Nascondeva cocaina nelle mutande, scoperto da due Carabinieri in ferie

1' di lettura 13/07/2009 - Nasconde un etto di cocaina nelle mutande e per sua sfortuna si imbatte in due carabinieri in vacanza.

E\' andata male ad un 26enne di Senigallia, con precedenti specifici legati al possesso di spaccio di sostanze stupefacenti, che pensava di poterla fare franca andando in giro a Marzocca con tanto di droga addosso. L\'arresto, seppure avvenuto in circostanze fortunose, è merito della scaltrezza e della dedizione di due militari del nucleo radiomobile della Compagnia di Senigallia.


I due carabinieri, in ferie dal lavoro, erano a passeggio sul lungomare di Marzocca insieme alle rispettive famiglie domenica pomeriggio. Intorno alle 19, nei pressi del bar Oasi, i due carabinieri hanno notato R.A. aggirarsi con fare sospetto. Il ragazzo, che è un volto noto alle forze dell\'ordine, ha riconosciuto i due militari e a quel punto ha dato l\'impressione di voler proprio scappare. I carabinieri però lo hanno raggiunto e fermato. Alla richiesta di spiegazioni su cosa stesse facendo, il giovane ha risposto non solo evasivamente ma ha anche mostrato evidenti segni di nervosismo. A quel punto sono stati i militari stessi a suggerire al ragazzo di consegnare la droga, qualora l\'avesse addosso, per evitare inutili stratagemmi.


Il ragazzo, visto messosi alle strette, ha consegnato spontaneamente ai due carabinieri la droga. Nelle mutande R.A. aveva nascosto un involucro con un e102 grammi di cocaina. Inevitabilmente per lui sono scattate le manette con l\'accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. R.A. si trova ora nel carcere di Montacuto.






Questo è un articolo pubblicato il 13-07-2009 alle 20:54 sul giornale del 14 luglio 2009 - 3950 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, droga, carabinieri


Anonimo

Tanto và la gatta al lardo che ci lascia lo zampino....!!!! Ben fatto.<br />

Però che grandissima sfiga........(per lo spacciatore)

TIPO

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Commento modificato il 14 luglio 2009

eggià, ognuno è artefice della propria fortuna, finchè rimane in carcere non rovinerà anche le vite altrui

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque