Espropri per la terza corsia A14, accordo tra Provincia e Società Autostrade

Marcello Mariani 04/07/2009 - Raggiunto l\'accordo per la stesura di un protocollo d\'intesa tra Provincia di Ancona e Società Autostrade volto a definire un modus operandi che limiti al minimo i possibili contenziosi tra privati e istituzioni nelle procedure di esproprio e occupazione per la realizzazione della terza corsia della A14, sulla traccia dell\'indirizzo politico dato dalla giunta provinciale.

Questo l\'esito della riunione svoltasi in seno alla Commissione provinciale espropri, presieduta dall\'assessore all\'Ambiente Marcello Mariani, alla quale hanno preso parte anche i rappresentanti dei comuni interessati.


\"In sostanza - afferma Mariani - la nostra iniziativa è volta a trovare una via di accordo tra espropriante ed espropriati per evitare i ricorsi, facendo presente che comunque esistono già parametri dettati dal Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità e dalle Tabelle riportanti i valori agricoli medi sui quali basare gli espropri . Altro obiettivo, è quello di tutelare quei piccoli proprietari che non possiedono mezzi e risorse per esercitare pienamente i propri diritti avvalendosi di tecnici e legali\". Sostanzialmente accettato il decalogo proposto da Mariani che prevede, tra l\'altro, la corretta valutazione dei soprassuoli, indennità aggiuntive per l\'esproprio di terreni investiti a uliveto e vigneto, per i danni alla residua proprietà e per i coltivatori diretti, la definizione dei tempi di esecuzione dei lavori e un Ombudsman, ovvero una specifica figura per risolvere eventuale controversie o per esporre richieste.


\"Sono dieci punti - spiega Mariani - che ci consentono di definire una cornice comune entro la quale operare nel modo più oggettivo possibile verso il raggiungimento di una valutazione di valore di mercato. In ogni caso assoluta priorità andrà alla soluzione delle questioni sociali più rilevanti, che avranno precedenza su quelle economiche. A tal proposito, nei prossimi giorni inviteremo i comuni a segnalarci i casi presenti nel rispettivo territorio, affinché Società Autostrade, come da impegni assunti in Commissione, possa procedere a un\'immediata applicazione dei principi dell\'accordo con una congrua offerta economica ai soggetti interessati, che servirà da riferimento per tutte le altre situazioni\".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-07-2009 alle 12:52 sul giornale del 04 luglio 2009 - 1432 letture

In questo articolo si parla di attualità, provincia di ancona, marcello mariani, ancona, a14


FLORIANO SCHIAVONI

Il problema è che si parla ma, in definitiva, si gira intorno l\'ostacolo e alla fine non si vuole applicare gli articoli seguenti che permettono all\'espropriato di ricevere il giusto indennizzo e quindi in linea con i valori reali di mercato.<br />
Per evitare controversie basta pertanto applicare quello che la legge prevede in questa direzione che, per maggiore chiarezza,riporto ancora una volta ma ancora una volta noto che si fa finta di non capire:<br />
<br />
1) (ART 2 COMMA 89 FINANZIARIA 2008 (L 244/07) per le aree edificabili; <br />
2)( articolo 40 comma 1 legge 327/01) per le aree agricole ( non è certo colpa dell\'espropriato se i reali valori agricoli di recenti compravendite ( € 20 circa a mq) si attestano su quotazioni decisamente superiori ai VAM definiti dalla commissione provinciale!).