Referendum Sadam, dalla parte del \'capo\' o da quella dei cittadini?

dibattito riconversione Sadam 29/01/2010 - \"Da mesi, ormai, risulterebbe da fonti stampa, che il Sindaco di Jesi Fabiano Belcecchi sarebbe intenzionato a firmare comunque l’accordo di riconversione per dare l’assenso preventivo (cioè senza un progetto e senza dati certi) a due impianti altamente insalubri ed inquinanti (raffineria di biodiesel e centrale a biomasse) indipendentemente dall’esito del consiglio comunale del 5 febbraio\".

Per contrastare tale atteggiamento, alcuni Consiglieri di maggioranza e di opposizione annunciano oggi che, comunque vada il Consiglio Comunale di Jesi, chiederanno ai cittadini di Jesi di esprimersi democraticamente con un referendum sulla questione.



Premesso che i diritti individuali sono incoercibili, e quindi la loro difesa è legittima indipendentemente dagli esiti di un referendum, sarà comunque interessante vedere da che parte si schiereranno i partiti, i consiglieri e gli amministratori della nostra città: dalla parte del \"capo\" o da quella dei cittadini?



Un test di democraticità importante, a poco meno di due mesi dalle elezioni regionali, per quei partiti o partitelli che poi ci chiederanno il voto. Siamo curiosi di vedere chi avrà la faccia di negarci oggi un voto democratico per decidere direttamente noi cittadini il futuro della nostra città, e di tornare domani a chiederci di votarlo per essere mandato dentro il Palazzo Regionale…






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-01-2010 alle 15:25 sul giornale del 30 gennaio 2010 - 1340 letture

In questo articolo si parla di ambiente, attualità, jesi, Vallesina, Comitato Tutela della salute e dell\'ambiente della Vallesina, Massimo Gianangeli, marco gambini-rossano, gabriele fava, padre natale brescianini


tino

Ma di quali citta\' parli, di jesi o di MAIOLATI SPONTINI?

onit

Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV