Pd: promuoviamo la scuola, bocciamo la Gelmini!

23/05/2009 - Nell’ambito delle iniziative organizzate dal PD di Jesi segnalo il Convegno previsto per domenica 24 maggio alle ore 17.30 presso il Ristorante Mynonna dedicato alla recente Riforma della scuola e alle sue ripercussioni organizzative e didattiche nel sistema scolastico.

Sarà un interessante momento di confronto al quale parteciperanno come relatori l’Assessore regionale alla formazione professionale, orientamento ed istruzione Stefania Benatti, la Dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo Carlo Urbani di Jesi Rosa Meloni, la dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo Jesi Centro Lorenzo Lotto Mirella Mazzarini e il Direttore dell’IRSEF-IRFED delle Marche Anna Maria Foresi: coordinerà i lavori l’Assessore ai Servizi alla Persona e ai Servizi Educativi Comune di Jesi Bruna Aguzzi. Durante l’incontro si analizzeranno i principali aspetti della Riforma Gelmini evidenziandone criticità e problematiche.


ll ministro Gelmini ha commesso un grave errore, metodologico e pedagogico, prima ancora che politico: ha introdotto una riforma “sorda”, a senso unico, senza minimamente interpellare, porsi a confronto, con chi lavora da anni in prima linea nelle scuole e che conosce bene le dinamiche pratiche, quotidiane, del “fare lezione” L’intento di chi, come il PD, si oppone alla riforma Gelmini deve tradursi in un COSTRUTTIVO DISSENSO con forme attive e consapevoli di confronto e di partecipazione reciproca per costruire una scuola migliore per tutti e per dare valore alla scuola pubblica, al servizio pubblico: è su questo che si deve puntare per garantire il diritto all’istruzione e alla formazione a tutti i bambini e ragazzi che vivono nel nostro paese, indistintamente.


Il convegno si concluderà con un metaforico brindisi alla scuola pubblica.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-05-2009 alle 16:28 sul giornale del 23 maggio 2009 - 1342 letture

All'articolo è associato un evento

In questo articolo si parla di politica, jesi, partito democratico