Espulso un 33enne tunisino condannato per rapina e sequestro

arresto 1' di lettura 23/05/2009 -

Fermato per accertamenti un cittadino di origine tunisina domiciliato a Jesi. Condannato con sentenza irrevocabile per aver commesso nel 2006 i reati di sequestro di persona, violenza sessuale di gruppo e rapina il 33enne è stato espulso.




Gli agenti della Volante della questura di Ancona hanno fermato per accertamenti un cittadino di origine tunisina:, M. O., 33enne, domiciliato a Jesi.


In seguito agli accertamenti del personale dell’ufficio stranieri è emerso che il giovane era stato condannato con sentenza irrevocabile per aver commesso nel 2006 i reati di sequestro di persona, violenza sessuale di gruppo e rapina.


Rilevata la gravità dei fatti è stata messa in atto la procedura per ottenere un decreto di espulsione, convalidato giovedì dal Giudice di Pace di Ancona. M. O. è stato rimpatriato nel proprio paese d’origine tramite accompagnamento coattivo a Roma Fiumicino.






Questo è un articolo pubblicato il 23-05-2009 alle 18:03 sul giornale del 23 maggio 2009 - 1138 letture

In questo articolo si parla di cronaca, francesca morici, arresto


Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV