA che si \"decidera\' altrove\" e\', per l\'appunto, una FAVOLA. Non staro\' qui\' a spiegarvi il perche\' ed il percome (se noi, semplici cittadini, ci stiamo studiando procedure e normative, non vedo perche\' non dovreste farlo voi!). <br />
<br />
L\'amministrazione di Jesi non sara\' MAI esclusa dalla discussione, NE in fase di VIA, NE in fase di autorizzazioni (dimenticate che, ad esempio, avranno bisogno l\'autorizzaizone sanitaria?!?). Vorrei poi ricordarvi che il vostro \"uomo all\'havana\" in consiglio comunale fa\' parte della Commissione Politica istituita dal Comune. <br />
<br />
Voi dite che le firme raccolte del Comitato hanno la \"colpa\" che \"La riconversione della Sadam, se si farà, non sarà decisa a Jesi ma in altra sede.\"? E addirittura lo date come una CERTEZZA? Sulla base di quali informazioni arrivate a questa \"conclusione\" ? E\' curiosissimo che non lo diciate. <br />
<br />
Emerge poi un altra cosa interessantissima dalla vostra \"uscita\". Il cittadino non puo\' esprimere la propria volonta\', altrimenti gli si pongono davanti \"spauracchi\" (infondati, ma corroborato da gente come l\'azienda e forze politiche.. strano connubio!) che le decisioni verranno prese \"altrove\" (dove? mica lo dite!) e da \"altri\" (da chi? mica dite neanche questo)? Il cittadino deve darvi il proprio voto e poi lasciarvi fare quel che volete? Forse ha funzionato cosi\' finora... ma ci impegneremo perche\' VOI siete dei SEMPLICI delegati dei cittadini! <br />
<br />
E le deleghe, come si danno, si RIPRENDONO!<br />