Viabilità al Prato e centralina per l\'inquinamento contro le criticità dell\'Asse Sud

1' di lettura 06/08/2009 - L\'ulteriore modifica della viabilità al quartiere Prato e il nuovo presidio del laboratorio mobile per misurare la qualità dell\'aria sono due interventi non disgiunti che rientrano nell\'obiettivo prioritario dell\'Amministrazione comunale di voler continuare ad affrontare in maniera seria e responsabile alcune delle criticità da tempo presenti lungo l\'Asse Sud.

Certo, non perdiamo di vista il fatto che non possono considerarsi interventi risolutivi di tutti i problemi, ma permettono l\'uno di provare a decongestionare il traffico a scendere lungo via XXIV Maggio attraverso il parallelo asse che da via Gallodoro si raccorda con via Battisti e via Rosselli, l\'altro a capire - dopo il precedente studio svolto alcuni mesi fa - qual è il reale tasso di inquinanti attraverso un monitoraggio più puntuale e preciso.


Dai risultati che giungeranno l\'Amministrazione comunale compirà le giuste valutazioni per adottare ulteriori eventuali provvedimenti. Paventare oggi blocchi del traffico o targhe alterne in una strada importante come l\'Asse Sud senza affrontare in termini generali la questione della viabilità significa non risolvere il problema, piuttosto spostarlo altrove. Fa viceversa piacere riscontrare che i consiglieri del Movimento Democratico - che si vantano di battersi da oltre un anno per i problemi dell\'Asse sud - condividano oggi la scelta compiuta non ieri, ma ben quattro anni fa dall\'Amministrazione comunale che, attraverso gli approfondimenti sulla mobilità legati al piano regolatore, individuava nella Statale 76 la migliore alternativa per collegare la parte ad ovest della città con la zona industriale.


Per chi non perde occasione quotidianamente di criticare tutto e tutti, spesso con buona dose di demagogia, è un piccolo passo avanti sicuramente incoraggiante.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-08-2009 alle 11:40 sul giornale del 06 agosto 2009 - 1350 letture

In questo articolo si parla di politica, jesi, Comune di Jesi





logoEV