Nuovo Porto: ok dalla commissione alla variante al Prg

maurizio mangialardi 05/06/2009 - Il nuovo porto è pronto per il varo. Ieri pomeriggio la II Commissione Consiliare si è avviata verso la conclusione dell\'analisi della variante al piano regolatore dell\'area portuale che passerà poi in Consiglio Comunale per l\'approvazione definitiva.

Uno strumento urbanistico che disegna nuove infrastrutture e la viabilità in stretta correlazione con il piano di lottizzazione dell\'area ex Sacelit-Italcementi. Dai collegamenti tra i due lungomari, al nuovo passaggio veicolare tra i due litorali, ad una nuova funzionalità dell\'avamporto fino all\'ampliamento dei posti barca e alla ridefinizione dell\'attività dei pescherecci.


Dal punto di vista infrastrutturale, la variante al prg individua un nuovo ponte pedonale che collega lungomare Mameli e lungomare Marconi, una nuova strada e un ponte a ridosso della ferrovia che uniscono veicolarmente lungomare Mameli e via Corridoni, in aggiunta ai collegamenti perpendicolari alla città, come il sottopasso in via della Dogana Vecchia che unirà il centro storico al porto.


Abbiamo presentato una variante che fotografa gli interventi fatti e che hanno portato alla realizzazione dell\'avamporto, separandolo dal canale, ma che disegna anche la nuova funzionalità del porto -spiega l\'assessore Maurizio Mangialardi- il porto metterà finalmente in collegamento i due lungomare ma sarà strettamente connesso al centro storico e all\'area ex Sacelit-Italcementi. Abbiamo voluto così dare risposte concrete alle varie esigenze della pesca, del diportismo e anche della nautica di allestimento”. I pescherecci avranno a disposizione nuove aree per il rimessaggio delle attrezzature e anche spazi per la vendita diretta del pesce appena pescato. I diportisti in transito invece per la prima volta spazi riservati alle imbarcazioni in transito (che quindi stazionano meno di 48 ore) mentre alla nautica saranno dedicati più specchi acquei con un nuovo porto a secco per lo stoccaggio.


Ci stiamo indirizzando verso un porto di qualità, unico nella riviera Adriatica -aggiunge Mangialardi- dal punto di vista della realizzazione delle opere infrastrutturali siamo a buon punto e la demolizione dell\'ex cantiere escavazione porti dà continuità agli interventi già avviati. Inoltre i lavori del sesto ed ultimo stralcio del porto si concluderà entro l\'autunno. L\'ultimo tassello è invece legato agli oneri di urbanizzazione collegati alla riqualificazione dell\'area ex Sacelit-Italcementi”.


Con il nuovo porto Senigallia è pronta a competere anche per la Bandiera Blu per gli approdi turistici, vessillo che finora non è mai sventolato sulla spiaggia di velluto. “Per il 2010 siamo pronti a chiedere la Bandiera Blu anche per il porto -annuncia Mangialardi- abbiamo tutte le carte in regola per poterlo fare anche se fino ad oggi abbiamo aspettato in attesa di conclude i cantieri che avevamo ancora aperti”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-06-2009 alle 23:29 sul giornale del 06 giugno 2009 - 2590 letture

In questo articolo si parla di porto, attualità, maurizio mangialardi, giulia mancinelli


paolo landi

io non posso fare altro che un appello alla città perchè venga impedito questo scempio, null\'altro è nelle mie possibilità.

....peccato, in questa comunicazione mancano completamente i disegni allegati per capire bene il discorso.<br />
Dove si possono trovare?