Contratto non in regola, il Comune risarcisce un ex dipendente

alessandro cicconi massi 18/12/2009 - Il comune costretto a pagare un debito fuori bilancio di 30 mila euro per la causa persa contro un ex dipendente della farmacia Comunale.

Il comune infatti ha rinnovato ripetutamente il contratto a tempo determinato senza far osservare al dipendente il periodo di pausa lavorativa prevista tra un contratto e l\'altro pari a 10 o 20 giorni. Di qui il ricorso del lavoratore e la sentenza del Tribunale di pagare un risarcimento danni al lavoratore (che in quanto dipendente di un ente pubblico non può essere assunto senza concorso).


Il problema è politico -attacca Alessandro Cicconi Massi del Pdl- il comune ha commesso un errore grossolano e pur essendo nel torto ha scelto di non ricorrere alla conciliazione ma di andare in tribunale. La responsabilità è del direttore generale Rodolfo Ratiglia, responsabile del personale, che ha sbagliato nell\'applicazione del contratto. Si tratta dell\'ennesima dimostrazione di quanto diciamo da anni e cioè che la figura del direttore generale deve essere abolita. Non serviva neanche perchè le sue funzioni avrebbero potuto essere svolte dal segretario generale. Se vinceremo le elezioni con il nostro candidato Marcantoni aboliremo il direttore generale (cosa per altro già prevista dalla Finanziaria). Mi auguro solo che ora il comune abbia il buon senso di non ricorrere in appello”.






Questo è un articolo pubblicato il 18-12-2009 alle 22:49 sul giornale del 19 dicembre 2009 - 4494 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, bilancio, pdl


Il problema? Si chiama \"culpa in eligendo\".<br />
Mi chiedo come sia possibile che chi si occupa di gestione del personale, quindi anche di rinnovi contrattuali, non sappia che tra più contratti a tempo determinato deve intercorrere un numero di giorni, così come prevede la legge.<br />
E\' veramente un errore e una mancanza di conoscenza, in queste materie, non da poco.<br />
Questo è quello che succede quando le amministrazioni operano scelte politiche piuttosto che meritocratiche (come del resto prevede la legge).<br />
Insomma i classici \"imbucati\" creano danni 2 volte: la prima quando vengono scelti al posto di persone più preparate di loro, la seconda quando a causa delle loro scarse capacità, commettono errori come questo, che tocca a noi pagare.<br />
Ovviamente la colpa di tutto sta a monte, cioè in chi sceglie questi soggetti (culpa in eligendo, appunto): le logiche di partito devono finire, è inutile che questo PD si riempa la bocca con parole come meritocrazia se poi il PD vero, quello che amministra, fa tutto il contrario.<br />
Altro bel regalo che ci lascia la giunta Angeloni e il fido Mangialardi insomma.<br />
Non conosco il numero esatto, una volta mi era stato detto, ma sarebbe interessante sapere quante sono le cause civili ed amministrative che il comune ha in piedi: ogni causa costa ai cittadini molti soldi, come in questo caso; se ci fossero amministratori e dirigenti maggiormente capaci avremmo anche meno cause quindi meno sperpero di denaro pubblico.<br />

Sono d\'accordissimo sulle considerazioni di Gabriel contro i \"classici imbucati\", che purtroppo però appartengono alle amministrazioni di tutti i colori.<br />
Nel caso specifico occorrerebbe in più conoscere come è avvenuta la scelta iniziale.<br />
Non ritengo opportuno invece il richiamo di Cicconi Massi ad un programma (Se vinceremo le elezioni aboliremo il direttore generale...) che contiene norme di legge.<br />
La Finanziaria approvata alla Camera prevede infatti la conferma dell\'abolizione delle Circoscrizioni, la riduzione dei Consiglieri a 24 e degli Assessori a 6, l\'abolizione del Difensore Civico e del Direttore Generale.<br />
E cioè dovrà essere applicata da chiunque vinca.

Considerando che il direttore generale prende fior di quattrini ed alla fine dell\'anno prende pure gli incentivi ed i premi, non sarebbe il caso di farli pagare a lui questi soldini ?<br />
Considerando che non è neanche la prima cappella che combina.<br />

Mi era sfuggito che fosse stato abolito pure il Difensore Civico: spero non serva, ma adesso ancora eccome se serve...

Serve se, anche in quel caso, viene scelta una persona super partes e non una persona che non disturba, magari amica del sindaco...