Pd: Marcellini non si è mai interessato alle attività del circolo

massimo marcellini 2' di lettura 20/11/2009 - In quanto coordinatrice del 2° Circolo del Partito Democratico dove il dott. Marcellini è iscritto, apprendo dai giornali locali la notizia che il dottore è uscito dal partito per “divergenze con colleghi di partito e soprattutto per l’arroganza dimostrata da parte di diversi personaggi del pd senigalliese”.

Come coordinatrice del circolo di appartenenza del dottore mi preme ribadire che lo stesso ha ritenuto opportuno iscriversi alla vigilia del 21 luglio 2009, data indicata come termine ultimo per partecipare ai momenti congressuali, disinteressandosi comunque alla vita del circolo e ai momenti di confronto ed organizzativi del partito stesso.


Ritengo doveroso precisare che il Partito Democratico è una realtà nella quale sono presenti persone non certo arroganti come sostiene il dottore ma persone che mettono a disposizione del partito stesso il proprio tempo, la propria esperienza e le proprie capacità. Capacità ed esperienze utili e necessari nella costruzione del dibattito non solo interno e non solo nei momenti congressuali, con iniziative politiche ed incontri (dove per altro il dottore non si è mai presentato).


Amici e compagni che umilmente lavorano senza nulla chiedere in cambio se non per l’ideale che ci accomuna e che ci differenzia dalla destra e dal populismo che incombe. Lavori “umili”, ma fondamentali per l’esistenza stessa del Partito: manifesti da appendere, lettere da spedire, volantinaggi nelle piazze; lavori che i nostri amministratori locali e a vari livelli non hanno certo mancato di fare e sostenere perché fondamentale sono i contatti e la vicinanza con la gente nelle piazze e nei luoghi di lavoro soprattutto per un partito come il nostro. Il Partito Democratico è, come più volte sostenuto, “una partito plurale e aperto alle molte sensibilità”. A conclusione, quindi caro ex iscritto le comunico che come coordinatrice e come iscritta sono ben orgogliosa di appartenere ad un partito come il Partito Democratico.


da Tiziana Pellegrini
coordinatrice 2° Circolo PD




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-11-2009 alle 19:43 sul giornale del 21 novembre 2009 - 4745 letture

In questo articolo si parla di massimo marcellini, politica, pd, Tiziana Pellegrini


Accidenti... non ho tenuto gli ordini del giorno delle convocazione delle riunioni: meglio il divano e il \"Grande Fratello\"! <br />
<br />
Tiziana, questo comunicato te lo potevi risparmiare. <i>\"Un partito plurale e aperto alle molte sensibilità\"</i>?: ma per favore! \"Questo\" PD è ben altro e lo sai bene. Certo, si può discutere, volendo e non avendo di meglio da fare dopo cena. Del più e del meno, dei massimi sistemi, del sesso degli angeli. Ma poi, quando la Amati chiama, fine della ricreazione... Gambe in spalla e pedalare! E controllo ferreo di chi vota per chi. (si può fare... si può fare...).

Off-topic

Come al solito.....commenti escrementosi senza entrare nel merito! Complimenti!

Questo comunicato è semplicemente allucinante.<br />
<br />
Proprio perchè il PD è nato, nelle intenzioni e non nei fatti, putroppo, come partito plurale, bisogna rispettare la scelta di Massimo Marcellini che nel PD non si è trovato bene. I motivi di tutto ciò possono essere diversi: certo, il fatto di non essersi sentito adeguatamente valorizzato ha pesato e non poco. Credo però che ci fossero anche questioni di carattere \"ideale\"; Massimo non è una persona di centrosinistra e deve ancora superare le contrapposizioni ideologiche dalle cui ceneri il PD dice di essere nato. E\' indubbio però che Massimo è stato coerente; posso testimonare di esponenti di spicco del PD locale, che aspirano oggi ad altri e ben più importanti incarichi, che nel 2002 avevano spergiurato che non avrebbero mai fatto un partito con i comunisti. <br />
Per questi motivi ritengo che la coordinatrice del 2° circolo del PD abbia perso un tempo ...

Dopo il comunicato del \"caporale\" Tiziana bisogna aspettarsi quello del \"caporaletto\" Bartozzi?. Il mio augurio e che nel PD si inizi a ragionare con la propria testa e non per correnti, altrimenti che nuova classe dirigente avremo? Quella dei \"vecchi\" ci ha portato a distruggere due partiti che hanno costruito la costituzione italiana e dale il paese in mano ad un pazzo che la vuole cambiare.

tarcisio torregiani


<br />
Gentile Sig.ra Tiziana,<br />
<br />
poche cose, anche se fondamentali, mi accomunano al Dott. Marcellini e prendo atto della sua dissociazione dal P.D.; cosa che io ho fatto all\'indomani dell\'ennesimo \"spettacolo democratico\" delle liste bloccate di cui Lei è il frutto. Bella democrazia! non le pare?

