Marcellini: \'Non mi riconosco nel Pd, preferisco la società civile\'

massimo marcellini 2' di lettura 19/11/2009 - Massimo Marcellini esce dal Pd e pensa ad una lista civica con cui correre in vista delle elezioni 2010. A ridosso delle primarie del centro sinistra, fissate per domenica, arriva l\'annuncio ufficiale da qualche tempo già nell\'aria.

Dopo la rinuncia a correre per le primarie (aveva già pronta una lista di trecento firme a sostegno della sua candidatura) l\'oncologo senigalliese, 47 anni, consigliere comunale, confluisce nel gruppo misto e si toglie non pochi sassolini dalle scarpe. La vita “politica” di Marcellini del resto non è stata facile fin dall\'inizio. Poco riconoscimento dalla Margherita prima (alle elezioni 2005 con le 296 preferenze era stato il secondo più votato dopo l\'assessore Michelangelo Guzzonato, per ben due volte non è riuscito a ricoprire il posto vacante in giunta) e poca convergenza con gli ideali del Pd poi, hanno fatto il resto.


Il percorso all\'interno della Margherita non è stato facile -ammette Marcellini- ho portato contributi personali e iscritti. Poi è arrivato il Pd, cui mi sono iscritto nel luglio scorso, ma rispetto a questo progetto sono sempre stato titubante e ora, anche con l\'elezione di Bersani a segretario nazionale, avverto troppo uno sbilanciamento a sinistra. Non mi riconosco nel Pd e di qui la decisione di uscire dal partito. La mia candidatura alle primarie? Un candidato di centro sarebbe stato opportuno ma ho sentito molta freddezza da parte del Pd”.


Nel ringraziare quanti in questi anni lo anno sostenuto e il sindaco Luana Angeloni, Marcellini non risparmia critiche al segretario del Pd Fabrizio Volpini. “Che un segretario non si faccia sentire neanche per chiedere le motivazioni di una tale decisioni mi sembra alquanto strano -aggiunge Marcellini- Volpini mi ha considerato fuori dal partito già prima che lo decidessi”.


Sulla possibile (e probabile) scesa in campo alle comunali del 2010 l\'oncologo non esce ancora allo scoperto. “Nell\'eventualità che pensassi alla costituzione di una lista civica -precisa Marcellini- lo farei coinvolgendo le persone che sono già con me ora, persone slegate dalla politica, gente giovane e trasversalmente occupate nelle società. La politica deve ripartire dal basso. Le poltrone non ci interessano ma siamo a disposizione della comunità”. Dopo il tentativo andato a male per un eventuale ingresso nell\'IdV, Marcellini confluisce ora nel gruppo misto ed è probabile che circa una ventina di iscritti al Pd, entrati con lui nel partito, ritirino le tessere.








Questo è un articolo pubblicato il 19-11-2009 alle 21:51 sul giornale del 20 novembre 2009 - 6546 letture

In questo articolo si parla di giulia mancinelli, massimo marcellini, politica


Complimenti Dottore, Tu si che sei una vero SIGNORE ONESTO E PURO, ma non fai parte dei politici,perchè sono tutti tutt\'altro tranne alcuni che si contonano sulle dita.Solo per il lavoro che svolgi dovresti essere considerato molto di più dagl altri, ma la tua MISSIONE E\' CURARE GLI AMMALATI DI TUMORI queli che l\'AMIATO KILLER stà mietendo a più non posso. Solo il POTERE E l\'ARROGANZA ED IL VIL DENARO hanno causato questa situazione che a Senigallia nessuno ne parla non si sà se per PAURA che venga fuori che Senigallia sia inquinata da amianto.Io posso solo ringraziarti per avermi spinto a costituire l\'Associazione ALA che da allora quando me lo dicesti stà in piedi da 5 anni e mezzo con un Presidente tuo assistito ed operato da bel TRE TUMORI DA AMIANTO. Le persone che tu vorresti al tuo fianco ce ne sono ma si vergognano di essere puliti ed onesti come tu pensi.LA POLITICA E\' SPORCA ED E\' FATTA SOLO DI COMPROMESSI: o stai con loro o sei contro di loro,si tratta fi SCELTE dettate dal CUORE che tutti non hanno.

Maurizio T.B.

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Bene bene, interessante.<br />
Adesso c\'è il \"battitore libero\" in ambito centro-centrosinistra.<br />
Si, queste elezioni si stanno facendo davvero interessanti, con un vasto parterre tra cui poter scegliere, limitandosi al numero di possibili candidati.<br />
La cosa che salta subito all\'occhio è che ad un centrodestra che si è messo interamente nelle mani di Marcantoni (vale pure il viceversa), corrisponde dalla parte opposta (in attesa del responso \"ufficiale\" delle primarie e di altre possibili candidature) una lenta fuoriuscita di pezzi (Mancini, Marcellini) quando non addirittura ad una assenza (IdV).<br />
E il centro comincia ad essere affollato (Gazzetti, Marcantoni, Marcellini), come il Corso di sabato pomeriggio.<br />
<br />
Una volta mi bastava lanciare in aria una monetina per scegliere (il meno peggio), stavolta devo lanciare un salvadanaio aperto!

