San Paolo di Jesi: rogo doloso alla ditta Termoforgia spa

fabbrica Termoforgia di San Paolo incendiata 1' di lettura 06/12/2009 - Un incendio è stato appiccato nella notte tra sabato e domenica ai danni della ditta Termoforgia spa di San Paolo di Jesi. Ignoti sono penetrati all’interno dello stabilimento forzando il cancello e una finestra. Distrutti gli uffici e l\'area amministrativa.

Forse un atto intimidatorio, forse una ritorsione. Nessuna pista viene esclusa al momento per chiarire i contorni inquietanti del rogo che nella notte tra sabato e domenica ha distrutto gli uffici (300 metri quadrati) al primo piano dello stabilimento della Termoforgia, in contrada Scappia, nella zona artigianale di San Paolo. Ignoti sono penetrati smontando una parte della recinzione metallica che delimita il perimetro della fabbrica, poi hanno forzato una finestra al pianoterra con un arnese in ferro, che per ora non è stato rinvenuto dagli inquirenti.


Una volta penetrati all’interno dello stabilimento, si sono introdotti nell’area adibita a spogliatoio degli operai e sono saliti al primo piano. Qui hanno appiccato le fiamme, che hanno interamente distrutto computer, componenti elettroniche, documentazione contabile e amministrativa. Un danno ingentissimo. Sono stati i carabinieri di Staffolo, in servizio di pattugliamento notturno, ad accorgersi dell’incendio e dare l’allarme ai vigili del fuoco di Jesi.


I pompieri hanno lavorato fino alle 3,30 di domenica per spegnere il rogo e mettere la struttura in sicurezza. Non sono stati rivenuti - poiché probabilmente distrutti dalle fiamme - contenitori di liquido infiammabile. Ma sull’origine dolosa, gli inquirenti sono sicuri. La parte produttiva non è stata intaccata, quindi lunedì la lavorazione delle componenti metalliche potrebbe riprendere. Indagano i carabinieri della Compagnia di Jesi.








Questo è un articolo pubblicato il 06-12-2009 alle 16:59 sul giornale del 07 dicembre 2009 - 3725 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vigili del fuoco, jesi, Talita Frezzi, incendio doloso





logoEV