Giù le mani dal Tnt: oltre 1000 persone al corteo a difesa degli spazi sociali

tnt jesi 18/05/2009 - Partecipazione al di sopra di ogni aspettativa. Quando la propaganda prende il posto delle idee e della realtà, i fatti sono sempre la migliore risposta.

La grande partecipazione alla manifestazione indetta dal TNT contro il tentativo di chiusura del Centro Sociale è un fatto le cui proporzioni rendono giustizia al vero tessuto democratico della città che è ben altra cosa dalle manovre di palazzo e dagli interessi di carriera. Il lungo corteo che ha sfilato attraverso le vie della città ha visto la partecipazione di oltre un migliaio di persone e di moltissimi giovani, migranti e cittadini di Jesi che vedono nella battaglia contro la chiusura del Centro Sociale una battaglia di libertà e democrazia, un impegno a tutela dei diritti che nascono dal basso e che nelle esperienze autogestionarie trovano espressione e possibilità di organizzazione.


Al corteo hanno partecipato anche persone e realtà culturalmente diverse dal TNT: questa è la migliore dimostrazione della maturità democratica che vive nelle viscere della città e che non trova espressione nei luoghi formali della politica, dove invece prevalgono l\'interesse di parte ed il calcolo di potere. Chiunque pensi di poter liquidare l\'esperienza del Centro Sociale con un colpo di spugna dovrà fare i conti non con una semplice associazione ma con un mondo che da oltre due decenni muove idee, persone, cultura e diritti.


Quel mondo variegato e multitudinario che oggi prende la parola in prima persona non solo con il corteo ma anche con la musica che in Piazza delle Monnighette continuerà a parlare a centinaia di persone. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno voluto manifestare la loro solidarietà non con le parole o la virtualità di un testo scritto al computer, ma con la materialità dei propri corpi, dove le idee diventano azione e le azioni costruiscono il futuro.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-05-2009 alle 15:00 sul giornale del 18 maggio 2009 - 2429 letture

In questo articolo si parla di politica, jesi, glomeda comunicazione, corteo, tnt jesi


Anonimo

bellissima manifestazione e splendido il corteo. una giornata di democrazia e pace degna di una città come jesi. <br />
vicinanza e solidarietà al TNT, da 20 anni viva relatà culturale e sociale della nostra città.<br />

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Roberto Gianiti

Primo: eravate meno della metà di 1000<br />
Secondo: cosa ci faceva il vostro assesore Maiolatesi lì? Cosa fa, quindi,si dimette in solidarietà con voi, contro questo governo della città che non vi ha ancora trovato una giusta sede???<br />

Famatina

don Chisciotte della Mancia, diceva ; \"sancho i cani abbaiano..... vuol dire che cavalchiamo ...\"

Anonimo

sarebbe una cosa giusta chiarire una volta per tutte che Maiolatesi ricopre la carica di assessore in quanto è stato eletto ,prendendo il numero di voti necessario alla pari di qualsiasi altro assessore ,e quindi basta criticare una cosa legittima ..... comunque volevo fare i complimenti a chi ha gestito e organizzato il corteo di sabato perchè è riuscito a far passare solamente il messaggio democratico e legittimo di diritto agli spazi di espressione senza lasciare a tutti quelli che speravano in atti violenti e vandalistici la possibilità di trovare elementi per spostare l\'attenzione dal contenuto della manifestazione

\"oltre 1000 persone\" ??<br />
<br />
Ma dove? Al cortei? In piazza? <br />
<br />
Ma dove? <br />
<br />
Certi comunicati \"gloriosi\" e \"pompati\" fanno male proprio a chi alla manifestazione c\'era e ci crede. Visto che gli jesini hanno potuto vedere con i loro occhi chi non c\'era e chi c\'era alla manifestazione, leggere \"oltre 1000 persone\" quando al massimo ce n\'erano 400 fa\' pensare semplicemente \"ecco i soliti 4 gatti che fa\' la voce grossa\". <br />
<br />
Poi mi fanno ridere che parlano di \"democrazia\" quando NESSUNO gli chiede di chiudere ma gli chiede solo di rispettare delle regole. Una democrazia si basa su regole. Senza regole non e\' democrazia, e\' qualcos\'altro. <br />
<br />
Per concludere.. fossi in loro non scriverei \"è ben altra cosa dalle manovre di palazzo e dagli interessi di carriera\"

Gia\'... peccato pero\' che poi sia proprio maiolatesi, ex coordinatore del tnt, a occuparsi del tnt. Strano. Ma il conflitto di interesse e\' solo quello di berlusconi.<br />
<br />
Mentre del suo assessorato poco gli importa (e, tra l\'altro, ha candidamente ammesso che di certe cose non ne sa\' nulla.. poverino.. e\' solo un anno e mezzo che sta li), scatta come una molla su questioni che dovrebbero riguardare l\'assessore all\'associazionismo.

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Con la PICCOLISSIMA differenza che le firme sono NERO SU BIANCO, mentre le mille persone.... bastava essere presenti in piazza e/o vedere il corteo.<br />
<br />
Quali \"personalismi\". Io non critico Maiolatesi come PERSONA, ma come POLITICO, e la cosa e\' ben diversa (soprattutto, poi, perche\' eletto tra le fila dei VERDI !!!). Il RUOLO ISTITUZIONALE non ha niente di PERSONALE. Se come ASSESSORE ALL\'AMBIENTE sbaglia, e\' mio PIENO DIRITTO come ELETTORE e come CITTADINO quello di CRITICARLO. Punto. <br />
<br />
Se come ASSESSORE ALL\'AMBIENTE dice di non conoscere la materia \"perche\' e\' li da solo un anno e mezzo\" e poi scatta come una molla quando gli si tocca il \"background\" allora passi a fare l\'assessore all\'associazionismo e lasci l\'assessorato all\'ambiente a qualcuno competente (si.. ametto che e\' un sogno quello di avere un assessore che CONOSCA le materie di cui si occupa.. sono un inguaribile sognatore)... oppure metta lo stesso impegno che mette quando si parla di Tnt alle materie ambientali. Non credo sia aspettarsi TROPPO. In fondo, tu, io, chiunque altro, se non facessimo il nostro lavoro, o non sapessimo farlo, saremmo a casa il giorno dopo. <br />
<br />
Chi si schiera a \"tutela della democrazia\" dovrebbe sapere che la democrazia e\' fatta di REGOLE. Non riempirsi la bocca di parole altisonanti per comodità. Certo, \"tutela della democrazia\" suona molto meglio di \"fare quel cavolo che ci pare\", ma c\'e\' una LIEVISSIMA differenza tra le due posizioni. La \"chiusura\" del Tnt l\'hanno inventata nel momento in cui e\' stato chiesto il rispetto delle MINIME regole di convivenza. Purtroppo i fatti sono questi e non c\'entra nulla con la \"tutela della democrazia\". La chiusura alle attivita\' musicali sarebbe dovuta avvenire addirittura nel 98 (per la non agibilita\'). Lamentarsi dopo UNDICI ANNI mi sembra un POCHINO STRUMENTALE.<br />
<br />
Viva La Politica Vera. Quella fatta con la Partecipazione dei Cittadini (cosa che al Comune invece a quanto pare non piace). Quella che cerca di Risolvere i problemi, invece che crearli. Ognuno si scelga il suo modo di lotta. C\'e\' chi ama scendere in piazza coi megafoni, chi ama passeggiare, e chi ama colpire di fioretto.

Eppoi ci sono i tromboni....................

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque