Andreoni (PD): \'Stranieri\', decisivi per il nostro benessere

3' di lettura 03/11/2009 - 80 i paesi del mondo presenti in Osimo, pià di mille gli stranieri. Per Paola Andreoni (PD): Altro che \"paura degli stranieri\", grazie al loro lavoro ed alla loro attiva presenza,  riusciamo a  sostenere  il nostro welfare e in definitiva il nostro benessere. Oggi si discute in Sala Gialla la mozione sul consigliere aggiunto (in allegato).


L\'apporto professionale, ma anche contributivo e previdenziale, dei lavoratori stranieri è sempre più rilevante. Lo rivela il rapporto Caritas presentato in questi giorni alla stampa. Dati che dimostrano l\'importanza di investire di più nelle politiche per l\'integrazione.


Gli stranieri sono sempre di più, ma soprattutto è sempre maggiore il loro apporto contributivo e previdenziale, come dimostrano i dati dell\'Inps. Il rapporto Caritas/Migrantes 2009, presentato in questi giorni dalla Caritas ( anche grazie all\'apporto dei dati rilevati dai centri di Ascolto e dagli Osservatori della Povertà, organismo presente nella nostra Diocesi e diretto da Don Flavio Ricci ), evidenzia come il tema dell\'immigrazione meriti un approccio più articolato di quello dominante in Italia negli ultimi anni, legato prevalentemente all\'emergenza sicurezza.


Per la prima volta, infatti, la media di stranieri residenti nel nostro Paese è superiore a quella europea, l\'Italia multietnica è ormai un dato di fatto. Buona la presenza nelle Marche, dove i cittadini stranieri residenti rappresentano ormai il 7%della popolazione, quasi il 15% della forza lavoro, oltre al 10% degli iscritti alla scuola pubblica. Numeri che in termini economici si traducono con un apporto al Pil regionale di quasi 9 miliardi, con contributi previdenziali per 150 milioni di euro e un gettito fiscale di 125 milioni tra Irpef, Iva, lavoro autonomo e imposte sui fabbricati.


\"E il loro contributo è ancora più rilevante - ha commentato Pietro Pinto del comitato scientifico del dossier - se si pensa che il sistema di welfare italiano orienta prestazioni e servizi verso la popolazione anziana, dove la percentuale di stranieri è minima\". Anche per questo i responsabili del Rapporto hanno espresso preoccupazione per il taglio, avvenuto negli ultimi due anni, del Fondo nazionale politiche sociali: \"mentre le Regioni - ha detto - avrebbero bisogno di maggiori risorse per le politiche di integrazione con tre priorità: alfabetizzazione, mediazione e antidiscriminazione\".


Altro che \"paura degli stranieri\", grazie al loro lavoro ed alla loro attiva presenza, riusciamo a sostenere il nostro welfare e in definitiva il nostro benessere.




I numeri della presenza Straniera residente in OSIMO
( dati ISTAT riferiti al 31/12/2005 forniti dall\'uff.statistica Comune di Osimo)

Cittadini residenti stranieri TOTALE n° 1.605
\" \" \" maschi n° 824
\" \" \" femmine n° 781
\" \" \" minorenni n° 354

da dove vengono i nostri fratelli stranieri residenti in Osimo ?(dati dei Paesi più rilevanti dal punto di vista numerico o particolari)

descrizione Maschi Femmine totale
Austria (UE) 3 3
rep.Ceca (UE) 1 3 4
Germania (UE) 5 3 8
Francia (UE) 6 9 15
Polonia (UE) 3 15 18
Regno Unito (UE) 1 9 10
Paesi Bassi (UE) 3 3 6
Slovacchia (UE) 5 5
Spagna (UE) 1 6 7
Romania (UE) 90 102 192
Albania 220 171 391
Macedonia ex Jug 55 35 90
Moldova 3 13 16
Russia 1 18 19
Ucrania 6 33 39
Camerun 5 1 6
Benin 8 5 13
Togo 30 19 49
Tunisia 105 55 160
Marocco 82 67 149
Ghana 31 11 42
Nigeria 11 12 23
Argentina 7 9 16
Brasile 9 13 22
Stati Uniti 1 4 5
Perù 7 13 20
Venezuela 1 2 3
Cuba 1 8 9
Domenicana rep 2 9 11
Afghanistan 2 2
Corea del Sud 13 4 17
Bangladesh 5 2 7
Cina 23 25 48
Sri Lanka 3 2 5
Nuova Zelandia 1 1
Australia 4 4

In totale i Paesi del Mondo presenti in Osimo sono 80:
siamo proprio una BELLA COMUNTA\' Multietnica.


da Paola Andreoni
Presidente Consiglio Comunale Osimo


...

...






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-11-2009 alle 18:04 sul giornale del 04 novembre 2009 - 5175 letture

In questo articolo si parla di attualità, osimo, partito democratico, paola andreoni, immigrazione





logoEV