Laura Lavatori: \'Mai esautorata da coordinatrice dell\'IdV\'

Laura Lavatori 2' di lettura 26/11/2009 - Non sono mai stata esautorata dal mio ruolo, fino a mercoledì,  il mio ormai ex coordinatore regionale Gianfranco Borghesi mi ha più e più volte chiesto di rimanere.

Lo stesso Favia mi ha chiesto sempre ieri, una volta appresa la mia decisione, di mandarne a lui comunicazione in risposta alla quale è stato auspicato via email e quindi in forma scritta che rimanessi nel partito. Ribadisco che quanto dichiarato da me ieri corrisponde a verità e mi auguro che altri che come me sanno come funziona la vita politica cittadina, provinciale e regionale mi aiutino in questa battaglia il cui unico scopo è quella di informare i cittadini. Ritengo di aver fatto non solo come segretaria, ma anche prima come semplice iscritta, molto per questo partito in cui ho voluto credere fino alla fine. Non entro nel merito della pochezza delle accuse rivoltemi da Cesanelli perché sono talmente banali che a mio avviso evidenziano la pochezza delle accuse a me imputabili. Corrisponde invece a verità che non rispecchio la linea del partito, cosa di cui me ne faccio un vanto.


La politica non si fa solo per trovare il posticino, ci credo ancora e sempre mi impegnerò per questo. Credo inoltre sia importante sottolineare che il tentativo di far sembrare che abbia fatto accordi per Marcellini siano facilmente smentibili, se avessi voluto qualcosa lo avrei chiesto per me, non certo per una persona che, per quanto oggi sia dal mio punto di vista estremamente stimabile, all’epoca di fatto conoscevo appena. Ero segretaria di un partito considerato forte, in cui ho creduto e che ho fatto crescere dall’inizio, da quando non eravamo nemmeno all’1%, non me sarei mai andata senza motivazioni forti. Sarà pure vero che uscite delle persone altre ne arriveranno, ma di certo il fatto che siamo già 2 i segretari uscenti non è certo di buon auspicio. E’ evidente che qualcosa che non va ci sia, poi starà ai cittadini decidere quali delle motivazioni sembrano più forti.


Quando infine mi si dice che non ho lavorato per il partito sottolineo che ho avuto parte molto attiva nella creazione delle linee programmatiche, che nessuno dell’IdV a parte me, Chitti e Bugari ha partecipato e che quanto apparso sui comunicati come programma di coalizione in merito alla trasparenza, alla partecipazione, al limite di 2 mandati per i consiglieri è farina del mio sacco e mi sono battuta fino all\'ultimo minuto per farlo passare in maggioranza. Non ho visionato gli ultimi comunicati apparsi solo perché non ne sono stata informata e non ne sono stata informata perché erano estremamente imbarazzanti e mai li avrei fatti passare.






Questo è un articolo pubblicato il 26-11-2009 alle 20:05 sul giornale del 27 novembre 2009 - 5463 letture

In questo articolo si parla di politica, senigallia, idv, laura lavatori


Laura, io credo che tu abbia la credibilità, serietà, preparazione necessarie perché il tuo messaggio arrivi forte e chiaro. Del resto, come ho già detto, l\'inquinamento dell\'IDV, non solo nelle Marche, è stato ampiamente illustrato in un\'allarmata inchiesta sull\'ultimo MicroMega, una rivista che ha sempre appoggiato il partito.<br />
<br />
Io non mi stupisco per quanto hai vissuto: la mia esperienza è stata identica. Però, mi indigno, come sempre. Certo, la nomenklatura, i venduti, gli arroganti che già si sentono Reagan per essere scritti all\'IDV di Senigallia ed essere rimasti a tener calda la sedia per un Monachesi incravattato e strizzato in una giacca che vuol fare il vicesindaco (ma vi rendete conto...?) non te la faranno passare liscia. Ma i cittadini non sono stupidi: sapranno giudicare (e votare). <br />
<br />
Tieni duro.

Commento modificato il 26 novembre 2009

Nell\'IdV ho la fortuna di conoscere Laura Lavatori, Enzo Monachesi ed Andrea Cesanelli.<br />
Pure non ho nessuna conoscenza diretta di Fabrizio Chitti ne di Marcellini.<br />
Ammetto di conoscere più Laura e Andrea di Enzo, per cui sapendo quale persona sia Laura, il fatto che lei abbia deciso un passo così forte mi da molto da pensare sulle sue motivazioni.<br />
<br />
Anche ammettendo altri fini (già, ma qualcuno mi deve elencare dei secondi fini seri, e non ne ho letto nessuno), resta il fatto che Laura si è fatta da parte decidendo di seguire una strada che passa al di fuori del suo partito, una strada che passa attraverso un candidato che allo stato attuale, e in attesa di ufficializzazione di Luzi, non sembra avere molte chance.<br />
Non conosco gente che vede un vantaggio ed un tornaconto personale a metterersi con un \"cavallo perdente\": ecco perchè cerco chiarimenti ufficiali da Andrea e Enzo.<br />
Ma è anche un obbligo forte per Marcellini che, con Laura a fianco, perderebbe completamente la faccia se si apparentasse in sede di ballottaggi con alcuno dei candidati principali, se non forse Mancini o Gazzetti: che però non sono al momento dati per vincenti.<br />
Sempre che Mangialardi non passi subito al primo turno, com\'è successo con Luana Angeloni alle ultime elezioni che pure non la davano subito favorita...e invece...<br />

