Comitato San Giuseppe: i cittadini jesini non recepiscono

Variante della circolazione in via XXIV Maggio-Battisti-Rosselli 2' di lettura 07/09/2009 - Ecco, qua. Se la viabilità del quartiere Prato è stato un Flop la colpa è dei cittadini che non hanno recepito, non hanno capito la strategia del cambio di sensi di marcia, per diminuire il traffico dell’Asse Nord. Ma allora la colpa di queste scelte è del cittadino!

Il progetto risale al 2002 quando ancora la rotatoria di via XXIV Maggio era 10 volte più piccola, non era presente il grande marciapiede per ospitare le panchine, non era stato concesso al bar un parcheggio, per dare più spazio a vita mondana.

La giunta ha dovuto prendere dei consulenti esterni, pagando dei soldi pubblici, perché negli uffici comunali, non sono in grado di capire che il cambio di senso era un flop. Tutti l’avevano capito, tranne quello che lo hanno deciso.

Ora alcuni cittadini e anche il Comitato San Giuseppe, si chiedono:

Perché spendere dei soldi per le consulenze?

Perchè i tecnici che ricoprono degli incarichi non riescono a capire alcune problematiche??

Consiglio:

Basta solamente riportare tutto come era prima il tutto facendo a salire fino davanti a Pasquinelli, ma poi si dovrà cambiare il senso di marcia per andare alla Piscina. In questo modo si avrà una via di fuga della via Gallodoro, e la possibilità di usufruire anche per salire al centro dalla costa del mulino, e parcheggio Zannoni. Ma infine il nostro Assessore che dopo che è stato eletto, è esordito dicendo che non pensava che Jesi era ridotta in questo modo. Perciò è corso ai ripari: è diventato muratore per lo spostamento della mensa della Giraffa, ( ma lo stesso giorno dell’apertura delle scuola, intervenendo Carabinieri e Vigili per le lamentele dei genitori) e in questo ultimo periodo, ha fatto anche il Vigile, per far capire ai cittadini i sensi di marcia del Prato, ma senza esito.

Sappiamo che è stato eletto grazie ai 4 voti del partito, sappiamo anche che è un buon infermiere, come dice sempre quando gli viene chiesto alcuni informazioni a riguardo dei lavori pubblici. Adesso i cittadini gli chiedono, visto che ancora ad oggi, le strade hanno le buche, i marciapiedi sono un pianto, le fogne sono piene di aghi di pino, l’illuminazione di alcune vie sembra un luna park, il traffico e Caos , ma perché non si dimette?






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-09-2009 alle 15:46 sul giornale del 07 settembre 2009 - 1158 letture

In questo articolo si parla di viabilità, politica, jesi, Comitato San Giuseppe, quartiere prato





logoEV