Ostra Vetere: crocifisso, mozione anche in consiglio provinciale

2' di lettura 10/11/2009 - Una mozione per ribadire con chiarezza e con forza che “il Crocifisso rappresenta una testimonianza di cultura, emblema di libertà e di valore universale, parte integrante delle nostre radici, della nostra storia e delle nostre tradizioni cristiane” e “per assumere tutte le iniziative, che rispettino e tutelino le tradizioni, la storia e la specificità culturale del nostro popolo, che ha le sue radici nel Cristianesimo”.

Il documento presentato dal Sindaco di Ostra Vetere, Massimo Bello, incassa il voto favorevole di tutto il Consiglio Comunale, dei Consiglieri di maggioranza e di quelli di minoranza, che hanno sostenuto ed approvato la mozione presentata dal primo cittadino all’indomani della sentenza della Corte di Strasburgo, che ha deciso di togliere dalle aule scolastiche i crocifissi perché “rappresentano una violazione dei genitori ad educare i figli secondo le loro convinzioni e una violazione alla libertà di religione degli alunni”. Il voto favorevole del Consiglio alla mozione di Massimo Bello si aggiunge all’ordinanza firmata dallo stesso Sindaco nei giorni scorsi, con la quale è prevista un’ammenda di cinquecento euro a chi toglie dalle scuole e dagli edifici e dagli uffici pubblici il crocifisso.



Nel frattempo, altri Comuni marchigiani, e non solo, hanno seguito l’esempio di quello di Ostra Vetere. In particolare i Sindaci, che stanno non solo sensibilizzando i loro Consigli Comunali ad approvare una mozione analoga al riguardo, ma che si stanno preparando ad emanare la stessa ordinanza del Sindaco Massimo Bello. “Una battaglia culturale, ancor prima che legale, – ha detto il primo cittadino di Ostra Vetere – mi ha spinto a prendere questa posizione nei confronti della sentenza della Corte europea di Strasburgo. Una sentenza inaccettabile, che non può cancellare la nostra storia e le nostre radici cristiane, che abbracciano non solo l’Italia, ma anche l’Europa stessa. Faremo tutto ciò che è in nostro possesso per fermare questo ennesimo attacco alla nostra cultura e alla nostra identità”.



“Il crocifisso rappresenta – ha aggiunto il Sindaco Bello - non solo un simbolo religioso, ma anche il segno culturale e specifico della nostra tradizione, che ha profonde radici cristiane, e che rimuoverlo dalle aule e da altri edifici pubblici italiani significherebbe negare l\'appartenenza a questa tradizione.” Da ultimo, il Consiglio Comunale chiede al Sindaco Bello e alla sua Giunta “di promuovere tutte le azioni per scongiurare fenomeni di discriminazione dell’ identità storica, culturale e di civiltà del popolo italiano a partire dal simbolo religioso di valenza universale qual è il Crocifisso, appoggiando con forza l’azione del Governo italiano contro la sentenza pronunciata dalla Corte europea” e di “assumere tutte le iniziative, che rispettino e tutelino le tradizioni, la storia e la specificità culturale del nostro popolo, che ha le sue radici nel Cristianesimo”. Il Sindaco, intanto, in qualità di Consigliere provinciale, ha presentato una mozione sullo stesso argomento anche in Consiglio provinciale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-11-2009 alle 16:21 sul giornale del 11 novembre 2009 - 5575 letture

In questo articolo si parla di chiesa, attualità, ostra vetere, comune di ostra vetere, crocifisso


proprio bel belli, testardi e \'gnoranti, e per niente praticanti<br />
<br />
\"L\'attribuzione al crocefisso di un valore culturale non risolve alcun problema. Se anche si ammetta che quel simbolo abbia una valenza culturale, di cui si sia arricchito nei secoli - cosa quanto meno ovvia, data anche la natura estremamente polisensa del termine \"cultura\" -, mai sarebbe possibile escluderne il significato religioso, con cui è invece venuto ad esistenza. La croce è simbolo chiaramente confessionale e religioso e dunque, indipendentemente da altri significati o valenze che le si vogliano riconnettere, la sua presenza continua a generare il conflitto ed a porre il problema. L\'assegnazione d\'una valenza culturale appare così un tentativo di difesa estremo quanto inutile, che produce a tratti peraltro un atteggiamento di arroganza culturale, quando si pretende di attribuire al simbolo - come il Consiglio di Stato ha fatto - addirittura un \"valore universale\".<br />
<br />
per altre info:<br />
www.associazionedeicostituzionalisti.it<br />
<br />
<b> perchè si ostinano a voler vedere una censura della religione, un \"furto di identità\" e tutte queste deformazioni che non esistano?? e pure certa Gerarchia! </b><br />
<br />
\"La prima preoccupazione di un laico cristiano non è quella di difendere un\'identità, ma di maturare il coraggio di un impegno responsabile secondo lo spirito del Vangelo\"<br />
<br />
per altre info:<br />
www.aggiornamentisociali.it di Maggio 2009

