“Malati di Niente09”, contro la discriminazione nel nome di Alda Merini

conferenza stampa \"Malati di niente09\" 3' di lettura 14/12/2009 - Nasce nel nome di Alda Merini e di Paolo, uno dei ragazzi della Comunità Soteria, la nona rassegna “Malati di Niente”, quest’anno più sobria ma ugualmente incisiva: tre appuntamenti che vedranno come ospiti d’eccezione i fondatori di Radio La Colifata, emittente radiofonica nata nel 1991 all’ospedale neuropsichiatrico di Buenos Aires. Si comincia giovedì nella sala consiliare del Comune.

Sarà proprio la comunicazione radiofonica, come mezzo privilegiato di mediazione, al centro degli incontri in programma giovedì alle 10 nella sala consiliare del Comune e venerdì alle 16 nell’aula magna della Fondazione Colocci. Ai due appuntamenti prenderanno parte Alfredo Olivera e Ugo Lopez, fondatori di Radio La Colifata, un’emittente nata nel 1991 dai giardini dell’ospedale psichiatrico “J.Borda” di Buenos Aires e che ha proseguito il suo percorso in totale autogestione con i degenti e i pazienti ex ricoverati. Sintonizziamoci dunque su Radio La Colifata per ascoltare la voce dei “Malati di Niente”. Parte così la nona edizione della rassegna promossa da Regione, Provincia e Comune, da Comunità Alloggio Soteria, Dipartimento di Salute Mentale della Asur5 di Jesi, Rete Sollievo e Ya Basta! in collaborazione con centro sociale Tnt, Cooss Marche e Asiamente col sostegno del Centro servizi per il volontariato.

Questa edizione un po’ ridimensionata - spiega l’assessore all’ambiente Gilberto Maiolatesi - vuol portare avanti un lavoro sottotraccia, con un intervento meno espositivo ma più radicato sul territorio. Tanti i soggetti che ci accompagnano da nove anni in questo progetto di valorizzazione della diversità e contro lo stigma che si crea attorno alla malattia mentale. Una nona edizione dedicata a due straordinari compagni di viaggio: Paolo, venuto a mancare il 17 luglio scorso e Alda Merini, che ci ha lasciati senza che riuscissimo a riportarla a Jesi. Nel corso dei due incontri in programma, gli ospiti de La Colifata (divenuta simbolo di creatività e comunicazione per pensare collettivamente su temi difficili come la politica, la vita, la salute e la follia) incontreranno anche le scuole per raccontare il progetto artistico-culturale condiviso con Manu Chao. Il cantante parigino nel 2009 ha lanciato concerti insieme ai Colifati e un cd “Viva la Colifata”. Inoltre, fino al 21 dicembre a Palazzo dei Convegni è allestita la mostra degli artisti dell’Atelier del Sollievo”.

Propositiva l’assessore ai servizi sociali Bruna Aguzzi, che guarda alla decima edizione del prossimo anno con progetti chiari e mirati nonché con un impegno politico in favore delle problematiche sulla salute mentale. “In questi nove anni abbiamo raggiunto obiettivi importanti - dice l’assessore Aguzzi - attorno alla questione della salute mentale l’amministrazione comunale ha strutturato tavoli di confronto permanenti e incontrato le famiglie dei malati in cura al Dipartimento di salute mentale, il coinvolgimento dei malati psichici e dei loro familiari negli inserimenti lavorativi e la pubblicizzazione della carta dei diritti del malato nelle strutture sanitarie. Al consiglio comunale di venerdì, andremo all’approvazione di un documento per la tutela della salute mentale e i diritti di cittadinanza. Per il prossimo gennaio puntiamo anche a spostare la sede del Sollievo da via Politi all’ex Appannaggio, nel cuore della città. Uno spostamento che ha anche un valore simbolico. E cercheremo di rafforzare il lavoro di rete sulle problematiche della salute mentale”.








Questo è un articolo pubblicato il 14-12-2009 alle 19:09 sul giornale del 15 dicembre 2009 - 1716 letture

In questo articolo si parla di cronaca





logoEV