Mezza Canaja: loro ordine e legge, noi dignità e giustizia

mezza canaja 4' di lettura 23/08/2009 - \"Si muovono i pezzi grossi, anzi il più grosso. La Giunta in evidente difficoltà sul problema casa, incapace di dare risposte reali oltre la propaganda che già Campanile ha messo in campo lo scorso anno e spaventata dal consenso popolare che le occupazioni hanno ottenuto, fa scendere in campo il Sindaco\".

Quale onore per noi comuni mortali! Lo Stalin in gonnella ci ricorda che la legalità è uno dei valori che in democrazia regola la vita di una comunità, valori condivisi, ma da chi? Forse dall’Edra, da Morpurgo, da Benni, dalla rendita finanziaria, dal grande commercio, dagli immobiliaristi romani legati economicamente e familiarmente all’Angeloni. La legalità si piega, si modella, si gestisce, la si rende aderente alle speculazioni economiche di costoro.



La legalità è l’infrastruttura che permette ai palazzinari di svendere il nostro territorio senza correre rischi, ottenendo, magari, in cambio qualche finanziamento per la prossima campagna elettorale. In Italia dalla Presidenza del Consiglio a quella del nostro Comune, legalità, legittimità e giustizia da qualche tempo, ormai, non sono più sinonimi, anzi, spesso sono in aperto contrasto tra loro. “Cercavi giustizia ma trovasti la legge”, un rompicapo sul quale varrebbe la pena spendere qualche riflessione. Il Sindaco si chiede “chi è che decide quando un diritto può essere cancellato e quando invece un altro debba essere esteso? Chi impone espropriazione di alloggi? Chi fissa canoni o forma graduatorie?”.



La risposta è semplice, Lei, la sua Amministrazione, il suo entourage politico, i costruttori, gli immobiliaristi, gli albergatori, i potentati economici (alcuni nomi li abbiamo appena elencati) e magari anche la Curia e il suo vasto potere temporale: pardon, patrimonio abitativo. “Può davvero la vita di una comunità locale fondarsi sulla sistematica violazione delle regole?” - continua ancora l’Angeloni - evidentemente sì.



Quando si fa rientrare nel piano Cervellati edifici come l’ex-Nirvana che è fuori dal centro storico, quando si demolisce l’ex-Sacelit o l’ex-Enel tramite il silenzio assenso ad una DIA, quando sono pignorati edifici pubblici come l’ex-GIL perchè si sono stipulate polizze con i soldi pubblici, quando sempre con quest’ultimi si pagano le telefonate di Mangialardi, quando tramite politiche clientelari si permette di comprare un terreno agricolo per poi trasformarlo in edificabile utilizzando la scusa della Complanare come opera dì interesse pubblico, quando si abbassano gli indici di edificabilità per costruire e cementificare ancora di più, quando in Consiglio Comunale siedono palesi conflitti d’interesse - come il Consigliere Belardinelli (PD) rispetto alla variante arceviese ed Enzo Monachesi (IdV) rispetto agli interessi dei bagnini, quando si trasforma il canone sociale in concordato, quando si danno nove secondi per le controdeduzioni, quando si tappezza la città di manifesti illegali durante la campagna elettorale e poi si manda i Vigili a dare la caccia solo a quelli del Mezza Canaja, quando si utilizza un servizio pubblico come le forze dell’ordine per proteggere solo interessi privati come Villa Bucci e Palazzo Gherardi, quando accade tutto ciò, dove sono le regole? Dov’è la legalità? Dov’è la giustizia? Dove sono i valori comuni e condivisi?