perchè non v\'incontrate? la prima delusione ahimè è come il primo amore, nonsi scorda +, ed un\'amica più grande che ne ha vissute tante di simili potrebbe far piacere

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Commento modificato il 27 novembre 2009

La mia scelta di restare nel partito e prendermi la difficile responsabilità di coordinarlo (specie per chi ha un carrattere schivo come il mio) è stata meditata.<br />
Del resto è una scelta simile a quella che si prese Laura 6 mesi fa nell\'atto di rilevare la segreteria da Chitti.<br />
Chi mi conosce sa (anche per la mia storia dal meetup) che se mi prendo un impegno, anche se mi costa, lo porto a termine (quando mi iscrissi all\'IdV prima lasciai la direzione del meetup di cui ero organizer per una questione di correttezza).<br />
<br />
Per lo stesso motivo resto nell\'IdV perché accetto la linea nazionale e locale di appoggiare in modo critico ma convinto il PD. <br />
Fin qui non ho ravvisato scorrettezze nel mio gruppo di lavoro locale.<br />
<br />
Se un domani dovessi avere sentore in prima persona di scorrettezze o io non fossi in grado di riscuotere la necessaria fiducia dei miei collaboratori o di chi ci sostiene, le mie dimissioni sono già pronte e qualcuno più bravo di me coordinerà il partito.<br />
<br />
Auguro buona fortuna a chi se ne va e gli tendo la mano senza rancori: rispetto le scelte altrui, ne chiedo per le mie e del gruppo che è rimasto a lavorare in IdV.<br />

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Commento modificato il 27 novembre 2009

Qui si rischia una ambiguità di fondo, Daniele. Un errore che spesso si fa: si confonde la causa con l\'effetto. L\'agire di Laura, io credo (per quanto la conosco come persona irreprensibile e corretta), non è stato <i>determinato</i> dall\'obiettivo, frustrato dal partito, di appoggiare Marcellini candidato sindaco (se l\'IDV avesse voluto esprimere un sindaco, perché non presentarsi direttamente lei? Grinta e capacità non le mancano di certo!) ma dall\'aver toccato con mano la chiusura della coalizione, che si dice di centrosinistra, e dell\'IDV a qualsiasi altra candidatura che non fosse quella di Mangialardi. I giochi si fanno a livello regionale e a quel livello Favia ha già venduto da un bel po\', per sua convenienza, la pelle dell\'asino a Spacca, e non permette certo che nei comuni si scelga altrimenti. Accordi fatti; assessorati distribuiti; se gli assessorati non bastano, incarichi nelle partecipate. La fuoriuscita di Marcellini dal PD e di Laura e altri dall\'IDV è dunque <i>l\'effetto</i> dell\'agire politico altrui (causa), quello stesso agire che guarda solo agli interessi di chi partecipa alle danze e non dei cittadini. Perché si fa un ben dire che: \"Bastavano 200 firme e tutti potevano partecipare\". Ma se il tuo partito ti dice in faccia e dichiara pubblicamente che non c\'è trippa per gatti, perché mai una persona ragionevole e non velleitaria dovrebbe insistere? Se alla bocciofila di via giardino si nominasse il presidente, tu dicessi di volerti candidare e il \"capoccia\" ti rispondesse: \"Lascia gi\', Daniele, noi appoggiamo Guidarelli perché è dei nostri e lo possiamo manovrare?\", tu, persona ragionevole, che faresti?

