Ciccioli: formare una grande coalizione

carlo ciccioli 1' di lettura 28/11/2009 - \"Le numerose proposte alternative al candidato ufficiale del Pd Maurizio Mangialardi mostrano che il sistema politico-affaristico della vecchia sinistra a Senigallia è entrato in crisi ed è ormai una minoranza\".

L’asse Angeloni-Mangialardi & C. è elettoralmente perdente, ma se tutti coloro che si candidano a sindaco, ciascuno con le sue liste civiche, e mi riferisco a Fabrizio Marcantoni, Massimo Marcellini, Paolo Luzi Crivellini, Luca Paolini e Primo Garzetti, non capiranno che devono formare una grande coalizione alternativa al Pd fin dal primo turno, saranno tutti sconfitti. Ciascuno di loro deve pensarsi come assessore di una coalizione vincente piuttosto che come consigliere di minoranza eletto con una lista perdente.



Ovviamente bisognerà che tutti si siedano intorno ad un tavolo per capire chi, dei candidati alternativi a Mangialardi, ha maggiori possibilità di vincere fin dal primo turno. E’ evidente che altrimenti, al secondo turno, vinceranno i soliti noti e tutto il loro sistema di potere, poiché ricomporre lo scenario dopo aver corso in contrapposizione per una intera campagna elettorale sarà praticamente impossibile.



Il PdL darà il suo appoggio disinteressato a colui che risulterà la sintesi di tutte le candidature. La pensa così tutta la base elettorale del centro-destra e su questo anche il coordinatore provinciale Daniele Silvetti e il suo vice Giacomo Bugaro sono d’accordo. Quindi siamo in tempo per dare un progetto vincente ed uomini alternativi al governo di Senigallia. Ognuno ci metta passione, idee, persone, umiltà e buonsenso.


da Carlo Ciccioli
vice coordinatore regionale PdL




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-11-2009 alle 17:31 sul giornale del 30 novembre 2009 - 5652 letture

In questo articolo si parla di carlo ciccioli, politica