Dov’è Signor Sindaco il “rispetto per i cittadini e per le regole della democrazia”? Siamo stanchi dell’ipocrisia di chi usa la legalità a proprio uso e consumo, di chi scambia problemi sociali e politici con problemi di ordine pubblico, come siamo stanchi di chi denigra l’avversario politico con frasi come “dal Mezza Canaja non arriva alcun contributo concreto”. Il Sindaco forse si ricorda del “Piano per la ricostruzione di un patrimonio di edilizia pubblica cittadina e per il diritto all’abitare a Senigallia” che abbiamo presentato la scorsa estate? Sette punti, sette proposte concrete e fattibili, inascoltate e ignorate perché inconciliabili con la politica “pattizia”, fondata sulla contrattazione tra poteri politici ed economici. Invitiamo il Sindaco a non giocare al lotto con i numeri delle case popolari.



Le domande sono ferme dal 2007 e lo straordinario piano annunciato andrà si e no a soddisfare una sessantina delle duecentosessanta domande presenti nelle graduatorie per le case popolari. Senza contare che mentre per gli appartamenti di lusso i lavori vanno avanti, quelli per le case popolari proseguono a passo di lumaca. E il canone concordato? Una truffa a circa cinquecento euro al mese per far pagare una casa due volte, prima con l’affitto e poi magari con il mutuo. Necessità e desideri vengono prima d\'una generica legalità, anzi, ne sono i presupposti e nel momento in cui si manifestano si affermano tra le pieghe che la legge volutamente lascia scoperte, come dati di fatto, e per questo legittimi. Tutto ciò che oggi è illegale un giorno sarà diritto - come fu per lo sciopero - ed è per questo che noi andremo avanti ad occupare. Infine, cara Sindaca un vecchio adagio ci ricorda che “can che abbaia non morde”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-08-2009 alle 19:24 sul giornale del 24 agosto 2009 - 7318 letture

In questo articolo si parla di attualità, mezza canaja


Commento modificato il 23 agosto 2009

Interessante<br />
Allora è confermato il \"rumor\" per cui Villa Bucci è di proprietà di ditte che possono ricondursi in qualche modo al Sindaco? Vabbè, pure se fosse cosa ci sarebbe di illegale nel fatto in se?<br />
<br />
Quindi son già pronti a costruire nuove case a ridosso della futura complanare? Ma chi? Ma se vero, perchè l\'opposizione (PdL) non si attiva contro questo ulteriore possibile scempio, anzichè buttarsi su argomenti risibili?<br />
Questi si sono veri argomenti da campagna elettorale.<br />
<br />
L\'ex Nirvana, quello in via Baroccio, E\' in zona centro storico da ben prima di questa amministrazione: lo è assieme a tutta la schiera di edifici che sta tra viale Leopardi e viale 4 Novembre.

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Daniele, ma per centro storico non si intende solo le abitazioni all\'interno della città murata? Pertanto la via Baroccio e via Leopardi lato sud non fanno parte del Piano Cervellati.

No Leo: in zona chiamata \"centro storico\" già dal vecchio piano regolatore (non ricordo di che anno, ma molto in là nel tempo) rientra non solo la città murata ma pure gran parte della striscia abitata che sta appunto tra viale Leopardi e viale 4 Novembre oltre che le case subito adiacenti alle vecchie mura del quartiere porto.<br />
<br />
Se vuoi puoi vedere direttamente, se hai un PC abbastanza recente, andando sul sito del comune, cercando tra i vari link a detra quello chiamato \"piano regolatore on-line\": ti apre una finestra da cui, premendo \"continua\" puoi vedere il PRG.<br />
Una gran bella cosa fatta dal comune (migliorabile, come tutte le cose ma c\'è).<br />

Commento modificato il 23 agosto 2009

Il MC raccoglie e fa suoi vari \"rumors\" che si sentono/captano in giro.<br />
Se fossero tutti veri (e ancora mi illudo non tutti) avrebbero ragione da vendere e per \"vendere cara la pelle\": ma questo loro aver ragione non giustifica i mezzi usati.<br />
Se solo avessero fatto unicamente sfilate di denuncia, fatto \"un\'occupazione\" del portico sotto il Comune accampandosi con i sacchi a pelo per dimostrare l\'emergenza che sta per arrivare, se avessro fatto assieme a tutto questo un tavolo informativo in cui si spiegavano le ragioni della loro protesta, a quest\'ora anzichè subire gli attacchi, che si meritano, per aver impunemente occupato delle proprietà altrui (...con molti sospetti sul perchè alcuni si ed altri, guarda caso del comune, no...) sarebbero circondati da un ampio consenso.<br />
Molto ampio.<br />
Ma hanno scelto la strada peggiore.<br />
<br />
Consiglio loro caldamente, finchè si è in tempo, di muoversi in altra maniera per intervenire (fosse vero) sul discorso di possibili nuove edificazioni a fianco della complanare, e riuscire ad ottenere (come già suggeriva qualcuno) uno stop per nuove edificazioni a fianco della complanare per i prossimi 15-20 anni se non più.<br />
<br />
Ma queste cose, più che essere \"stimolate\" da un gruppo di ragazzi, DOVREBBERO ESSERE argomenti della campagna elettorale dei candidati sindaco: è da loro che mi attendo una risposta/proposta.<br />
E finora, salvo Mancini e le risposte date dal Comune con VOlpini e il Sindaco, ho solo letto di \"repulsioni\" per le intolleranze del MC, ma non una parola ancora su quali possono essere le loro ipotesi/proposte per questa emergenza.<br />
Cavolo, son passate due settimane a ancora \"dall\'altra parte\" solo silenzio e attacchi di altro genere per altre cose......

Commento modificato il 28 agosto 2009

..però, che scritto! Le occupazioni non diventeranno mai legali o diritti come lo sciopero, paragone improprio, a meno che non vogliono mettere in discussione la proprietà privata e tutte queste cose, se continuano così una casa la trovano a Montacuto. <br />
<br />
Tra tanta vigliaccheria generale che sfruttano, indifferenza dei più della cittadinanza, mediocrità dei credenti (le gerarchie locali delle 2 religioni monoteistiche principali fanno ne più ne meno quello che fanno le gerarchie nazionali) gli unici che hanno il coraggio di scartare il pandoro anche per i comuni lettori sono proprio quelli che vorrebbero distruggere la repubblica democratica<br />
<br />
maledetti borghesi arrichiti, spregevoli, e maledetta vigliaccheria della PA, che non avrà mai letto la Costituzione<br />
<br />
maledetta borghesia pseudo-cattocumunista o benpensante, come si fa a lasciare questi temi a chi vorrebbe la lotta leninista (forse) e si può mostrare un po\' paladini, un po\' robin hood, un\' po\' canaglie, un po\' pirati, quello che gli pare perchè sono gli unici, di fatto, è così<br />
<br />
in fondo, bisogna ricordarselo, \"una testa un voto\" è cominciato proprio così:<br />
<br />
<IMG SRC=\"http://www.arts-wallpapers.com/movie_wallpapers/jack_sparrow/02/jack_sparrowtn.jpg\">

Non sono stato mai d’accordo con i MC sia nei modi che nei fatti. Questa volta, però, devo dire che mi sono proprio piaciuti, hanno avuto il coraggio di spiattellare alla cittadinanza nomi, fatti e circostanze di tutte le porcate che sono state fatte in città. La stragrande maggioranza dei senigalliesi conosceva già questi nomi ma nessuno ha mai avuto il coraggio di denunciarli pubblicamente. Mi permetto di dare un consiglio a questi ragazzi: tenete duro, non andatevene dall’ex colonia ENEL, magari chiamate rinforzi e resistete ad oltranza, otterrete così la simpatia di molti che come me prima non vi potevano vedere.

Forza ragazzi, il mondo politico, destra e sinistra è contro di voi, l\'opposizione, con a capo i suoi paladini come Paradisi e co. , fa il gioco della giunta comunale, e di certo niente cambierà per Senigallia se ad amministrare ci saranno loro il prossimo anno. La connivenza del mondo politico, tutto, con poteri forti come mafia, chiesa e grandi costruttori, non permetterà mai che la voce del popolo si faccia forte.<br />
Ma il popolo, quello vero, è con voi, i vostri metodi a volte squassano la monotona realtà provinciale che ha bisogno di risveglairsi dal mediatico torpore che i nostri governanti ci impongono da troppi, tanti anni.<br />
W le voci fuori dal coro, w le coscienze libere.

Commento modificato il 23 agosto 2009

Direi che il Mezza Canaja non lo \"manda a dire\"... E tra chi parla chiaro e chi - come i politici di mestiere - usano il linguaggio burocratico-politichese per autoincensarsi - io preferisco i primi.<br />
<br />
P.S. Ma è vero che villa Bucci - tra l\'altro quella degli alberi di pregio barbaramente abbattuti, o sbaglio? - è stata comprata dalla sindaca? Se fosse vero, sarà certamente atto lecito, per carità. Ma forse - come dire - è un tantinello \"inelegante\". O forse, no. Non è inelegante, è solo una tradizione della sinistra (sinistra?). Anche Mariani, mi pare, alla fine del suo mandato aveva provveduto a comprarsi casa, rialzandola di un piano. Anche in quel caso, del tutto lecitamente. E\' ovvio.<br />
<br />
P.P.S. Sogno un sindaco che, come ogni altro privato cittadino, faccia tutti gli investimenti immobiliari che gli pare, purché l\'offerta dell\'oggetto di investimento sia stata resa pubblica \"x\" mesi prima dell\'acquisto da parte del sindaco, dunque accessibile a tutti e per questo \"contendibile\". E sogno un sindaco che, in quanto pubblico amministratore, per il principio della trasparenza ne dia comunicazione alla città: \"Cari concittadini, in data xyz io/mio marito/mio figlio/nuora/suocera/cugina/cugino ho/ha acquistato/partecipato all\'acquisto di una villa/un terreno/garage/negozio/albergo/stabile al prezzo di XYZ al metro quadrato, come da rogito presso il notaio Abc\". E se no, becchiamoci le escort di Berlusconi, lasciamogli fare sesso in santa pace - finché ce la fa, poromo - e stiamocene zitti!<br />
<br />
P.P.P.S. Dimenticavo. Ovviamente, come del resto succede per il Consiglio e la Giunta regionale, anche le dichiarazioni dei redditi di tutti gli amministratori pubblici dovrebbero essere rese note ogni anno. Mi pare, tra l\'altro, che la legge lo preveda.

Caro Daniele, il commento sopra era il mio: il login era saltato ed è risultato anonimo. L\'ho ripetuto più sotto. Però, visto che hai risposto, a mia volta ti dico: se il Mezza Canaja non avesse fatto ciò che ha fatto ma ciò che ancora una volta tu suggerisci saremmo qui a parlare da 15 giorni del problema della casa? Io dico di no. Si può essere d\'accordo o meno con certi tipi di lotta. Ma alla lotta non può mai essere messa la sordina. I blogger imbavagliati, per esempio, nessuno li ha considerati. (Ma tu, all\'università, non hai mai protestato?) <br />
<br />
Tu dici poi che il Mezza raccoglie solo i \"rumors\"? Lo spero anch\'io. Ma, a occhio e croce, non mi paiono così sprovveduti... Però, prima di giudicare aspettiamo pazientemente la doverosa risposta delle istituzioni.