Massimo Bello

L\'arroganza di un intollerante è pari soltanto a quella di individuo che ha perso qualdiasi identità, storia, valori e tradizioni. Una vita insignificante, che lo spinge a cercare senza mai trovare nulla perchè egli è il nulla...\"

Cosa c\'entrano le tradizioni e l\'identità con la morale e col bene universale?Anche la corrida è una tradizione.Perché,se si parla di crocifisso,ci si sofferma sulle tradizioni e sulle idantità,e non su cosa moralmente può rappresentare oper tutti.Non è un buon presupposto di dibattito.Nessuna legge italiana impone appendere il crocifisso in luoghi pubblici non religiosi,quindi perché le multe?!Però,il crocifisso,che male mai farà,che si lasci dove sta.Chi ha patito la passione non voleva comunque,mai avrebbe voluto che ciò divenisse un simbolo di qualsiasi inquisizione.

Se vogliamo pari dignità tra le religioni, il crocifisso nelle scuole ci può stare ma accanto al Corano e agli altri simboli.<br />
Io sinceramente non auspico pari dignità tra le religioni, auspico l\'assenza delle religioni, nei simboli, nelle leggi e in quant\'alltro che riguardi lo Stato.<br />
La religione dev\'essere una cosa privata e personale alla quale logicamente chiunque crede si ispira nella sua condotta quotidiana e nel suo modo di agire pubblico e privato.<br />
Se poi tiriamo fuori la banalità che il crocifisso è stato simbolo di dolore e Cristo è stato una personalità eccezionale a prescindere, allora io propongo che vengano appese alle pareti foto di Auschwitz, di Sabra e Chatila, della strage del Rwanda o di Che Guevara, piuttosto che di Gandhi o di Martin Luter King.<br />
Il Crocifisso è stato simbolo di dolore.<br />
Subito ma anche inflitto.<br />
I Crociati si chiamavano così perchè il loro simbolo era la croce, e nel Vicino Oriente compirono tali e tante atrocità da essere a tutt\'oggi ricordate.<br />
Per non parlare della Santa Inquisizione e della caccia alle streghe.<br />
Il fatto di essere da sempre uno stato non laico ci fa essere da sempre uno stato diverso dagli altri.<br />
Secondo me peggiore.<br />
Si dice spesso \"Figurati se in Italia passerebbe una legge del genere. C\'è il Vaticano.....\"<br />
Per quanti anni ancora vogliamo vivere sotto la mannaia dello Stato più piccolo del mondo?<br />
Detto questo il crocifisso non mi da alcun fastidio.<br />
Detto questo credo che chi ne chiede la rimozione sia il più delle volte un provocatore.<br />
Detto questo credo che chi lo difende urlando con gli occhi iniettati di sangue sia il più delle volte un concusso, cocainomane, puttaniere, tangentista, ladro e devastatore ambientale, nonchè quasi sempre razzista, nonchè il primo a non rispettare i principi evangelici che tale simbolo rappresenta e che condivido tutti pur non essendo credente.<br />
Ovviamente quest\'ultima affermazione non è riferita a quest\'articolo nè a Massimo Bello che conosco da quasi trent\'anni, ma inutile precisare Massimo lo sa benissimo. <br />
Mi riferivo invece a certi signori di Udc o Udeur o altri partiti che si basano sull\'integralismo cattolico e che invece alla fin fine annoverano tra le loro fila schiere interminabili di inquisiti e condannati per reati contro la pubblica amministrazione e non solo e che molto spesso vengono pescati con le mani nella marmellata e in giri di sesso, orge e droga. (vedi caso Mele).

