Arrestati con armi e mezzo chilo di hashish: il gip concede i domiciliari

2' di lettura 07/08/2009 -

Detenevano mezzo chilo di hashish nascosto sotto allo sterzo del furgone Ducato e un coltello affilato con la lama di 30 centimetri mentre in casa, avevano una pistola modello Beretta calibro 7,65 con matrice abrasa e caricatore con 5 colpi.



Arrestati dai carabinieri di Jesi l\'8 giugno scorso, due operai. Ieri il gip del Tribunale di Ancona ha concesso a uno di loro i domiciliari.

Erano finiti in manette all\'inizio di giugno alla periferia della città dopo un breve inseguimento. I carabinieri del Nucleo operativo radiomobile della compagnia di Jesi hanno sorpreso due operai - Mario Nicolosi, 34 anni muratore di origine siciliana residente a Monsano e Marco Ludovico, 35enne operaio residente a Jesi già gravato da precedenti specifici per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti - con mezzo chilo di hashish nascosto sotto allo sterzo (in un vano ricavato tra la moquette e il serbatoio) e sotto ai sedili del loro furgone Ducato.

Nascosto in un altro vano ricavato all\'interno del mezzo, c\'era anche un coltello dalla lama di 28 centimetri. In seguito alla perquisizione domiciliare, nella casa di Monsano di proprietà di Nicolosi, hanno rinvenuto una pistola Beretta calibro 7,65 con matricola abrasa e completa di caricatore con 5 colpi, avvolta in un panno e nascosta sotto dei coppi in una legnaia.

I due operai, arrestati con l\'accusa di detenzione di arma da fuoco con matricola abrasa, detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e ricettazione di arma da fuoco sono comparsi ieri davanti al gip del Tribunale di Ancona Francesca Grassi. Il legale di Mario Nicolosi, l\'avvocato Cosimo Romano ha inoltrato proposta di patteggiamento della pena a cinque anni. Nonostante il parere contrario espresso dal pubblico ministero Rosario Lionello, il giudice ha concesso al muratore siciliano gli arresti domiciliari.

Mentre resta in carcere Marco Ludovico, assistito dal legale Nicoletta Pelinga. La data di inizio del processo non è stato ancora fissata.






Questo è un articolo pubblicato il 07-08-2009 alle 00:57 sul giornale del 06 agosto 2009 - 2339 letture

In questo articolo si parla di cronaca, droga, magistratura, Talita Frezzi, armi





logoEV