Fiera e multe: quando serve il buon senso...

multe con palmare 1' di lettura 01/09/2009 - Giovedì pomeriggio, primo giorno di fiera, mio figlio è stato giustamente multato a seguito di un parcheggio dello scooter di mia proprietà in via Piave; e fino qui nulla di eccezionale.

Nei giorni successivi girando per la città mi sono divertito a scattare alcune fotografie che involontariamente riprendevano infrazioni al codice della strada, infrazoni non sempre “multate”, anche in presenza degli appartenenti alla Polizia Municipale.


Martedì mattina, prima di recarmi a pagare la multa, che ripeto essere stata giustamente “appioppata” a mio figlio, sono andato alla sede dei vigili urbani per indicare, senza comunque nessun clamore, il mio disappunto per avere subito una multa e nell’avere visto non sanzionate altre situazioni di infrazioni. L’agente preposto al ricevimento al pubblico si è notevolmente alterata nei miei confronti al racconto dei fatti, alzando anche il tono di voce e dicendomi, tra le altre cose, che le multe sono a discrezione dei vigili in servizio.


Come già precedentemente detto la mia intenzione era semplicemente quella di fare osservare un fatto avvenuto, ma ad una risposta del genere mi sento in obbligo di pormi almeno una fondamentale domanda: a me hanno insegnato che le regole e le leggi sono innanzitutto a tutela dei cittadini; ma se il rispetto e il controllo delle stesse è affidato alla discrezionalità di che è tenuto a farle osservare forse c’è qualcosa che non funziona. Spero vivamente che quello che mi è stato detto da un agente di Polizia Municipale sia stato solo frutto di stanchezza.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-09-2009 alle 20:35 sul giornale del 02 settembre 2009 - 4522 letture

In questo articolo si parla di attualità, Stefano Olivi


Purtroppo è così, Sig. Olivi.<br />
<br />
Anch\'io ho visto frotte di scooter, moto parcheggiate in ogni dove.......fin quasi dentro la fontana delle oche, ad esempio, e le forze di polizia dall\'altra parte della strada: dubito che siano state fatte multe. Addirittura macchine parcheggiate sui marciapiedi.<br />
<br />
In caso contrario credo che ci sarebbe stata una sollevazione prima di \"popolo\" e poi \"politica\".<br />
<br />
E\' un pò un remake di quanto successo durante il summerjamboree: frotte di motociclisti senza caschi, con forse un pochino di alcool nel sangue e così via.......<br />
<br />
Anch\'io sono dell\'opinione che la legge è legge ed è uguale per tutti; purtroppo mi è stato fatto notare che se durante il SJ fossero intervenute le forze di polizia per far rispettare il Codice della Strada sarebbe successo il finimondo.<br />
<br />
Buona giornata<br />

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Commento modificato il 02 settembre 2009

Se le cose stanno come dice Riccardo Pizzi, bisogna che il Comune prenda atto, con apposita delibera, che a Senigallia esistono delle oasi in cui le leggi della Repubblica non si applicano:<br />
- il Summer Jamboree;<br />
- il Mezza Canaja.

Commento modificato il 02 settembre 2009

Sono convinto della assoluta correttezza degli agenti. Nei giorni della Fiera non sapendo dove altro parcheggiare (i posti riservati erano occupati dagli stand) i motociclisti usavano farlo massicciamente intorno alla fontana delle Oche. La cosa era opportunamente tollerata, essendosi limitati gli agenti (credo loro) a delimitare con delle fettucce lo spazio riservato all\'attraversamento pedonale. Inutile dire che presto le fettucce sono state rimosse e le moto occupavano ogni spazio. Ho visto coi miei occhi una signora con passeggino fare acrobazie semplicemente per attraversare la strada, mentre una vigilessa accanto a lei osservava arrabbiata e impotente, non potendo ovviamente chiamare il carro attrezzi e far rimuovere decine di moto. Dico sempre che se fossimo tutti più civili e rispettosi del prossimo, avremmo più titolo nel criticare gli errori che inevitabilmente anche gli agenti commettono. Certo, se ne vedessimo di più agli incroci saremmo tutti più contenti e disciplinati. E poi torno a ripetere, tanto nessuno risponderà mai: PERCHE\' I VIGILI IN MACCHINA NON ALLACCIANO LA CINTURA DI SICUREZZA?

Lei ha fatto la stessa osservazione che feci io, sempre alla Polizia Municipale di Senigallia, quando presi una multa sul lungomare di Senigallia per sosta vietata. Chiesi come mai altri scooter non fossero stati multati e se c\'erano dei reati del codice della strada più o meno importati riguardanti le soste così la vola dopo mi sarei regolato di conseguenza. Mi risposero sorpresi e infastiditi più o meno la stessa cosa che hanno detto a lei.<br />
<br />
Quindi ero che la legge non è uguale per tutti ne è applicabile nello stesso modo a tutti, ma a discrezione di chi le deve far rispettare.<br />
<br />
Mi sono perso qualcosa io o questo non ha niente a che vedere con i principi di uno Stato Democratico?<br />
<br />
Chi controlla l\'operato del controllore?<br />
<br />
Ci vuole una certa faccia tosta accompagnata ad una buona dose d\'ignoranza dare una risposta del genere come l\'hanno data a lei.<br />
<br />
Io gli avrei dato uno schiaffone e gli avrei detto che quelli li do a mia discrezione.<br />

sulle cinture di sicurezze c\'è una deroga del CdS o del Regolamento ma non mi ricordo dov\'è, me l\'ero chiesto anche io<br />
<br />
certo dire che le multe sono a discrezione dei VVGG mi pare bruttino, e come decidono, a simpatie? solo sul più debole? se è uno grosso lascio perdere? se capita che un vigile non fa la multa e viene interrogato da un cittadino, forse m\'illudo, ma penso che si possa denunciare la sua inosservanza del dovere di servizio chiamando subito la Polizia o i CC ..certo che sarebbe bella proprio questa!

Rispondo in merito alle cinture di sicurezza. <br />
L\'art. 172 CdS, comma 8 sub a) stabilisce che gli operatori sono esentati da allacciare le cinture quando espletano un servizio di emergenza.<br />
La circolare del Ministero Interni nr. 559/A/1/ORG/DIP.GP/4937 del 16 settembre 2003, specifica che la definizione di \"emergenza\" può essere allargata allo \"stato di pericolo concreto e attuale\".<br />
Cosa che non penso ricomprenda la maggior parte dei servizi quotidiani di istituto. In realtà e\' un pessimo segnale, fa capire ai cittadini che loro sono -o credono di esswere, peggio- dei privilegiati (quale privilegio, quello di rompersi la testa?). Roba da regno borbonico, anche l\'ispettore Derrick allacciava le cinture...

La discrezione porta anche a chiamare chi di dovere affinchè rimuova manifesti illegittimamente affissi nelle bacheche (del pd) dopo una segnalazione? Pare di si.

Ci si può fidare di una forza pubblica che applica la legge a seconda della \"loro personale\" discrezione?<br />
<br />
Credo che stiamo raggiungendo livelli da terzo mondo<br />
(con tutto il rispetto per il terzo mondo).<br />

via smirne

Commento sconsigliato, leggilo comunque