Off-topic

Perché nessuno parla mai della vicenda di Giordano Bruno e ,a parte Piazza Campo dei Fiori a Roma dove fu arso vivo,nessuno gli dedica un monumento.Segnalo,a chi fosse interssato,un libro di Gabriele La Porta.Non ricordo il titolo,sebbene lo abbia letto recentemente.Edizioni Rai.Il film con Gian Maria Volonté penso sia molto difficile da trovare.

Off-topic

Di Sabra e Chatila si parla troppo poco.Del ruolo che ebbe Sharon nella vicenda.Del terribile massacro a cui fu sottoposta della popolazione innocente musulmana nei villaggi sopra citati da parte di cristinai libanesi maroniti sotto l\'accondiscendenza dell\'esercito israeliano.Uomini,donne e bambini trucidati.Il generale Ariel Sharon controllava quella zona durante la guerra in Libano contro gli Ezbollah\',metà degli anni \'80.L\'eccidio di Sabra e Chatila accadde,mi sembra,nel 1983. La conclusione?Chi sta dalla parte del bene?Poi...spero che l\'argentino Ernesto Guevara,di cui conosco la vita e ho letto alcuni scritti,non avrebbe mai fatto quello che ha fatto se avesse saputodi Cuba.Profondo odio per l\'embargo,ma anche per Castro,spietato dittatore \"istituzionale\",che si dice contribuì a fare ammazzare Guevara.Schifo per gli esuli cubani che vanno a Miami per trafficare droga.Qualcuno conoscerà Scarface.

Penso che tutto questo can can, mozioni interpellanze, serva solo ad imbiancare sepolcri.<br />
Invece dovremmo essere più attenti al messaggio che quell\'UOMO crocifisso ci grida da due millenni, perchè se lui è lì è a ricordarci che LUI e morto per la nostra salvezza.<br />
Siate attenti Voi amministratori alle esigenze degli ultimi e non ai sepolcri imbiancati.

Di chi sta parlando signor Bello?<br />
<br />
è una VERGOGNA!<br />
L\'Italia costruita con una guerra contro lo Stato della Chiesa che non voleva dare libertà e unità al nostro popolo e ha sempre servito i poteri forti contro la classe operaia e gli sfruttati promettendo loro solo fandonie ora viene ossequiata come fossimo nel Medioevo!<br />
<br />
Spero e credo sia ora che tutti i razionalisti, laici e democratici d\'Italia e d\'Europa INSORGANO contro questi abusi ed esempi di medievalismo

Commento modificato il 11 novembre 2009

A Bello di certi articoli importantissimi della Costituzione italiana non interessa un bel niente né interessa essere rappresentante di tutti i cittadini ma solo di una parte ignorante di diritto e di rispetto della par condicio e della laicità dello stato.<br />
<br />
Stiamo mettendo le basi del Talebanismo, ma attenti che non vi si rivolti contro, chi semina vento raccoglie tempesta e <b>l\'ignoranza o l\'arroganza non è mai perdonata dalla Storia. Tutti i populisti prima o poi finiscono vittima del loro populismo.</b><br />
<br />
<img border=\"1\" src=\"http://www.cristianesimo.it/crocifis.jpg\" ><br/><br />
<br />
<b><br />
<a href=\"http://www.ilpassatore.it/2009/11/03/sul-crocifisso-in-aula/\">Vedi <br />
articolo serio sull\'argometo</a></b><br />
<br />
Poi vorrei proporre una riflessione, premesso che Bello è un politico e ovviamente ha una forma mentis particolare, ma io vorrei fare un sondaggio, un po\' come fa la7 ogni sera: <b> ma per voi Bello ci crede in Dio oppure la sua è solo un\'operazione di utilitarismo elettorale?</b> In caso si volesse testare la sua fede dobbiamo contare le volte che va a messa (semmai va) e si confessa oppure basta fargli delle domande a caso su Bibbia e Catechismo e aspettarsi che risponda correttamente almeno al 75%?<br />

ma per favore....<br />
parliamo ancora di chiesa, come era 1000 anni fa??<br />
Ma lo vedete quello che sta facendo la chiesa oggi?<br />
E\' l\'unica organizzazione formata da gente comune che si rimbocca le maniche per aiutare il prossimo.<br />
In tutte le parti del mondo.

6 indifendibile Bello!! lascia star me che non sono importante, e guardati quei link: Costituzionalisti e Gesuiti ..

