Avanti Senigallia: una via dedicata a Craxi

bettino craxi 1' di lettura 15/01/2010 - Per voce del Presidente Maurizio Perini, il club della Libertà “Avanti Senigallia”, formalizza la richiesta all’attuale Amministrazione cittadina e al futuro sindaco, di intitolare una via cittadina all’ex presidente del Consiglio Benedetto Craxi.

Il senso di gratitudine per l’uomo e il riconoscimento delle grandi capacità politiche dello Statista, inducono molti di noi giovani che hanno conosciuto Craxi solo per una parte marginale del proprio percorso politico a voler garantirne l’immagine , per un periodo ingiustamente vituperata, attraverso l’intitolazione di una via, proprio qui a Senigallia.


Una città la nostra,che ha conosciuto forte la presenza dei socialisti, il cui impegno, idee e modo di fare politica, hanno garantito uno sviluppo e un rinnovamento ora difficili da ritrovare.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-01-2010 alle 15:58 sul giornale del 16 gennaio 2010 - 6576 letture

In questo articolo si parla di politica, maurizio perini, bettino craxi


Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

...gratitudine... riconoscimento... grande statista... Mavalà!!<br />
<br />
Visto che lo avete conosciuto \"...solo per una parte marginale del proprio percorso politico...\" per favore prima approfondite l\'argomento e poi gentilmente mi spiegate perché questo grand\'uomo invece di stare qui a lottare e dimostrare di essere \"ingiustamente vituperato\" se ne è SCAPPATO in Tunisia? Perché?<br />
<br />
...forse solo perché non è riuscito a farsi leggi ad personam?!<br />
<br />
Ma non sarebbe meglio una bella Piazza Falcone o Viale Borsellino o Via Peppino Impastato?<br />
...ci vorrebbe una Via gli stupidi da Senigallia...

via Bottino Craxi politico corrotto latitante pluripregiudicato e pluricondannato. Non dedichiamogli una via ma una Tangentiale!

che roba.. per quale motivo bisogna dedicare una via ad un ladro?? e poi toccherebbe ricordare anche i sue 2 \"illustri\" compagni di vita, e cioè Forlani e Andreotti nella triade, le origini della questione morale, le origini di questo disgustoso presente insomma<br />
<br />
oh bè, finalmente rifacciamo i conti con il passato, è ora di digerire e chiarire tutto! tanto è iniziato con la morte di Moro, è ora di studiare la storia recente, chissà che approfondendo un po\' pure questi di \"avanti senigallia, che una volta mangiavamo tutti almeno\" (tutto a scrocco, ai posteri è rimasto il debito pubblico) non si vergognino visceralmente!<br />

Commento modificato il 16 gennaio 2010

Una via a Craxi?<br />
Socialista per socialista, molto meglio Pertini: altra stoffa di politico.<br />
Potrà anche aver ben governato l\'Italia, per un mandato, ma poi?<br />
I più dicono che col suo governo ci siamo ritrovati una grossa parte del nostro attuale debito pubblico (ma tutti i partiti ne sono concausa): magari sarebbero stati forieri di investimenti e quindi di ritorni, ma non fu così.<br />
Fu contro il nucleare, di fatto smantellando un sistema di conoscenze in cui l\'italia era tra le poche all\'avanguardia e che avrebbe potuto portare (magari, non si può sapere) ad una strada italiana per il nuovo nucleare.<br />
Fu, come l\'attuale, il presidente del consiglio che più cercò di attuare alcune grandi riforme del sistema (seguendo gli esempi contemporanei di Thatcher e Reagan) ma senza arrivare ad alcuno dei risultati, anzi facendo risultare la partitocrazia più rilevante che mai.<br />
Fu lo statista che si oppose alle nuove regole per le elezioni parlamentari quando tutti i cittadini, al contrario di quanto suggeriva, andarono a votare a favore anzichè andare al mare.<br />
Fu lo stesso statista che, a quanto ci dicono, era a conoscenza di tutte le cose del partito proprio e degli altri ma che poi non si accorse dell\'altissimo livello corruttivo proprio del suo partito (già solo per questo avrei qualcosa da ridire sulla superiorità politica craxiana).<br />
<br />
Magari con il giusto tempo si scopriranno le verità vere e non presunte, magari sarà stato vero tutto quanto di positivo gli si riconosce e falso gran parte delle cose negative: ma è un fatto che l\'italia intera si vergognò di lui e lo rinnegò come simbolo stesso di una partitocrazia opprimente e oligarchica (seppur migliore della attuale) e lo attaccò duramente costringendolo ad andarsene.<br />
Magari con in giusto tempo, ma non ora.<br />