Caro daniele certo che la scelta sarà difficile anche perchè la nostra memoria è come al solito corta e magari non aiutata da esatte informazioni.<br />
Io spero che l\'anagrafe degli eletti e dei nominati, proposta dalla Paci, venga appoggiata da altri e messa su internet in modo che ognuno di noi possa conoscere, a parte le parole dei singoli candidati, anche ciò che questi hanno fatto nella loro vita politica cittadina.<br />
Sono sicuro che troveremo tante discrepanze tra il \"detto\" ed il \"fatto\". <br />

giacomino giuliani

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Io, ad un consigliere eletto che non è quasi mai venuto alle sedute del consiglio comunale (non si contano le volte in cui è saltato il numero legale a causa della sua assenza), non glielo darei mai un assessorato. Infatti non glielo hanno dato.<br />
Come medico non si discute, ma qui stiamo parlando di politica: possibile che nessuno si ricordi che il dott.Marcellini, in quanto ad attività politica, è ricordato solamente per un suo illuminato intervento relativo alla difesa dei pipistrelli? Se non erro, infatti, negli ambienti politici è soprannominato Batman... e ci credo che manco l\'IdV l\'ha voluto!

mej, facem chiarezza e stam tutti mej!

Mauri sei profondamente disonesto! L\'anagrafe non è proposta dalla Paci, ma lei ha detto a parole che è favorevole; sono ben altri i promotori di una simile iniziativa, informati meglio!<br />
Visto poi che ci tieni a far campagna elettorale per la Paci (legittimamente) e che ti riempi la bocca con idee che non sono nè tue nè sue, mi spieghi come mai il tuo partito (Verdi) e la tua coalizione (centro sinistra) non rispettano la delibera comunale che vede l\'obbligo di pubblicare la situazione patrimoniale dei consiglieri?<br />
Perchè durante una riunione di partito non ti alzi e dici che i tuoi consiglieri DEVONO adempiere a quell\'obbligo da loro stessi deciso?<br />
Ad oggi solo Cicconi Massi del Pdl ha provveduto; 1 su 30 mi sembra un po\' pochino.<br />
Vedete di passare ai fatti che ormai le parole hanno stancato.

Commento modificato il 20 novembre 2009

Gabriel, questo dell\'anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati è argomento troppo importante per farne motivo di propaganda e di scontro tra le parti.<br />
L\'idea originale viene dal partito Radicale:<br />
http://www.radicali.it/view.php?id=127859<br />
<br />
Popinga e Marco Scaloni in particolare hanno avuto il grande merito di rilanciarla a Senigallia in vari modi e di seguirne e sollecitarne assiduamente gli sviluppi.<br />
<br />
Francesca Paci ha avuto il merito di raccogliere la proposta dei Radicale pressoché integralmente facendone un punto qualificante del suo programma:<br />
http://francescamichelapaci.blogspot.com/2009/11/lanagrafe-pubblica-degli-eletti-e-dei.html<br />
<br />
Intanto Marco Scaloni aveva scoperto che a Senigallia esiste dal 1994 un regolamento del consiglio comunale mai applicato che in parte, ma solo in parte, è sovrapponibile alla proposta dei Radicali:<br />
http://scaloni.it/popinga/anagrafe-pubblica-degli-eletti-a-senigallia-ce-forse/ <br />
<br />
Alessandro Cicconi Massi ha avuto il merito di interessarsi da consigliere comunale della cosa scrivendo una lettera al presidente del consiglio comunale in cui sollecita il rispetto del regolamento in questione. A quello che mi risulta per ora è l\'unico consigliere comunale ad aver fatto un passo concreto per far applicare questo regolamento, quindi onore al merito:<br />
http://www.pdlsenigallia.it/?p=3166<br />
<br />
Ora, non capisco cosa intendi con \"solo Cicconi Massi del Pdl ha provveduto\", forse mi è sfuggito qualche passaggio. E\' evidente che finché il consiglio comunale non applica concretamente il regolamento istituendo la procedura e il luogo fisico e virtuale consultabile da tutti ove pubblicare i dati nessuno, anche volendolo, può provvedere.<br />
<br />
Infine, quello a cui si riferisce Mauri nel suo commento da te aspramente criticato è quella parte della proposta dell\'anagrafe pubblica degli eletti e nominati che non sarebbe comunque coperta dall\'applicazione del regolamento suddetto, vale a dire quello che concerne l\'attività e la storia prettamente politica: modo in cui si è votato, presentazione di mozioni, interventi, assenze, presenze ecc. ecc.<br />
Ciao




logoEV