Mariangela, a parole loro sono due anni che parlano del problema casa ma senza che nessuno li ascoltasse.<br />
E ci credo: come può chiamarsi \"discussione di problema\" il fare due occupazioni ed una sfilata con volantini?<br />
Non so cosa sarebbe potuto succedere se avessero fatto come suggerivo io: ma di sicuro come minimo non si prendevano le denunce, e altrettanto di sicuro avrebbero trovat oprima il supporto della gente, e con quella in mano fai di più di 4 sfilate.<br />
Per dire, guarda cos\'ha fatto Chiappa in molto meno tempo e in altra maniera, per il discorso del lungomare sud e dell\'ex ENEL.<br />
E lo stesso quello che hanno fatto i bloggers imbavagliandosi: piuttosto che fare altre scenate, mi è piaciuto molto di più di tutte le occupazioni, le sfilate, le urla da megafono di tutti i possibili centri sociali messi assieme.<br />
<br />
.....si, attendo anche io con estrema curiosità la risposta delle istituzioni ai \"rumors\": il sasso è stato lanciato, e pure ben mirato.<br />
Staremo a vedere: ma come minimo aspetto la risposta dei candidati sindaco.

Se il Sindaco avesse comprato Villa Bucci...dovrebbe dimettersi!<br />
Se così non fosse...dovrebbe dimettersi il Mezza Canaja che oltre a chiamarla Stalin in gonnella...l\'accusa di una speculazione specifica e quindi verificabile!<br />
Ho paura però che tra chi ha responsabilità e deve rispondere ai cittadini e chi deve rispondere solo ai murales dell\'Ex-Enel i livelli di senso di responsabilità non siano equi!<br />
Io sogno un opinione pubblica meno schierata e più attenta...

Ho letto il comunicato, potete pure ricoprirmi di insulti, ma vi dico cosa mi è sembrato di aver letto.<br />
Mi ha ricordato i comunicati all\'epoca della seconda guerra mondiale, in cui si affermava che le imponenti azioni della nostra aviazione costringevano il nemico ad una strenua resistenza.<br />
Credo che allora gli inglesi che ci ascoltavano se la ridevano .<br />
<br />
Ma siete veramente convinti di ciò che dite?<br />
La città , a parte gli addetti, i diretti interessati ed i pochi che vi leggono su queste pagine, la città, dicevo, non si è accorta minimamente di ciò che avete fatto. Tanto che avete dovuto fare un comunicato un giorno si e uno no.<br />
Provate a chiedere in giro e ne avrete la riprova.<br />
<br />
P.S. Per me, il sindaco, il capo dell\'opposizione, e qualsiasi cittadino con i propri soldi, se non rubati, ci fa quello che vuole escluso, logicamente, investimenti illeciti, per altro senza sottoporre a nessuno le proprie scelte.

Caro intruso, l\'opinione pubblica \"meno schierata e più attenta\" la fa la politica. E\' la politica che \"educa\" l\'elettorato. Se la politica fosse trasparente, umile e non auto-referenziale, anche l\'opinione pubblica si formerebbe sui fatti e non sulle chiacchiere da bar.<br />
<br />
P.S. \"trasparente\", \"umile\" e \"non auto-referenziale\"? Ma che sto dicendo...?

Il sindaco, il capo dell\'opposizione e chiunque, grazie alla sua posizione lavorativa o istituzionale, è in grado di avvantaggiarsi di informazioni che i cittadini-peones non possiedono (le famose \"asimmetrie informative\" che tanti danni fanno all\'economia, crisi finanziaria compresa) hanno l\'obbligo istituzionale e giuridico di non avvantaggiarsene (mai sentito parlare di manager incarcerati - negli Usa, ovviamente - per aver tratto vantaggio da informazioni riservate o privilegiate?).<br />
<br />
Dunque, l\'obbligo della trasparenza e della comunicazione dei propri investimenti immobiliari è un sacrosanto obbligo democratico. Del resto, proprio perché ciascuno dei suoi soldi ne fa ciò che vuole, perché non farlo sapere? Il sindaco non è Luana Angeloni, Mariani o Marcantoni. E\' \"il Sindaco\", dunque una figura istituzionale che del suo operato deve rispondere ai cittadini che lo hanno eletto. Le dittature africane dovrebbero non appartenerci...

Off-topic

signora<br />
sono sempre più preoccupato<br />
potrebbe dirmi quali sono le facoltà e i corsi in cui lei opera, per favore?