Magari anche una piazza al bandito giuliano, cambiamo il corso matteotti in corso vallanzasca e via dicendo.

anononimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Su Craxi l\'ho sempre pensata come ci hanno insegnato a pensare: un ladro (a vantaggio del partito) fuggito all\'estero. Poiché questo è un pre-giudizio (vale a dire un giudizio che mi sono formata su imbeccata della stampa e di chi è scampato chissà perché a Tangentopoli) ho voluto guardare con la mente libera l\'intervista a Craxi allegata a Panorama di questa settimana, che in genere non compro.<br />
<br />
Fatelo anche voi, se volete. E poi, tra amici, confrontiamoci. Io non so se vada o no \"riabilitato\". Né mi interessa. Però, discuterne non farebbe male: per non continuare a essere quel gregge che tanto fa comodo a chi non molla il potere, costi quello che costi, pur non potendo che esserne stato imbrattato anche lui, senza però pagarne il prezzo...


io sono stanco di riabilitazioni e revisionismi, così, senza motivazioni<br />
<br />
sono stanco e basta<br />
<br />
se vogliamo intestare una via a qualcuno pensiamo ad un nome femminile, dato che le vie di Senigallia sono tutte di sesso maschile<br />
<br />
non è una questione di quote rosa, ma trovo lo 0% di nomi femminili francamente imbarazzante

Proporrei una via alle eccezionali ed indimenticabili Alda Merini e Fernanda Pivano.

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

fabio bucci

Visto l\'occasione, senza entrare nel merito della questione Craxi, volevo lanciare l\'idea di intitolare una via ad un ragazzo di Belvedere Ostrense, che il 21.Gennaio del 1982 presso Monteroni d’Arbia, fu ammazzato<br />
mentre faceva il servizio militare come carabiniere, dalle brigate rosse. Si chiamava <br />
Euro Tarsili. Era un giovane pieno di entusiasmo<br />
e di voglia di vivere.

Il ragionamento è: se lui ha rubato, hanno rubato anche gli altri quindi va riabilitato.<br />
Incredibile, inconcepibile e vergognoso.<br />
Non va riabilitato lui ma va affermata la verità storica dei fatti.<br />
Le tangenti hanno permesso l\'aumento esponenziale del debito pubblico ed è stato accertato che Craxi non ha rubato solo per il partito ma anche per se stesso, si parla di 50 miliardi delle vecchie lire.<br />
Ma di cosa stiamo parlando?<br />
Ha fatto anche cose buone?<br />
Ci mancherebbe altro.<br />
Ci mancherebbe altro!<br />
Io una via la dedico ad uno di specchiata onestà, dal comportamento integerrimo che ha dato un contributo alla nazione e senza macchie.<br />
Craxi è fuggito dall\'Italia sottraendosi al giudizio dei giudici.<br />
Io davvero rimango di sasso davanti a questi tentativi goffi di riabilitazione postuma.<br />
Non era solo lui il ladro, ma era uno di questi e non merita nessuna cazzo di via.

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Anonimo

Fondamentalmente hai ragione, ma almeno una via al femminile c\'è - V.le Anita Garibaldi.

Bene, che non si intitolino vie a Politici in genere, mi potrebbe stare pure bene. Pero\', che ne dite di togliere quelle intitolate ai seguenti illustri delinquenti: Toglietti, Guevara, Via della Rivoluzione di Ottobre, Stalingrado, etc.??

Sono d\'accordo con Giuseppe; intitolare una via a Craxi penso sia sbagliato ma se vogliamo aprire una discussione sulla toponomastica delle città forse dovremmo pensare di eliminare le vie intitolate ad Ho Chi Min, a Che Guevara e via discorrendo, dato che in molti casi si tratta di criminali.

concordo completamente con mr. quilly!