La giunta provinciale approva un ordine del giorno sui fatti di Rosarno

sagramola 1' di lettura 14/01/2010 - La giunta provinciale di Ancona, con un ordine del giorno approvato all\'unanimità, esprime forte preoccupazione per i gravi fatti verificatisi nei giorni scorsi a Rosarno che hanno visto l\'esplodere di incidenti tra la popolazione locale e centinaia di persone asservite al lavoro nei campi nella Piana di Gioia Tauro.

Pur condannando ogni forma di violenza, nel documento si manifesta indignazione per le condizioni di estremo degrado nelle quali sono costretti a vivere la stragrande maggioranza degli immigrati, causa prima degli incidenti. Dura la critica anche nei confronti della legge Bossi-Fini e del Pacchetto sicurezza, che - afferma il testo - \"ben lungi dal produrre effetti positivi, impediscono di fatto gli ingressi regolari degli immigrati e facilitano gli interessi della criminalità organizzata che controlla il traffico di esseri umani e può disporre di una quantità di manodopera in nero, senza tutele e costretta all\'irregolarità\".


\"Far sentire la voce delle istituzioni - afferma il vicepresidente Giancarlo Sagramola - è doveroso e indispensabile di fronte al disprezzo della vita e della dignità di centinaia di persone costrette a subire miseria, sfruttamento e ricatti. Lo facciamo forti del nostro operato, che si è sempre indirizzato verso la promozione di una cultura della solidarietà verso gli migranti, basata sul rispetto della legalità e dei diritti umani. I fatti di Rosarno dimostrano inequivocabilmente il fallimento delle politiche del governo. È urgente abbandonare questa strada per riprendere la via maestra della giustizia, pena il rischio dell\'emergere di tante altre nuove Rosarno\".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-01-2010 alle 13:42 sul giornale del 15 gennaio 2010 - 1449 letture

In questo articolo si parla di attualità, provincia di ancona, ancona, sagramola


Potremmo, anzi, siamo tutti d’accordo perché il tema è grave e va affrontato con decisione in ogni suo aspetto. Una domanda a Giancarlo: Credi che questa situazione sia diventata tale solo negli ultimi due anni o esisteva già da prima? Alza gli occhi, ogni tanto, perché ti ricordo molto più aggressivo, attento, obbiettivo ed imparziale, forse lo stare “in alto” ti ha un pò ammosciato, è pur vero che “sono le canne più alte quelle che prendono più vento” (G. Deledda).<br />




logoEV