Attorno al 1490,ai tempi di Giordano Bruno,gli \"alti prelati\" dello Stato Pontifico avevano l\'uso,per clemenza cristiana,di girare con la loro carrozza nel centro di Roma e buttare ai sudditi affamati ,ai miserabili,le ossa avanzate dai loro pranzi dove ancora era rimasta un po\' di carne.Le ossa rosicchiate da quegli stessi prelati.La fonte è un libro citato da me sotto.Questo non per fare generalizzazioni populiste veramente idiote,ma perché siamo tutti comunque appartenenti alla razza umana e sotto esame,e corruttibili,e nella storia dell\'uomo ce ne è stato di male,quindi,anziché di fare esternazioni qualunquiste e inutili,sarebbe meglio capire,sentire dentro di sé,agire ,cercare il bene.Il bene della propria coscienza c he si trasfroma in bene nelle proprie azioni,qualunque sia l\'ambito delle proprie azioni.Parlare di tradizioni non c\'entra propio nulla col bene.Il bene si indigna di fronte a questi comunicati.

Siamo_in_provincia

Siamo in provincia, e si vede!

ribalta la sentenza in positivo, dice solo che in Europa le scuole e le aule tribunali nondevono aver simboli di alcuna religione, non che non si deve aver 1 fede, anzi.. L\'Europa è cresciuta sul cenobitismo di San Benedetto ma anche su Galileo e Savonarola, e su Lutero, e sul mischione anglicano ecc ecc e sulle catastrofi delle guerre mondiali --> costituzionalismo occidentale e diritti umani<br />
<br />
poi si potrebbe anche dire che in certi paesi la croce rossa non ha appunto la \"croce\", e che in quegli stessi paesi non c\'è democrazia e manco libertà d\'altro punti vista<br />
<br />
insomma, sulla Croce c\'è morta Quello, ma non ci deve morire più nessuno

Quando si parla qua sopra di cristianesimo,si sa a cosa ci riferisce?Il cristianesimo sono gli insegnamenti etici e morali di Cristoe essi sono la base del credere in Cristo in modo metafisico.La grossa novità rappresentata dalla figura storica,mi riferisco alla storia,l\'enorme novità,la più significativaciò che ha reso così universale la diffusione del cristianesimo,è stato l\'affermare il principio che tutti gli uomini sono uguali,che gli oppressi ingiustamente riceveranno il premio(\"beati i miseri e gli oppressi,perché di essi è il regno dei cieli\",non è una citazione testualedal vangelo questa,ma quasi). Chi scrive qua sopra,ha mai riflettuto su questo,ne sa qualcosa,applica nella vita i principi del Vangelo ufficiale(perché non esiste solo il Vangelo ufficiale).è una domanda,non retorica. \"Non andare dietro alla gente per fare il male;e nei tuoi giudizi non seguire il parere dei più,allontanandoti dalla verità\".\"Quando edificherai una nuova casa,farai un muricciolo torno torno al tetto,per non macchiar di sangue la tua casa,per non esser reso reo,se uno cadendo precipita di sotto\".\"Se un forestiero abiterànella vostra terra e prenderà dimora fra di voi,non lo disprezzate;giacché anche voi foste forestieri nella terra d\'Egitto\". Bibbia,tratta da un libro di libro di storia di Antonio Brancati .

