Rc: arruffata confusione nella fretta di approvare il piano dell\'area ex-Sacelit

03/07/2009 - Il gruppo regionale del Partito della Rifondazione Comunista ha presentato un\'interrogazione urgente affinchè via sia un coordinamento temporale tra l\'approvazione del Piano Regolatore del Porto, di competenza della Regione, e quella del Piano di lottizzazione dell\'area ex Sacelit, di competenza comunale.

Il gruppo regionale del Partito della Rifondazione Comunista ha presentato un\'interrogazione urgente - anche a seguito della nota che come capogruppo in Regione ho inviato insieme ai Consiglieri comunali di Senigallia Andrea Bacchiocchi e Roberto Mancini al presidente Spacca e al Dirigente del Servizio Legale della Regione - in relazione alla necessità di intervenire presso l\'Amministrazione comunale di Senigallia affinchè via sia un coordinamento temporale tra l\'approvazione del Piano Regolatore del Porto, di competenza della Regione, e quella del Piano di lottizzazione dell\'area ex Sacelit, di competenza comunale, che interviene e si interconnette con l\'altro strumento urbanistico, in particolare per quanto riguarda la viabilità.



E\' evidente e logico che deve essere il Piano del Porto a determinare l\'altro strumento e non viceversa, non fosse che per le interconnessioni generali di carattere economico, ambientale e sociale che l\'attività portuale produce.



Se non c\' è “scienza” nella fretta con cui l\'Amministrazione comunale sembra invece voler anticipare l\'approvazione del Piano dell\'area ex-Sacelit, sicuramente c\'è arruffata confusione che, anziché produrre un piano più ordinato in tempi rapidi, rischia di realizzare difficoltà pratiche e difficili contenziosi tecnici. La parola della Giunta regionale, con il conforto del Servizio Legale che abbiamo altresì interessato, potrà essere contributo autorevole alla saggezza. Per intanto l\'interrogazione diventa necessario supporto a questo percorso.


da Giuliano Brandoni
Presidente del gruppo consiliare regionale Prc-Se

...

...






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-07-2009 alle 19:09 sul giornale del 03 luglio 2009 - 3602 letture

In questo articolo si parla di porto, politica, giuliano brandoni, senigallia


Ma se ancora l\'area di cui parlate è soggetta a bonifica ed ancora non è stata definità dalle autorità competenti ASUR ed ARPAM libera da ogni tipo di contaminazione, su cosa ragionate? Inoltre gradirei un chiarimento su quanto riportato dal giornalino Senigallia del Comune di Maggio-Giugno anno 9 n.3/2009a pag. 22 dove si dice:L\'area Sacelit-Italcementi è stata bonificata ( da oltre 300 milioni di Kg di materiale contenente amianto e da idrocarburi pesanti )Se la matematica non è una opinione ,ma quante tonnellate avete asportato?E pensare che il sottoscritto nel 2006 Settembre veniva denunciato per diffamazione per aver detto che negli ex Stabilimenti Sacelit-Italcementi c\'era ancora amianto da bonificare.

Interessante comunicazione: non sapevo dell\'esistenza di due procedure, e di conseguenza di questo dualismo delle varie competenze di regione e comune su questi due aspetti.<br />

Gatta presciolosa...

Commento sconsigliato, leggilo comunque

paolo landi

è sacrosanta l\'interpellanza di rifondazione comunista, tenuto conto che ancora si può intervenire sulla viabilità del porto con le osservazioni in grado di condizionare il progetto di lottizzazione. oltretutto verrà presentata come osservazione una diversa proposta per l\'accesso al porto più economica, funzionale e senza i disastrosi risvolti sul traffico urbano che verranno prodotti dalla proposta ufficiale.<br />
e\' assurdo che sia la città a doversi adeguare ad un progetto quando normalmente vale il viceversa.

Complimenti per aver allegato il file dell\'interrogazione, sarebbe interessante poter leggere anche la nota congiunta inviata al Presidente della Giunta regionale ed al Serviz<io Legale: difronte ad un documento le chiccacchiere non ci possono essere.<br />
<br />
Nel merito RC ha pienamente ragione: prima l\'approvazione del Piano del Porto poi quella dell\'area sacelit (sulla cui bonifica Carlo Montanari ha totalmente ragione).<br />
<br />
buona giornata<br />

Speriamo Ingegnere che prendano visione del Suo progetto in Regione, sia la maggioranza che l\'opposizione.