Espropri per la terza corsia A14, rendere il percorso più condiviso

autostrada 1' di lettura 20/06/2009 - L\'imminente inizio dei lavori per la realizzazione della terza corsia sulla A14 ha già avuto come effetto l\'avvio di molte procedure di esproprio di terreni e costruzioni collocati lungo il tracciato previsto che, verosimilmente, potrebbero dare vita a numerosi contenziosi con il rischio di un notevole appesantimento dell\'azione amministrativa.

Da qui, la decisione della Provincia di intervenire per porsi come possibile soggetto mediatore tra enti e cittadini attraverso la figura dell\'assessore all\'Ambiente Marcello Mariani, nella sua funzione di presidente della commissione provinciale espropri.


Con una lettera inviata venerdì mattina ai sindaci di Senigallia, Montemarciano, Chiaravalle, Camerata Picena, Falconara, Ancona, Osimo, Camerano, Castelfidardo, Sirolo, Numana e Loreto, nonché alla sede centrale romana di Autostrade per l\'Italia, Mariani ha proposto la convocazione di un incontro a breve \"nel quale concordare un approccio comune per rendere il più condiviso e informato possibile l\'intero percorso\".


\"Naturalmente - spiega l\'assessore - noi tutti ci auguriamo che le operazioni possano svolgersi in modo celere e consensuale. In ogni caso, ci sembra giusto che la Provincia e la sua commissione espropri si adoperino sia per rimuovere i possibili intoppi del procedimento amministrativo, sia per dare una risposta equa alle giuste aspettative dei proprietari. In questo secondo caso, ci pare che il nostro ruolo possa in particolar modo dare giusta rappresentanza a quei piccoli proprietari che, a differenza di quanti sono in grado di nominare tecnici di fiducia, rischierebbero di venire danneggiati da onerosi procedimenti di tutela\".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-06-2009 alle 10:54 sul giornale del 20 giugno 2009 - 2022 letture

In questo articolo si parla di provincia di ancona, autostrada, politica, ancona





logoEV