Rossi e Berardinelli su venditori ambulanti: più rigore verso chi non rispetta la legge

Niccolò rossi e anna bernardini 2' di lettura 26/07/2009 - \"Da diverse stagioni estive si assiste ad un indecoroso via vai in spiaggia e lungo i muretti del lungomare di commercianti improvvisati che offrono “cocco bello” senza alcun minimo requisito di igiene, vendita di vestiti, tatuaggi, occhiali, cassette, tappeti e quant\'altro, oltre a massaggiatori che reclamizzano a \"poco prezzo\" la loro arte, e per ultimo sono comparsi pure musicanti in cerca di pochi spiccioli\".

Ci chiediamo se tali venditori siano in regola con i permessi dal momento che due anni fa una malcapitata turista olandese in Liguria è stata profumatamente multata per aver acquistato, suo malgrado, della merce da venditori privi di permessi, in quanto vi è una legge che vieta acquisti dagli abusivi. Chi dovrebbe controllare affinchè ciò non accada? Chi deve intervenire al fine di far cessare l’indecoroso sfruttamento dei minori utilizzati per la vendita?



Riguardo i massaggiatori abusivi che reclamizzano ed effettuano massaggi senza alcun tipo di requisito professionale ed igenico sanitario, in che misura si intende agire, considerato pure, che esiste una legge nazionale che vieta tali prestazioni perché pericolose per la salute e la richiesta di collaborazione da parte dei sindaci in ordine ai suddetti fini, nonostante la stagione estiva sia ormai al suo momento culminante, la nostra amministrazione non ha provveduto minimamente al rispetto di tali divieti, se non tramite singoli ed occasionali sequestri.



Tutte queste persone agiscono in diretta concorrenza dei commercianti e operatori sanitari seri, professionali, che si sono costruiti una reputazione con anni di studio, lavoro e sacrificio; che pagano regolarmente le tasse ed affrontano spese di gestione per le loro attività; perciò, riteniamo doveroso chiedere più tutela e maggiori garanzie per quest\'ultimi e più rigore e controllo verso coloro che non rispettano la legge dello stato italiano.


da Niccolò Rossi e Donatella Berardinelli




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-07-2009 alle 17:51 sul giornale del 27 luglio 2009 - 4295 letture

In questo articolo si parla di forza italia, niccolò rossi, politica, anna bernardini, Niccolò Rossi e Donatella Berardinelli


kamilla

Dal Ponte Rosso andando in direzione sud, lungo la battigia è un vero e proprio bazar... il giovedì mattina c\'è più gente nelle bancarelle abusive della spiaggia che al mercato in città...<br />

Giacomo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

anonima

Commento sconsigliato, leggilo comunque

...signora, , come diceva Einstein: al mondo c\'è una sola \"razza\": quella umana! Forse se la chiama \"etnia\" oppure \"popolo\" fa una migliore figura...

desaguadero

Secondo me si dovrebbe inizare a multare chi compra, girano tanti agenti in borghese, iniziassero a fare le multe a chi compra. Il sistema è quello utilizzato per combattere la prostituzione, quando gli agenti colgono in flagranza di reato un automobilista, il trasgressore viene multato e sequestrato il mezzo. Perchè in questo caso si dovrebbe multare solo chi vende? Quanti sono quelli che si lamentano della presenza dei venditori ambulanti, degli stranieri, del decoro ect ect poi vanno a comprare la merce dagli ambulanti? Sono tantissimi, ecco perchè non si prendono mai provvedimenti per chi finanzia questo mercato.

Off-topic

Io conosco una sola razza: quella padana.

Checchè ne dica questo comunicato i controlli ci sono, altrimenti non si spiegano i due fuggi-fuggi generali a cui ho assistito sia sabato che domenica.<br />
E poi ho visto io stesso un discreto numero di vigili proprio all\'altezza del Ponterosso, dove pare essere il più grande dei bazar abusivi assieme a quelli dopo l\'Excelsior e all\'incirca davanti alla Pensione del Sole: son sempre lì i mercatini.<br />
Casomai, come diceva un signore in spiaggia, si potevano organizzare e confluire da nord e da sud contemporaneamente alla strada, visto che la stragrande maggioranza degli abusivi è poi fuggita con la mercanzia per ritornare dopo pochissime ore.

Commento modificato il 27 luglio 2009

Facile accanirsi sempre con i pesci piccoli, specialmente se invece che in mare ce li ritroviamo sulla battigia. Nessuno di voi ha provato mai a pensare quanto possa essere umile e anche poco gratificante macinare Kilometri sulla spiaggia, stracarichi di ogni cianfrusaglia, mentre il resto del mondo intorno a te si gode sole e mare, e dover provare a vendere una collanina, un asciugamano o una cintura? Certo, sarebbe più facile darsi alla rapina, allo spaccio, alla prostituzione. Provate a pensare ad un uomo, ed al suo sogno racchiuso in una collanina... Provate a pensare che il mondo è fatto di \"noi\" e non di \"me\", e se proprio non ci riuscite, voltatevi dall\'altra parte, in silenzio per favore, per non disturbare chi ancora riesce a sognare.<br />
Per fortuna molti di questi nostri fratelli sognano ancora, e con coraggio si dedicano a coltivare una speranza, per un futuro migliore, per loro e per i loro figli, per noi e per i nostri figli. Un futuro in cui la tranquillità e la gioia possano rispecchiarsi in una pacifica convivenza, un futuro in cui alla parola \"razza\" possa essere associato un solo significato: La Razza è un simpatico pesce che vive sui fondali sabbiosi dei mari di tutta la terra ...

Tutto molto giusto. Uno di questi fratelli che vende le collanine non da nessun fastidio al commercio, due nemmeno, tremila però forse possono causare la chiusura di quanti vendono le stesse cose regolarmente, e se tu fossi al loro posto?<br />
Pronunceresti le stesse parole utopiche e idealiste che pronunci ora?<br />
Sono daccordo a sostenere gli immigrati e a dargli una mano per non gettarli in mezzo ad una strada.<br />
Accantonare però le regole e la legalità perchè altrimenti vanno a prostituirsi o a spacciare mi sembra una puttanata.<br />
Se ci sono delle regole devono valere per tutti.<br />
Poi aiutiamo gli immigrati ad inserirsi nella società ma non a discapito di una categoria di lavoratori già abbastanza con le pezze al culo e a cui nessuno ha mai regalato nulla.

Off-topic

vorrei conoscere dove ho peccato nel mio commento di ieri mattina, il messaggio è stato censurato e mi sta bene, ma se mi indicate dove ho sbagliato, la prossima volta eviterò di commettere certi errori. Spero che non sia una censura riferita alla proposta di far pagare chi compra...

Commento modificato il 28 luglio 2009

Off-topic

Ieri non ti eri loggato.<br />
Dato che riconsci come tuo il commento l\'ho rimesso visibile.<br />
<br />
PS: censurato è un termine improprio, il commento resta comunque visibile a tutti gli utenti che hanno accettato la privacy.

Le pezze al culo dei commercianti non le hanno messe di certo gli ambulanti irregolari, diciamo che forse questa situazione è figla delle classi politiche che si sono succedute negli anni e dei mastodontici ipercentri commerciali, frutto di un\'idea \"utopica\" devota ad un capitalismo impossibile (tutti ricchi, tutti imprenditori...)