Si fanno nomi e si rendono noti fatti precisi.Se le circostanze denunciate sono vere costituioscono fatti gravissimi sul piano politico, quanto meno, e non solo. O partono, quindi, le denunce per diffamazione o... questa volta il re si scopre proprio nudo! E\' vero, i metodi del 1/2 canaja non sono ortodossi ed anch\'io se ne avessi fatto le spese non sarei molto contento, ma hanno ragione da vendere. Finalmente qualcuno che dice pane al pane, vino al vino e chi ne esce con le ossa rotte non sono il PD ed i Verdi, che ormai più sputtanati di così non possono essere, ma le altre forze politiche che ancora una volta dimostrano di essere l\'altra faccia della stessa medaglia.<br />
Caro PDL e soci, se volete garantirvi un barlume di prospettiva e soprattutto se volete dimostrare di saper svolgere adeguatamente la funzione di controllo, come minoranza, che gli elettori vi hanno assegnato, è ora che cominciate a fare politica, studiare le pratiche che andate a discutere in Consiglio comunale, cosa che forse non fanno neanche gli assessori e confrontarvi, almeno voi, con la città. Non servono i tumultuosi schiamazzi sulle stupidaggini e le devastanti latitanze nel momento di affrontare questioni rilevanti, magari reggendo il moccolo alla maggiornza garantendole il numero legale, quando essa stessa è divisa sulle decisioni da prendere.<br />
Se chi governa si permettere ciò che viene denunciato vuol dire che sa di poterlo fare, praticamente, senza alcun problema.<br />
Effettivamente, l\'unico spazio di confronto politico, rude e primitivo quanto si vuole, sembra attivato ora dal 1/2 canaja perché altri soggetti credibili, al di là dei comitati spontanei su questioni particolari, al momento non ci sono.

Certamente, se uno è convinto di vivere in una città sotto dittatura in cui gli amministratori fanno i loro affari sulle spalle dei cittadini.<br />
<br />
Siccome io sono convinto del contrario: non mi preoccupa che il sindaco compri Villa Bucci (ammesso che la compri), e neppure se il proprietario gliela vende con lo sconto.<br />
<br />
Se poi invece il sindaco acquista cose per importi che palesemente non può permettersi e cambia a proprio vantaggio i regolamenti allora qui, come chiunque,siamo nel campo che interessa, non la giustizia popolare, basata sui rumors o sulle rivalità, ma un\'altro tipo di giustizia. <br />

Commento modificato il 24 agosto 2009

<i>\"non mi preoccupa che il sindaco compri Villa Bucci (ammesso che la compri), e neppure se il proprietario gliela vende con lo sconto\"</i><br />
<br />
...saresti uno speculatore perfetto, mauri. Di quelli che lasciano in braghe di tela operai e pensionati, com\'è successo in questa attuale \"grande crisi\". L\'etica della politica e degli affari evidentemente non ti appartengono.

...cari ragazzi del mezza, come al solito concetti astrattamente giusti ma modi insostenibilmente sbagliati. Qui più che di giustizia credo sia più appropriato parlare di anarchia. E\' giusto denunciare \'ingiusto ma da che pulpito?! Siete e restate dei privilegiati, dei protetti! Lo sappiamo tutti. Quante volte la sindaca che tanto insultate e altri vi hanno salvato (anche solo evitando lo scontro) solo perché siete figli di questo o di quello? Avessi provato io a fare un decimo dei vostri reati sarei già in galera. Cominciate a stare in regola voi poi se ne può riparlare.

Cara Prof.,<br />
mi sento di intervenire in difesa di mauri, che certamente appena postato si sarà pentito come una carogna.<br />
A prescindere dal caso in questione, sul quale non ho elementi per giudicare, sono certo che mauri si sarà subito accorto di dove portano questi ragionamenti. C\'è già Fede che difende il Capo solo perchè è il Capo.