Massimo Bello

Caro Signor Cesanelli.<br />
quando leggo i suoi commenti, mi diverto perchè credo, finalmente, che Lei abbia trovato qualouno con il quale prendersela.<br />
Dica la verità...non vedeva l\'ora! Come del resto non vedevano l\'ora di uscire allo scoperto i rappresentanti dell\'Unione Atei ed Agnostici Razionalisti (UAAR), di cui Lei - e su questo credo di non sbagliarmi - fa parte a pieno titolo.<br />
<br />
Quella sentenza della Corte europea di Strasburgo (ancora non \"esecutiva\" in Italia) vi ha dato speranza e voce - almeno per il momento - e state cercando in tutti i modi di demonizzare in tutti i modi che non pensa come voi.<br />
La vostra Associazione - legittima, per carità, a dire che vuole - ha avuto finalmente i suoi \"quindici minuti\" di celebrità, di palcoscenico e, allora, cosa fa? Comincia a trionfare ed a lanciare anatemi contro chi si permette di dissentire, usando gli strumenti dell\'arroganza, dell\'offesa gratuita, della minaccia, dell\'attacco personale, della denigrazione, della calunnia, della diffamazione.<br />
<br />
Addirittura, questa è proprio nuova, si pensa di utilizzare lo strumento del sondaggio! Come Associazione UAAR siete proprio alla frutta! Il ricorso, che avete fatto presentare alla Corte europea da una vostra rappresentante, vi è servito solo strumentalmente ad affermare un vostro obiettivo, l\'unico forse...i crocifissi devono sparire dalle scuole perchè \"ledono il diritto dei genitori ad educare i propri figli\". E poi?<br />
<br />
Caro Signor Cesanelli,<br />
non faccia la persona al di sopra delle parti, non dia da intendere che per lei è questione di principio o che vuole salvaguardare la laicità dello Stato oppure che lo fa nel rispetto di tutti!<br />
Lei è di parte e non vuole i crocifissi, perchè di quel simbolo ne ha paura.<br />
<br />
E poi, mi consenta, Lei comprende il motivo per il quale uno Stato deve essere laico? Oppure fa finta di non capirlo?<br />
Essere in uno Stato laico significa che chi governa, chi sta in Parlamento osiede sullo scranno di qualsiasi carica pubblica non deve essere un prete, un vescovo, un cardinale, il Papa, una suora...insomma, non deve essere un rappresentante della Santa Sede.<br />
Che in uno Stato laico possa esserci il crocifisso appeso ad una parete di un\'aula scolastica non vedo come possa condizionare la stessa natura di Stato laico.<br />
<br />
Da ultimo, Signor Cesanelli,<br />
sono crisitiano e credo in Dio non perchè vi è stata la sentenza della Corte europea. Non si è cristiani perchè c\'è un numero minimo di Sante Messe frequentate. Sono cristiano non perchè faccio politica e mi serve il consenso elettorale dei cristiani.<br />
La mia educazione, la mia formazione, le mie azioni ed i miei valori sono ispirati anche dal cristianesimo, che per me significa molto. <br />
<br />
Invece di fare sondaggi sciocchi e pretestuosi, si candidi in qualche lista elettorale e cerchi di farsi eleggere. Si metta alla prova, se ne ha le capacità ed il coraggio. <br />
Le assicuro che per governare ci vogliono idee e progetti, non chiacchiere. Il consenso, per quello che mi riguarda, non si crea utilizzando simboli religiosi. Lei, invece, sta utilizzando negativamente il crocifisso proprio per creare consenso attorno al suo Gruppo di Atei, che si riconosce nell\'Unione Atei ed Agnostici Razionalistici. <br />
<br />
Se vuole allargare il numero degli iscritti all\'Associazione UAAR, lo faccia pure, ma lasci da parte Nostro Signore Gesù Cristo. Si avvicini a semmai a Lui e ne abbia rispetto.<br />

Massimo Bello

Lasci perdere, Signor Pindaro, che di vergognoso ci sono soltanto il suo atteggiamento ed i suoi commenti.<br />
Dimostri di avere buon senso. Non lanci \"minacce\" o \"provocazioni\" di basso profilo e senza senso.<br />
La sua arroganza non ha limiti.<br />
Lasci perdere...

Senta signor Massimo Bello,lei e Cesanelli,siete soltanto 2 facce della stessa medaglia.Quella del dibattito velleitario,inutile,qualunquista,fonte di regresso sociale.Tutti e 2 allo stesso livello.

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Massimo, non mi metto a fare polemica, tanto è tempo sprecato. Però, visto che come Sindaco indossi la fascia tricolore, un ripassino -quando hai un momento libero- al significato di \"laicità dello Stato\" te lo consiglio da amico. Poi fai tu. A presto.

Massimo Bello

...ma Renato, non hai capito, che a loro piace fare solo polemica? Non ti sei accorto che parlano a sproposito senza saper quel che dicono? Non ti sei accorto che stanno strumentalizzando tutto quanto solo perchè hanno avuto qualla sentenza, che tra l\'altro non è ancora \"esecutiva\"?<br />
Comunque, caro Renato, mi sto divertendo! E anche molto! Leggo i loro commenti (naturalmente solo quelli più aggressivi) e mi diverto!<br />
Sulla laicità dello Stato, poi, cosa dirti? Forse hai ragione, forse no! Comunque, farò un \"ripassino\" così almeno dormi tranquillo!<br />
Hai ragione, visto che ho la fascia tricolore da Sindaco...e altri invece non ce l\'avranno mai.<br />
Spero che continunino ancora con i loro commenti...più scrivono, meglio è, non credi?<br />
Ciao Renato e buona serata.