Ora è tutto + chiaro, questo commento è davvero degno del grande fratello!<br />
C\'è chi fa politica con \"manifesti da appendere, lettere da spedire, volantinaggi nelle piazze\" e chi dal divano con pc sulle ginocchia...<br />
<br />
Comunque questa Pellegrini mi sembra proprio una tosta! Dice pane al pane. Brava!!<br />

Professoressa lei questo partito non lo conosce, come può criticarlo? Se lei fosse una persona almeno intellettualmente onesta si sarebbe dimessa dall\'assemblea nazionale del PD prima di partecipare alle liste civiche.<br />
<br />
Brava Tiziana, il partito si regge su persone come te che dopo una giornata di lavoro passano in sede ad imbustare le lettere invece che tornare a casa, non si regge sulle critiche. Proprio a proposito di lettere da imbustare: io la Sen. Amati che imbustava lettere l\'ho vista, il Dott. Marcellini no.<br />
<br />
Alberto Bartozzi

Non conosco il Dr. Marcellini, nè come politico nè, per fortua, come medico. Leggo quello che scrive e penso che da quanto scrive sembrerebbe che non abbia trovato, nel PD, quella casa politica che si sarebbe aspettato. Mi dispiace per lui. Però vede Tiziana, dal tono della Sua risposta intuisco che qualcosa, tra quanto detto da Marcellini, vi ha toccato nel vivo, ma sa qual\'è la cosa più sorprendente? ebbene dal mio punto di vista ciò che mi colpisce di più è il tono e gli argomenti usati contro Marcellini, adesso lo accusate di aver scelto strumentalmente l\'iscrizione all\'ultimo minuto, quasi per cercarsi dei vantaggi. Se interpreto bene evidentemente pur di avere nomi importanti accettate anche chi, come sostenete di Marcellini, agisce solo per puro interesse. Chissà allora quanti altri ve ne saranno, tra quelli che hanno dichiarato \"Sto con Mangialardi\" ma che aspettano solo il dopo, con la speranza di un utile personale.<br />
Infine un cenno a quelli che imbustano e spediscono lettere, guardi che tanti anni fa, lei non era nata, c\'erano quelli che alla domenica mattina portavano L\'Unità nelle case, o quelli che arrotolavano i bigliettini della lotteria, ma purtroppo, con il tempo quella gente l\'avete scacciata. Adesso è molto più probabile incontrare qualche palazzinaro ma, si sa, pecunea non olet, il sudore si.

Off-topic

...più nel merito di così! Cosa vuoi, che ti faccia un disegnino?

Alberto mi sa che tu del Pd e della politica non hai caito granchè; o sei ingenuo oppure sei intellettualmente disonesto e accetti quello schifo che ci propina il tuo partito in questa povera città.<br />
Detto questo, vedo che oggi questo partito si chiama Pd ma usa logiche da vecchi PCI: il dissenso non è tollerato; chi va contro il partito diventa un nemico (dovrebbe saperne qualcosa anche l\'Angeloni per accadimenti del suo passato).<br />
E allora tutti zitti a testa bassa; poi criticate il PDL perchè ha un padrone: il PD è un partito fine a se stesso, padrone dei suoi iscritti.