Rimane il problema dell\'accertamento dei fatti..e, siccome sono circostanze precise, non sarà difficile arrivare alla verità in questo caso che, secondo me, è molto grave!<br />
Per quanto riguarda la politica se è, come è in molti casi (ma non in tutti), opaca, presuntuosa e auto-referenziale è proprio perchè l\'elettorato preferisce occuparsi d\'altro.<br />
Su una frase Grillo (che personalmente disprezzo) ha invece il mio plauso....i politici sono nostri dipendenti.<br />
Il problemi è che per licenziarli ci vorrebbe una giusta causa e noi elettorato non siamo quasi mai in grado di trovarla!

Mariangela, hai ragione, il trapano fa rumore, molto più di una penna che firma una petizione, chessò.

Ma vedete: siccome non vado più a scuola da un pezzo, non ho necessità che nessun insegnante mi insignisca di diplomi e posso dire come la penso senza aspettare che qualcun altro mi dica se faccio bene o male o se devo pentirmi o meno.<br />
<br />
Ciò che profondamente ci divide è che, pur non essendoci mai stato a pranzo insieme, io stimo la persona del sindaco e voi no. Di conseguenza per me le regole valgono sia per le persone che stimo che per quelle che stimo meno; per voi la valenza delle regole è diversa a seconda di chi, queste regole, riguardano.<br />
<br />
Certamente voi poi appartenete ad una categoria di puri, quelli che mai accetterebbero neppure minimamente che una conoscenza personale porti un benchè minimo vantaggio, che mai usereste la vostra posizione per un vantaggio, neppure per avere un biglietto gratis a teatro, che sareste disposti a rinunciare subito a tutto ciò che avete in più in nome di una giustizia sociale, anzi non acquistereste mai una cosa che rischiasse di incrementarsi di valore, che sareste pronti ad offrire subito tutto ciò che avete ai diseredati del mondo.<br />
Certo che da quel pulpito potete dare patenti di comportamento e pagelle a tutti.<br />
<br />
Mi perdonerete se non ne terrò comunque conto. <br />

Caro intruso ma in che mondo vivi? Certamente non a Senigallia! Qui in città tutti lo sanno e tutti ne parlano (ma non lo dicono apertamente per paura di ritorsioni). Basterebbe che tu andassi in qualsiasi Bar, barbieria, pizzeria, gelateria ecc. per sentire quello che dice la gente. Certamente per acquistare una cosa non è necessario dare il proprio nome e cognome, basta farlo acquistare dalla nipote della sorella del cognato ecc. Leggendo il tuo commento mi viene in mente un passo del Vangelo “Non c’è più sordo di chi non vuol sentire”!

Caro intruso ma in che mondo vivi? Certamente non a Senigallia! Qui in città tutti lo sanno e tutti ne parlano (ma non lo dicono apertamente per paura di ritorsioni). Basterebbe che tu andassi in qualsiasi Bar, barbieria, pizzeria, gelateria ecc. per sentire quello che dice la gente. Certamente per acquistare una cosa non è necessario dare il proprio nome e cognome, basta farlo acquistare dalla nipote della sorella del cognato ecc. Leggendo il tuo commento mi viene in mente un passo del Vangelo “Non c’è più sordo di chi non vuol sentire”!

Grazie di questo post, mauri, mi servirà per capire in che conto tenere i tuoi interventi. Se non capisci o peggio fingi di non capire il concetto generale che chi riveste cariche pubbliche assume non solo onori ma anche oneri, uno dei quali è uno scrupolo etico che altri possono magari tenere in minor conto, non vale la pena starti dietro. <br />
Peraltro sia chiaro che quando critico il sindaco critico il sindaco. Non la persona, ca va sans dire.<br />

Certamente vivo in un mondo diverso dal tuo...e credo di esserne fiero.<br />
Vivo nel mondo in cui chi dice le cose si assume la responsabilità di quello che dice e ne paga le eventuali conseguenze....se tu vivi costantemente dalla parrucchiera (con tutto il rispetto per questa categoria) è solo un problema tuo!

freewilly, prima si firmi, poi ne riparliamo... Se per caso dovessi esaminare la sua figliola potrei darle trenta per incoraggiamento: i padri non si scelgono.

