Santinelli: la sicurezza non è né di destra nè di sinistra ma una priorità assoluta

sicurezza stradale 28/07/2009 - \"Recentemente si sono verificati diversi furti o tentativi di furto con scasso in alcune chiese jesine, dei quali i giornali non hanno parlato, come pure non si è avuta notizia sui locali mezzi d’informazione (come le televisioni private) d’altri fatti di cronaca ben più gravi, di cui sono rimasti vittime cittadini jesini\".

Ora ci si interroga per conoscere le motivazioni della mancata informazione che la stampa locale doverosamente dovrebbe dare ai suoi lettori, in modo anche da coinvolgere le istituzioni locali, affinché adottino i provvedimenti di loro competenza, senza pensare che i problemi della sicurezza dei cittadini si risolvano da soli, convinzione questa purtroppo ben consolidata nel modo di operare d’alcuni Amministratori.



I problemi della sicurezza in città sono da questi considerati solo argomentazioni fantasiose dell’opposizione e quando si verificano gravi fatti di cronaca di cui parli anche la stampa locale, tali episodi vengono considerati, “atti isolati”, comunque non preoccupanti e lo stesso irrilevanti al fine della convivenza civile e della sicurezza dei cittadini.



Sempre a loro modo di vedere la città di Jesi è “un’isola felice” e non esistono ragioni concrete di preoccupazioni al riguardo. Infatti, si preferisce non parlare di tali problematiche in quanto ciò comporterebbe una rilevante perdita di consenso e farebbe inevitabilmente far emergere l’insufficiente (insignificante) azione amministrativa relativamente a tali problematiche più in generale (e non solo).






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-07-2009 alle 17:24 sul giornale del 28 luglio 2009 - 1171 letture

In questo articolo si parla di politica, Cesare Santinelli