Massimo Bello

Pensa da che pulpito vien la predica...!! Non pensavo di trovarmi tra scienziati e premi Nobel!!

Bravo Quilly. Ma questo il bello di montenovo non potrà mai capirlo, a lui interessano i voti non i crocefissi...

Commento modificato il 11 novembre 2009

ottimo spunto il tuo commento, mi permette di introdurre:<br />
<a href=\"http://www.ibs.it/code/9788861900677/nuzzi-gianluigi/vaticano-spa.html\"><br />
<img border=\"0\" src=\"http://giotto.ibs.it/cop/copt13.asp?f=9788861900677\"></a><br />
<br><b><br />
<a href=\"http://www.ibs.it/code/9788861900677/nuzzi-gianluigi/vaticano-spa.html\"><br />
Vaticano Spa, vedi link</a></b><br />
<br><br />
<a href=\"http://www.ibs.it/code/9788854111240/zzz1k1456/libro-che-la-tua.html\"><br />
<img border=\"0\" src=\"http://book.webchising.it/locandine/media/il-libro-che-la-tua-chiesa-non-ti-farebbe-mai-leggere-1290234.jpg\" width=\"81\" height=\"121\"></a><br />
<br><b><br />
<a href=\"http://www.ibs.it/code/9788854111240/zzz1k1456/libro-che-la-tua.html\"><br />
Il libro che la tua chiesa non ti farebbe mai leggere, vedi link</a></b><br><br />
<br>Se qualcuno vuola avere delle informazioni aggiornate su Chiesa e <br />
dintorni, giusto per farsi un\'informazione che non fa mai male a mio umile <br />
parere, consiglio i seguenti (tra i molti) titoli. Buona lettura alle menti <br />
aperte e progressiste che credono nella glasnost.

Bello de montenovo, sindaco in trasferta, ma pensa te alla tua fede e lascia stare gli strumenti costituzionali che ti sono concessi per governare un comune, lascia che la fede ognuno se la coltivi da solo, come meglio crede. Ma davvero pensi ce il tuo essere sindaco o consigliere provinciale ti dia il diritto di decidere come noi dobbiamo rapportarci alla fede? Davvero pensi che uno debba candidarsi per poter parlare di fede o religione. Ma non tivergogni nenche un po\', ma te rendi conto che la classe politica oggi è la più inetta che ci sia mai stata? E te ne fai parte, non noi. Vai ad insegnare a vivere a casa tua e non a fare la morale ad un paese intero, o addirittura ad una provincia intera. Ma guarda te questo, che ridicolo...

Massimo Bello

Di ridicolo ci sei tu e di incomprensibile c\'è quello che dici.<br />
Da ciò che scrivi, la tua è più rabbia che altro. <br />
Quello che ti acceca non riguarda il crocifisso, ma forse il fatto che io sia sindaco e consigliere provinciale e anche di centrodestra.<br />
Io non decido affatto su come i cittadini si debbano comportare con la fede. <br />
La mia candidatura e la mia elezione come le mie cariche pubbliche niente hanno a che fare con la questione sollevata dalla Corte europea sul crocifisso.<br />
Sei un inetto, presuntuoso e vigliacco!<br />
Non hai il coraggio neanche di firmarti, ti nascondi perchè hai paura. Sei un invasato, forse anche comunista e di sinistra, che non digerisce le sconfitte elettorali!<br />
Devi essere più educato quando ti rivolgi a chicchessia, hai capito? Fatti insegnare un po\' di educazione e di buone maniere!<br />
Evita le minacce e di minacciare...<br />
Credi di fare paura a qualcuno con ciò che dici?<br />
Mi fai veramente pena... e quando scrivi i tuoi commenti non posso far altro che sorridere e perdonarti per quel che fai...<br />
Ma pensi veramente che tutti abbiano le patate al posto del cervello? Pensi che tutti siano sciocchi e non comprendano che ciò che dici siano soltanto banalità e nefandezze dette da una persona che non ha il coraggio nemmeno di dire qual è il suo nome?<br />
Lascia perdere... <br />