Hai ragione, intruso. Ma ci sono pure le responsabilità per le cose non dette. Ma molti politici l\'hanno scordato.

Caro Renato, c\'è un detto che recita:\" parlare a nuora perchè suocera intenda\".<br />
<br />
Certamente c\'è chi parla in generale e invece chi parla in particolare.<br />
E ci sono operazioni che una persona pubblica può tranquillamente fare senza renderle pubbliche ed altre che invece richiedono questa pubblicità.<br />
Ma siccome si fa sempre riferimento in particolare al nostro sindaco,al quale si è persino chiesto un rendiconto pensionistico ed al quale si rinfacciano cose un giuorno si ed uno anche.<br />
Un sindaco che per sua volontà o per sua sfortuna è il peggior dittatore che sia mai assurto al potere a Senigallia e che non riesce a fare qualcosa di buono neppure per sbaglio, figuriamoci se ci si mette d\'impegno.<br />
Allora mi prendo la responsabilità del bastian contrario ai contrari al sindaco

“Tutto va ben, madama la marchesa” (pardon, madama la zarina). Questo vecchio motivetto sembra che l’abbiano scritto proprio per te. Tu che parli di assumerti le responsabilità per quello che dici e scrivi, in che modo lo fai firmandoti “intruso”?

Commento modificato il 24 agosto 2009

Caro mauri, questa tua idea fissa che il dissenso è un fatto personale e personalizzato, e non un dissociarsi dall\'andazzo, denunciando l\'evidente imbastardimento della politica (di destra e di sinistra), ti fa essere un candidato ideale per le primarie di coalizione. Perché non ti presenti? <br />
<br />
Perché saranno una burletta, dici tu? Certo. E\' vero. Lo riconoscono gli stessi iscritti al PD. Ma proprio per questo è il gioco più divertente giocato dai politicanti: \"Giochiamo al dottore?\" (ops, ho sbagliato) \"Giochiamo alla democrazia? Daiii... per finta!\"

Perchè sono convinto che le primarie non saranno una burletta, anzi la possibilità per tutti di potersi esprimere, se lo vogliono; al contrario delle candidature già presenti che sono state decise nelle segrete stanze dei direttivi politici e sulle quali o mangiate quella minestra o...<br />
<br />
Se poi verrò smentitto posso starmene tranquillamente a casa, il mondo gira ugualmente anche senza il mio contriubuto.<br />
<br />
Fare il sindaco io? e perchè no ? sarebbe piacevole, se non altro come autoaffermazione.<br />
<br />
Ma non ne sono all\'altezza, quindi il problema non si pone.<br />

L\'opinione di uno studioso, politico che più ligio e rispettoso delle organizzazioni partitiche e del PD non si può, Silvio Mantovani (A.L.):<br />
<br />
http://www.antelitteram.info/?p=2908#more-2908<br />

di che 6 preoccupato x curiosità?!

Non è colpa di Mauri se dice quello che dice, è che il cervello ce l\'ha condizionato così da anni di quotidianetà come tutti quelli che hanno stabilità economica, o così forse per quelli che ce l\'avranno tragicamente (trag.nte per il pensiero indipendente, o perlomeno un po\' critico, non per la panza) decondizionarsi è un casino oggigiorno, e come famo? chi c\'ha un bel consiglio per il Mauri e Mauri-like?

Carissimo milu (che vale quanto intruso)<br />
non gliene frega a nessuno di quel che dico io...io parlavo di Sindaco e di Mezza Canaia...non sono abituato a citarmi!

che la signora possa in un prossimo futuro capitare come docente a mia figlia<br />
:-D

Da questo comunicato abbiamo cancellato alcune frasi palesemente diffamatorie.




logoEV