Laura Lavatori: \'Mai esautorata da coordinatrice dell\'IdV\'

Laura Lavatori 2' di lettura 26/11/2009 - Non sono mai stata esautorata dal mio ruolo, fino a mercoledì,  il mio ormai ex coordinatore regionale Gianfranco Borghesi mi ha più e più volte chiesto di rimanere.

Lo stesso Favia mi ha chiesto sempre ieri, una volta appresa la mia decisione, di mandarne a lui comunicazione in risposta alla quale è stato auspicato via email e quindi in forma scritta che rimanessi nel partito. Ribadisco che quanto dichiarato da me ieri corrisponde a verità e mi auguro che altri che come me sanno come funziona la vita politica cittadina, provinciale e regionale mi aiutino in questa battaglia il cui unico scopo è quella di informare i cittadini. Ritengo di aver fatto non solo come segretaria, ma anche prima come semplice iscritta, molto per questo partito in cui ho voluto credere fino alla fine. Non entro nel merito della pochezza delle accuse rivoltemi da Cesanelli perché sono talmente banali che a mio avviso evidenziano la pochezza delle accuse a me imputabili. Corrisponde invece a verità che non rispecchio la linea del partito, cosa di cui me ne faccio un vanto.


La politica non si fa solo per trovare il posticino, ci credo ancora e sempre mi impegnerò per questo. Credo inoltre sia importante sottolineare che il tentativo di far sembrare che abbia fatto accordi per Marcellini siano facilmente smentibili, se avessi voluto qualcosa lo avrei chiesto per me, non certo per una persona che, per quanto oggi sia dal mio punto di vista estremamente stimabile, all’epoca di fatto conoscevo appena. Ero segretaria di un partito considerato forte, in cui ho creduto e che ho fatto crescere dall’inizio, da quando non eravamo nemmeno all’1%, non me sarei mai andata senza motivazioni forti. Sarà pure vero che uscite delle persone altre ne arriveranno, ma di certo il fatto che siamo già 2 i segretari uscenti non è certo di buon auspicio. E’ evidente che qualcosa che non va ci sia, poi starà ai cittadini decidere quali delle motivazioni sembrano più forti.


Quando infine mi si dice che non ho lavorato per il partito sottolineo che ho avuto parte molto attiva nella creazione delle linee programmatiche, che nessuno dell’IdV a parte me, Chitti e Bugari ha partecipato e che quanto apparso sui comunicati come programma di coalizione in merito alla trasparenza, alla partecipazione, al limite di 2 mandati per i consiglieri è farina del mio sacco e mi sono battuta fino all\'ultimo minuto per farlo passare in maggioranza. Non ho visionato gli ultimi comunicati apparsi solo perché non ne sono stata informata e non ne sono stata informata perché erano estremamente imbarazzanti e mai li avrei fatti passare.






Questo è un articolo pubblicato il 26-11-2009 alle 20:05 sul giornale del 27 novembre 2009 - 5463 letture

In questo articolo si parla di politica, senigallia, idv, laura lavatori





logoEV