è lei,signor Bello,che ha un ruolo istituzionale,deve fare azioni,non teatro,non interessarsi di cose che non le competono.Ancora non ha pronunciato una parola una sui valori del cristianesimo.Il cristianesimo,nelle confessioni luterane,valdesi e calviniste,non ha istituzioni,per esempio.Eppure sempre di cristianesimo si tratta.Nato per opporsi alla corruzione morale ,alla dissolutezza e all\'autoritarismo gratuito che a quei tempi caratterizzavano la chiesa cattolica.Così come la Chiesa Aglicana ,allo stesso modo,dopo lo scisma di Enrico Ottavo,fu praticamente promulgata da Elisabetta Prima,la regina vergine,allo scopo di credere in Dio,quel dio che può trovarsi nelle nostre cowscienze,e non in chi si autoreferenzia suo ministro.Io scrivo dal pulpito delle mie idee.Ho facoltà di esprimermi,qua dentro.Dico che il bene e il male sono da ogni parte.Nulla è sacro per tutti,ogni cosa è da rispettare e la spiritualità dovrebbe sercitarsi negli ambienti dove la si esercita.A Bologna ,si sa,è pieno di gruppi e associazioni bizzarre,simili a quella degli atei agnostici razionalisti.C\'è una spiritualità universale che va bene per tutti.Leggetevi la profezia di Celestino.

Off-topic

Lei stia un attimo più rilassato.

lei stia un attimo più rilassato era riferito a Pindaro.Comunque chi non conosce la superficialità e anzi,per infantile boriosaggine,non la ricerca,ma se ne allontana,è un complessato e non sa cosa si perde nella vita.L\'animo è il compendio di tutte le inclinazioni del nostreo essere.è la vera vita.è qualcosa che scopriamo al nostro interno.Esiste.Chi non lo vuole ,è condannato ad una vita piatta per sua scelta,perché della vita non ha capito niente.é un valore cercare la spiritualità,non allontanarsene.Tutto potrebbe avere un senso molto più grande,entrando,vivendo la prpria vita in una dimensione spirituale.La prima regola è guardare al bene e basta.Pratico e morale.Chi non conosce religioni e filosofie orientali ,forse,che non sono in contraddizione col cristianesimo,perde pichhetti,corde e quant\'altro per scalare una montagna,che è di cartapesta comunque,perché è tanto facile arrivare alla spiritualità,al credere nella spiritualità,è troppo facile.basta volerlo.Andare verso quella direzione.Non capisco propio chi fa dell\'antispiritualità un vezzo.Si sta qua a parlare di crocifisso o non crocifisso ,quando i problemi sono più gravi,l\'assenza di spiritualità che ha contraddistinto l\'uomo nella storia,che è certa,perché è un assioma che,attraverso le leggi dell\'animo che possiamo sentire e scegliere di seguire,tutto va molto meglio.Nella vita si raggiunge una pace,una pace un po\' infelice,perché consapevole della catena di gioie e sofferenza,ma serena perché desiderosa di bene.

La verità è una sola.Non ha patrie,continenti,fazioni,pianeti.

Non siam tra scienziati ecc.. infatti più di qui non ci si va, e ciononostante basta ricordare l\'epitaffio kantiano: <b>Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me</b><br />
<br />
ovvero in versione naive salvare la Natura perchè dato esperienziale imprenscindibile per crescere equilibrati (non si pole cresce solo dentro MecDonaldo, davanti alla TV, nei centri commerciali, in discopub) e promuovere la statura morale della gente per una vera libertà di pensiero; puoi togliere anche tutte le croci, ma se il popolo è cattolico, è cattolico.. se lo è, lo si vede da come si comporta verso il prossimo x me

Sì,ma ,io per esempio sono anticomunista visceralmente,però la Repubblica Italiana ammette i partiti comunisti,nel contesto democratico.Ne hanno fatto sempre parte,sin dal \'48,coome L\'MSI.

Massimo Bello

Off-topic

Sinceramente, caro Tommaso, non riesco a comprendere ciò che vuoi dire e dove vuoi arrivare. Credo ti stia \"incartando\" da solo!<br />
Comunque, ti consiglio di riposare un po\'. Questo fa bene al corpo e alla mente...