Commento modificato il 21 novembre 2009

Il partito lo conosco anche troppo, albertino: ancora mi devo riprendere dallo shock! Sulla mia onestà intelletuale, poi, puoi anche soprassedere. Non sei certo tu a potermi fare la morale. Lista civica ovvero, lista che si rifà al civismo, ovvero: \"<i>una visione della vita politica alternativa al sistema dei partiti che si propone di unire gli abitanti di una collettività intorno ai valori positivi della vita associata, aggregando individui che, provenienti da diversi ambiti sociali, collaborano per raggiungere un obiettivo comune legato alla tutela ed alla gestione dei beni appartenenti alla stessa comunità\"</i>. Dunque, perché avrei dovuto dimettermi da una Assemblea, che peraltro non si sarebbe più riunita perché sostituita dal congresso, che avrebbe dovuto ispirarsi proprio a questo principio che è stato invece prontamente rinnegato dalle vecchie glorie imbolsite da troppi privilegi e immeritato potere, che tu proteggi e idolatri, vecchie glorie che in vita loro hanno lavorato sì e no per una settimana, pretendendo però di dire alla gente come deve vivere? Come ti viene in mente? <br />
<br />
Albertino, <b>il PD - quello vero - sono io e tutti quelli che hanno mandato a quel paese (e sono sempre più numerosi) chi ne ha fatto un club di interessi da tutelare e proteggere. Perché \"questo\" PD è un partito che più \"di destra\" non si può, se guardiamo alle vecchie categorie che definivano le ideologie di una volta: i conflitti di interessi, la protezione di interessi privati e degli speculatori edilizi, la cementificazione selvaggia e l\'uso privato dell\'ambiente, per esempio, che c\'azzeccano con la tutela della \"classe operaia\" del PCI o con la difesa dell\'\"equità sociale\" della Chiesa?</b>. Ma tu che ne sai, di queste cose. Sei giovane, e ti senti più rassicurato dal branco e dalle etichette e forse anche dalla \"carica\" che ti hanno dato per farti assaporare fin da piccolo il gusto del potere per il potere. Ti senti più rassicurato dal Big Mac, insomma. O dal James Dean de noantri...<br />
<br />
P.S. Non farti impressionare e non prostrarti, albertino: la Amati sa fare ben altro che imbustare lettere, credimi. Quello è solo un passatempo retorico e, tra l\'altro, se si limitasse imbustare lettere la politica di centrosinistra e la nostra stessa vita se ne gioverebbero non poco! Però lei ritiene che l\'imbustare lettere, come portare la borsa e tacere, per i suoi sgaloppini sia la condizione non solo necessaria ma anche sufficiente per scalare le vette dei privilegi. Dunque, datti da fare, albertino. E speriamo che Silvana almeno ti metta a disposizione una spugnetta bagnata...<br />

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Commento modificato il 21 novembre 2009

<i>\"Infine un cenno a quelli che imbustano e spediscono lettere, guardi che tanti anni fa, lei non era nata, c\'erano quelli che alla domenica mattina portavano L\'Unità nelle case, o quelli che arrotolavano i bigliettini della lotteria, ma purtroppo, con il tempo quella gente l\'avete scacciata. Adesso è molto più probabile incontrare qualche palazzinaro ma, si sa, pecunea non olet, il sudore sì\"</i>. Eccezionale, ulisse!

Caro Alberto Bartozzi, come ti permetti di criticare il dott. Marcellini..........leccare le buste..........ma dove vivi ,mi sembra di sentire gli operai della Sacelit che frequentavano la Cellula,posto in cui tu non sei mai entrato perchè non eri ancora nato.Solo per la mansine che svolge per intere giornate a curare gente con TUMORI, non dovresti avere la presunzione neanche di nominarlo e chiedegli scusa per la fesseria che gli hai rivolto.Cresci e poi maturando capirai tante cose più serie ed argomenti di cui argomentare.Vivi ancora con i paraocchi dei cavalli ,mi sembra di sentire le parole dei vecchi COMUNISTI di Senigallia al porto o in fabbrica...........poveri noi ,se questo è il pensiero dei giovani siamo proprio rovinati.............con tutto rispetto per la tua buona volontà naturalmente. Ciao e buon avvenire ...........da un paziente del Dott. Marcellini.!!!!!!!!!!!!!!!!!che non fà politica.

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

PS. A quanto ne so, gentile sig.ra Pellegrini, ci sono tante ma tante tessere PD prese nell\'ultima settimana prima della scadenza del tesseramento ! <br />
Per Alberto Bartozzi: Alberto, non ti stai facendo del bene, nè dimostri di volertene, credimi. Molte delle persone che fanno politica, la stragrande, sa come si attacca un manifesto e come si fa la relativa colla (che è una colla speciale perchè altrimenti il manifesto viene giù ), ha passato nottate ad imbustare, conosce la normativa sull\'occupazione degli spazi e sulla pubblicità in periodo elettorale ... tra un senatore e un semplice iscritto non c\'è differenza nè ha senso sottolinearlo ! La politica non è esercizio di un privilegio ma è servizio. La sen. Amati, ricordata per il capello impeccabile e per le sue battaglie a favore dei cani e gatti randagi (assolutamente meritevoli, io ne ho avuto sin da piccolo la casa allegramente piena) non è diversa dagli altri e fa solo il suo dovere. Anzi, tenuto conto che è passata per il consiglio comunale, per quello regionale con tanto di Presidenza del Consiglio e ora per il Senato della Repubblica è forse ora che ... come dire ... forse è anche da troppo tempo che lo fa. Ti prego, per te stesso, cresci e sii autonomo ! Il PD continuerà a perdere perchè è privo di menti pensanti giovani. Esci dal coro una buona volta. Oppure pensa tre ore prima di postare commenti che non ti fanno onore. Hai solo 18 anni ! <br />
<br />
Altrimenti non riusciremo mai ad arginare il pensiero di Silvio ...

Avete modi di fare che, dall\'esterno, appaiono un pochino dispotici.




logoEV