In manette Salvatore Roberto Perricciolo per estorsione mafiosa

Polizia 1' di lettura 02/10/2009 - Chiedevano il pizzo ad un autosalone di Marotta. Quattro persone sono state arrestate per estorsione con l\'aggravante mafiosa.

Tutto è partito da una denuncia fatta l\'estate scorsa. Un autosalone di Marotta da tempo era costretto a pagare il pizzo a quattro delinquenti. 50 mila euro era la cifra che veniva chiesta. Poi la denuncia.

Le indagini della Polizia di Pesaro, partite lo scorso agosto e coadiuvate dalle squadre mobili di Ancona e Macerata, hanno portato mercoledì a quattro arresti. Le manette sono scattate ai polsi di Marco Schiavi, 35 anni, figlio di Gianfranco \"Il Mastino\", Salvatore Roberto Perricciolo, 29 anni di Civitanova, Gaetano Abaco, originario di Caltanissetta ma residente a San Benedetto del Tronto e Alessandro Petrolati, originario di Corinaldo ma residente a Marotta. Per tutti e quattro l\'accusa è di concorso in estorsione e detenzione illegale di armi, con l\'aggravante mafiosa per Abaco e Perricciolo.

Stando alle ultime indiscrezioni, i quattro erano solito far \"visita\" all\'autosalone con l\'intento appunto di estorcere 50 mila euro. La gang era arrivata anche a minacciare di morte il titolare. I quattro ora sono rinchiusi nel carcere di Villa Fastiggi a Pesaro





Questo è un articolo pubblicato il 02-10-2009 alle 11:40 sul giornale del 03 ottobre 2009 - 4986 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, riccardo silvi, marotta, corinaldo, san benedetto del tronto, civitanova