Cupramontana: frontale in scooter, non ce l’ha fatta Matteo Bimbo. Donati gli organi

Matteo Bimbo 2' di lettura 09/07/2009 -

E\' un destino amaro quello che lega talvolta le persone. Matteo Bimbo aveva 16 anni. Era in prognosi riservata dopo un tremendo incidente stradale sabato scorso all\'alba, mentre rientrava a casa da una festa. E\' spirato ieri nel reparto di Rianimazione dell\'ospedale regionale di Torrette. I genitori hanno deciso di donare gli organi. Il 20 giugno scorso, il suo compagno di banco all\'Istituto per Geometri di Jesi, Edoardo Carletti, è morto in seguito a un incidente in scooter a Monte San Vito.



Il destino li ha legati da una strettissima amicizia in vita e da una prematura quanto triste morte. Matteo ed Edoardo erano amici, compagni di scuola, legati da una sorta di complicità, di affinità elettiva che unisce le persone particolarmente sensibili. Loro erano così. E adesso non ci sono più. Matteo, il giorno del funerale dell\'amico, era arrivato in chiesa con un fiore di magnolia, raccolto da qualche giardino, chissà dove. Lo aveva confezionato con carta e nastri. E lo aveva appoggiato alla bara bianca di Edoardo. Il suo ultimo saluto, il loro modo speciale per dirsi in silenzio \"ciao, arrivederci\". Un gesto di complicità, di affetto profondo che aveva commosso le insegnanti del Geometri.

La stessa commozione che adesso sentono nel dover piangere la morte di un altro studente, brillante, entusiasta, curioso pur nella sua riservatezza. Matteo sabato all\'alba stava tornando a casa in sella al suo scooter, ma dietro una curva, lungo via Pian Del Colle, lo scontro frontale con un\'auto. Tre giorni di agonia, poi il suo cuore ha cessato di battere. Nonostante lo strazio, la mamma Cinzia e il papà Franco hanno dato il consenso per l\'espianto degli organi. Il cuore di Matteo darà la speranza a un paziente di Bergamo. Anche il fegato, un polmone e un rene sono stati donati. Un ultimo gesto di grande umanità, che renderà indelebile il ricordo di questo dolcissimo ragazzino. Oggi il commosso addio.

Tanta sarà la partecipazione al lutto, così tanta che nessuna delle chiese del paese riuscirebbe a contenere la folla. Il sindaco Fabio Fazi ha concesso che la cerimonia funebre si svolga in piazza IV Novembre. Il feretro muoverà dall\'obitorio dell\'ospedale regionale alle 14 per raggiungere Cupra alle 16,30. Sarà don Maurizio Fileni a celebrare la cerimonia funebre e a dover trovare parole di conforto e di fede per la famiglia, per il fratello Giacomo e per quanti amano il piccolo Matteo.






Questo è un articolo pubblicato il 09-07-2009 alle 22:20 sul giornale del 09 luglio 2009 - 5293 letture

In questo articolo si parla di cronaca, cupramontana, Talita Frezzi, matteo bimbo


Edon

ADDIO MATTEO!