La cosa che davvero mi ha più rammaricato, sei tu caro Andrea. ti ho sempre difeso da chi mi metteva in guardia su di te e mai mi sarei aspettata tutto questo. ora capisco le riunioni da Mangialardi in cui \"casualmente\" ti sei sempre dimenticato di invitare me, Fabrizio e Claudio e le riunioni che ultimamente facevi in Ancona. Vabbè ognuno fa le sue scelte e ne paga le conseguenze, ma almeno evita di accusarmi ingiustamente. Hai sempre saputo dove trovarmi, leggo pure che non ti ho fatto prendere la sede, che me ne sono andata perchè stavo per essere espulsa ecc, ma dai...concediti dei limiti. IO ho preso il posto di fabrizio, ma non l\'ho infangato, anzi sono rimasta solo perchè lui era disposto a rimanere.<br />
Purtroppo non ho nessuna registrazione quindi sta agli altri valutare, ma tu sai perchè ho fatto questa scelta, tu sai da chi non accettavo di essere rappresentata in giunta. non faccio nomi solo perchè vorrei evitare di dover pagare pure in termini economici, ma tu sai e per questo oltre a mandarti a quel paese quando scrivi che mi tendi la mano, essere patetico che non sei altro, ti prego di avere il coraggio di venire a prendere quei 4 tesseramenti che ho(perchè altrimenti il tuo direttivo è un po\' campato in aria), ma poi di starmi il più lontano possibile. detto questo gradirei che non ti azzardassi mai più a mettermi in mezzo nei tuoi giochetti. grazie<br />

Commento modificato il 27 novembre 2009

Cara Laura, la caratteristica dei valletti presuntuosi e insoddisfatti è di pensare di poter fare i conduttori meglio di quelli cui portano la busta nei giochi a quiz. Andrea ha la stoffa del valletto, così come Monachesi ha la stoffa (e la stazza) del bagnino. Però, hanno la presunzione di pensare di essere adatti a fare i senatori, se solo qualcuno si accorgesse di loro... Purtroppo, il rischio che i cittadini corrono è che questi personaggi neppure si accorgano di essere strumentalizzati (quando non derisi). A loro basta \"essere convocati\" dai \"potenti\" per aver gratificato il loro strabordante Superio e sentirsi già Governatori. Io confido nell\'intelligenza degli elettori, che non sono stupidi come ai politicanti fa piacere pensare.<br />
<br />
Ti ripeto, tieni duro. Quando da bambina (e già, sono recidiva) denunciavo qualche scorrettezza nei comportamenti altrui che mi aveva ferito, mio padre mi ripeteva sempre, citando Dante: \"Non ti curar di lor, ma guarda e passa\". E io lo dico a te con affetto e stima. Del resto, potrei essere tua madre. Ciao.

va bè, poleno fa sempre due circoli, senigallia 1 e 2, dati i buoni rapporti che leggo hanno con il coord. reg.le, ed è lui mi pare che può a norma di statuto autorizzare i circoli e farli inserire nel reg. nazionale dei circoli; di circoli ce ne possono star quanti se ne vogliano in una città, anche tematici, e data la situazione potrebbero farne virtù<br />
<br />
certo alle elezioni com.li il simbolo se lo prende uno solo, ma quel feticismo sui simboli oramai ce l\'hanno solo i vecchi DC fissati con lo scudo crociato, anzi craccato.. ahahah!

Fabrizio Chitti

Non è proprio così.<br />
Quando, dopo la mia epurazione abbiamo richiesto di fondare un circolo, da Roma si sono subito \"agitati\" e non ce lo hanno fatto aprire. Adesso sarebbe sicuramente peggio di allora.<br />
Nella conferenza stampa, cosa che non ha riportato nessun giornale, ho detto che noi non stiamo più in questa Italia dei Valori che non rappresenta affatto quanto invece va predicando, ma anche se se finalmente ritornasse ad essere un partito veramente democratico e non in mano a pochi personaggi che la gestiscono con metodi e fini che nulla hanno a che fare con la politica dell\'IdV (e questo vale per tutta l\'Italia), noi saremmo subito pronti a rientrare, e non solo noi ma tutti i fuoriusciti dall\'IdV in tutte le regioni (che ormai si contamo a migliaia)<br />
<br />
Fabrizio Chitti<br />

Alle facce da culo non c\'è mai limite....

Chi sarebbe la faccia da culo Quilly? Mi hai incuriosito...

quando un\'unione finisce si da sempre la colpa all\'altro.<br />
Forse sarebbe più serio affermare che sono venute meno le condizioni per cui stare insieme, cioè quando si evidenziano differenze di vedute e di opinione ci si lascia.<br />
Ma questo puertroppo non accade mai e così anche questa volta stiamo assistendo allo spargimento di veleni che sicuramente non danno un quadro molto edificante della situazione.<br />
Ricordatevi \"le colpe non stanno mai da una parte sola, così come i meriti\".

mauri, ancora con le tue perle di luoghi comuni? Ma una idea tua e una presa di posizione netta, no, eh? Troppo rischioso. Ah.. quanti danni può fare la frequentazione in età giovanile della politica...

Commento modificato il 27 novembre 2009

Gabriel, dopo aver guardato la foto a corredo del triste comunicato di Cesanelli, io non ho dubbi. Dagli un\'occhiata anche tu e fammi sapere... :-)

fabio bucci

Off-topic

Occhio che la prof, ti dà una nota! Domani vieni accompagnato da genitori!!