Arno Hartmann al Festival Organistico Internazionale

Arno Hartmann. 4' di lettura 05/08/2009 - Un organista e direttore d’orchestra tra i più apprezzati a livello europeo, musicista coinvolgente con una visione da regista sulle partiture. Giovedì 6 agosto, Senigallia accoglie il ritorno dell’eccellente Arno Hartmann, ospite del Festival Internazionale Organistico “Città di Senigallia” in corso fino al 20 agosto.

Il concerto si svolge alla Chiesa del Portone, avrà inizio alle 21.15 e l’ingresso è libero. L’edizione 2009 del Festival inaugurata il 9 luglio, propone 7 concerti a cadenza settimanale, ogni giovedì, con interpreti nazionali e internazionali. I concerti si svolgono nella Chiesa di Santa Maria della Neve detta del Portone (organo contemporaneo) e nella Chiesa Santa Maria Assunta detta dei Cancelli (organo storico).


Il programma della serata prevede in particolare un duplice omaggio, sia a Haendel nel 250° anniversario della morte che a Mendelsshon – Bartholdy nel 200° dalla nascita, ricorrenze che caratterizzano questa VIII edizione del Festival. Del primo Hartmann eseguirà il Concerto per Organo No. 13 in Fa HWV 295 “The Cuckoo and the Nightingale”, mentre del secondo la Sonata III in La op.65. Il programma sarà completato da musiche di Nicolas de Grigny, di Johann Sebastian Bach (trascrizione di Xavier Darasse) e Naji Hakim, magnifico organista e compositore ospite del Festival l’anno scorso a Senigallia. Hartmann ha studiato tra gli altri con Zubin Mehta e diretto i Bochumer Symphoniker e il Wiener Kammerorchester.


La sua preparazione come direttore d’orchestra si ripercuote profondamente nel modo di suonare l’organo e di intendere la partitura per tale strumento, dando vita a sonorità e fraseggi a tratti imprevedibili. Anche quest’anno, ogni appuntamento del Festival è ripreso e trasmesso in diretta su uno schermo attraverso cui il pubblico può ammirare il gesto musicale dell’esecutore in cantoria, oltre che ascoltare il respiro delle duemila canne d’organo in azione. Il Festival Organistico Internazionale di Senigallia è curato dal Maestro Federica Iannella, promosso e sostenuto dalla Fondazione Uccellini-Amurri, dal Comune di Senigallia – Assessorato alla Cultura, da alcuni sponsor privati (Banca delle Marche, BBC Corinaldo, S.E.D.A. Jesi, Ristorante Bano, O.F. di G. Moschini) e in collaborazione con la Diocesi di Senigallia.


Arno Hartmann nato a Duisburg (Germania), ha studiato organo presso l’Università della Musica di Vienna con Michael Radulescu e Peter Planyavsky, direzione d’orchestra con Leopold Hager. Ha frequentato corsi di perfezionamento con Daniel Roth a Haarlem e Andrew Parrott (pratica dell’esecuzione storica) a Göteborg e con Zubin Mehta e Vaclav Neumann. Ha tenuto numerosi concerti in Germania, Austria (con l’orchestra sinfonica Radio Vienna, con l’orchestra sinfonica di Vienna sotto la direzione di Georges Prêtre, Roger Norrington, Bruno Weil e David Zinman e nel Festival di Vienna), Italia, Croazia, Svizzera, Danimarca (Festival d’estate di Copenaghen), Francia (Festival “L’ètè musical dans la vallèe du Lot”), Belgio, Paesi Bassi, Finlandia e Sudafrica. A novembre 2001 l’esordio concertistico negli USA dove Hartmann ha tenuto un corso di perfezionamento alla Emory-University di Atlanta. In ottobre 2004 ha eseguito il concerto di inaugurazione al Basically Bach Festival di New York. Come direttore d’orchestra ha lavorato insieme con i Bochumer Symphoniker, il Wiener Kammerorchester, l’ensemble Neue Streicher Wien, il Wiener Konzertchor, i Göttinger Symphoniker e il Concilium Musicum Wien (su strumenti originali).


In veste di direttore d’orchestra e di organista Hartmann ha realizzato numerosi registrazioni radiofoniche, televisive e trasmissioni dal vivo in Austria (ORF), Italia (RAI) e Francia (TV3). Ha al suo attivo diverse incisioni discografiche, con l’Orchestra of the Age of Enlightenment (Sony-Classical) e con il Concilium Musicum Wien (Ars Mundi). Dal 1994 al 2003 Hartmann è stato direttore del coro presso la Chiesa Luterana di Vienna, dove ha fondato coro, orchestra e Camerata Luterana, con i quali ha realizzato l’esecuzione dei grandi oratori e più di novanta registrazioni radiofoniche di opere da Bach a Gielen. Da 2003 è direttore del coro della cantoria comunale di Bochum in stretta collaborazione con i Bochumer Symphoniker e direttore artistico dei festival “Bochumer Orgeltage” e “Bochumer Bachtage”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-08-2009 alle 11:43 sul giornale del 05 agosto 2009 - 2469 letture

All'articolo è associato un evento

In questo articolo si parla di spettacoli, Festival Organistico Internazionale


Si può dire che non vi sia soluzione di continuità tra prassi esecutiva, direzione d\'orchestra e gesto compositivo sinfonico del musicista organista. Lo stesso Felix Mendelsohn-Bartholdy ne è una testimonianza storica, assieme a César Franck e - nel secolo appena trascorso - ad Olivier Messiaen (solo per fare qualche nome illustre).<br />
Tuttavia, continuo personalmente a ritenere che il pensiero musicale di un organista trovi la sua espressione più perfetta nell\'improvvisazione, la quale ha il potere di riassumere, nell\'hic-et-nunc del gesto, esecuzione, composizione e direzione orchestrale.




logoEV