Massimo Bello

...e allora perchè non togliere tutto? Se il comportamento per lei è la cosa più importante - e spesso lo è - allora annulliamo e cancelliamo tutto! <br />
Io credo, al contrario, che anche i simboli, i valori, i principi, siano \"sostanza\" dei nostri comportamenti, siano \"guida\" nelle nostre azioni.<br />
Se tutto scomparisse...non vi sarebbero punti di riferimento...e l\'umanità deve avere punti di riferimento.<br />

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Massimo Bello

Intanto, non vengo pagato per scrivere su \"Viveresenigallia\" I Comunicati Stampa del Comune sono affidati ad un Ufficio Stampa, per quanto riguarda, invece, i commenti agli articoli, qualora mi vada di intervenire, lo faccio in prima persona.<br />
<br />
Per tutto il resto lasci perdere! Non c\'è bisogno neanche di risponderLe. Lei fa già pena così!<br />
<br />
Ah, dimenticavo! Che Lei pensi ed agisca diversamente da me, non mi riguarda. La vita è la Sua e la gestisce come meglio crede.<br />
<br />
Le consiglio solamente di evitare minacce e, soprattutto, di rivolgere qualsiasi Suo pensiero più educatamente.<br />
<br />
Se questo Comunicato contiene numerosi interventi, ma firmati sempre da tre o quattro autori, ciò non crdo faccia statistica.<br />
<br />
I Suoi diritti non comprendono quello di essere anche manifestatamente incivile. Io non sono un Suo dipendente e ho il diritto di esprimere le mie opinioni. Sempre...<br />
<br />
Stia tranquillo...si guardi allo specchio e rifletta con se stesso!<br />

Off-topic

Capisco di non avere la dote di essere naturalmente esaustivo,accompagnata dalla scelta di esprimere pensieri in libertà ,a volte,facendomi guidare dalla mente in modo anarchico,ma razionale.C\'è un senso in tutto quel commento che è chiaro dentro di me.Sintetizzo in pochissime parole;prima e imprescindibile regola dell\'uomo,guardare sempre dentro la propria coscienza e dentro il prprio animo.Mettersi e mettere sempre in discussione ogni giorno tutti e tutto.Non peressere più insicuri,ma più consapevoli e puri di coscienza,per dare ad ogni cosa il valore,più o meno grande,che essa merita.Ad ogni evento.La società è già piena di problemi.In ogni istante bisogna avere l\'inclinazione interiore ed esteriore verso il bene.Il bene ognuno se lo deve trovare ,prima di tutto,dentro di sé.è un discorso semplice,ma non velleitario.Non so quanta percentuale c\'è dipaternalismo e quanta di presa in giro in ciò che lei mi ha scritto.Comunque,c\'è qualcuno che ha spiegato meglio il mio pensiero in passato.Filosofia niciana e soprattutto popperiana e suseguenti di Popper.Io ci metto buona volontà viscerale in quello che scrivo.Non ho interesse al mio mulino.Non mi autoreferenzio.Il pensiero di Popper è articolato,ma inquadrato,molto semplice,una equazione.Credo che lei possa conoscere la filosofia di Popper.Non sono sicuro se ,in questo caso,l\'uso del congiuntivo sia corretto.ci ho riflettuto.Alla fine ho scelto il congiuntivo..Non è una battuta questa, assolutamente..Il mio pensiero sta tutto lì dentro...Non scrivo qua per vetrina,ma per piccola mia missione.Non è una panzanata.

Off-topic

Sicuramente la metafora della cartapesta mi era venuta malissimo.La cartapesta si sgretola,non è solida.

Spiegami quali sono le minacce. Spiegami da dove vengono i soldi con cui viene retribuita la tua prestazione da sindaco e da consigliere provinciale. Poi se Massimo Bello, in qualità di privato cittadino, decidi di esprimerti in merito ad una qualunque questione, ben venga. Se al contrario, usi la tua posizione di amministratore pubblico, per interferire con ciò che non ha niente a che vedere con la pubblica amministrazione, io privato cittadino contribuente mi sento in diritto, perchè lo sono, di criticare la tua presa di posizione. La cultura e le tradizioni di un popolo non possono essere mischiate e legate a tradizioni e credenze religiose più o meno condivisibili. Non si può obbligare un popolo ad esporre ed idolatrare simboli a cui non tutti fanno riferimento, diversamente sarebbe dittatura. Se può farti piacere, io miscredente politico e religioso, dormo con il tricolore accanto al letto, e canto appassionatamente Fratelli d\'Italia quando posso, perchè nonostante tutto, nonostante c\'è chi cerca di rovinare quello che ancora di buono c\'è, io amo questo paese. Voi che dalla politica traete potere dovreste essere i primi a liberarvi dalle ideologie e dai partitismi e lavorare e lottare tutti assieme per un bene comune condiviso e condivisibile da tutti, senza distinzione alcuna. Buon lavoro e buon proseguimento nel cammino comune verso la verità.




logoEV