Massaccesi: festa della Liberazione trasformata in un basso momento di propaganda

Daniele Massaccesi 1' di lettura 28/07/2009 - \"Il Presidente della Sezione ANPI Fancello fa finta di non capire quanto detto a proposito del comizio politico di Nazareno Re, e non rinuncia a bordate polemiche intrise di retorica\".

Nessuno vuole dimenticare il sacrificio di tanti giovani che, in nome di ideali, hanno pagato anche con la vita, nessuno ha attaccato partigiani o combattenti, non si sono spese parole “di parte”, e non è leale travisare dichiarazioni fatte.


E’ però intollerabile che, in una occasione pubblica, di tutta la città – almeno queste erano le intenzioni? – venga propinato il solito attacco politico di sinistra al governo, trasformando una “alta” occasione della collettività in un “basso” momento di propaganda. E Fancello era tanto distratto, o preso dalle – per lui – belle parole di Re che non si è accorto che, per protesta, qualcuno vicino a lui ha, silenziosamente ma polemicamente, ripiegato e ritirato la bandiera della propria associazione: anche questo era un sovversivo di destra?


Fancello, che pure conosce chi scrive, eviti la propaganda e rifletta su queste considerazioni, evitando equazioni a lui non note o comunque errate.


da Daniele Massaccesi
Alleanza Nazionale




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-07-2009 alle 17:11 sul giornale del 28 luglio 2009 - 1165 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, alleanza nazionale, Daniele Massaccesi





logoEV