Sadam: Belcecchi fa da solo, la rinconversione non va in Consiglio

Fabiano Belcecchi 29/01/2010 - Prendo atto, pur con disappunto e dispiacere, che presidente e vicepresidente del Consiglio comunale (unitamente ad altri consiglieri), per altro contro la volontà espressa dall\'istituzione che rappresentano, abbiano scelto di voler escludere il Consiglio comunale stesso dalla decisione in merito alla riconversione dell\'ex zuccherificio.

Così come formulata, infatti, la loro proposta di referendum rende vana qualsiasi decisione del Consiglio comunale, dal momento che il regolamento impone l\'obbligo di dar seguito all\'eventuale pronunciamento dei cittadini qualora il referendum dovesse essere ritenuto ammissibile e dunque svolgersi regolarmente.


Di conseguenza, non avendo alcun senso chiedere al Consiglio comunale di votare un documento, procederò, sulla base delle indicazioni ottenute dalla Giunta e dai partiti che sostengono la maggioranza, a definire un possibile accordo di riconversione con l\'azienda e dichiarerò la mia disponibilità a tornare a sedere al tavolo per la firma dell\'accordo stesso, unitamente a Provincia, Regione, organizzazioni sindacali ed Eridania Sadam, con la clausola che tale sottoscrizione resterà comunque vincolata all\'esito dell\'eventuale referendum.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-01-2010 alle 17:32 sul giornale del 30 gennaio 2010 - 1033 letture

In questo articolo si parla di politica, sadam, fabiano belcecchi


tino

Il Sindaco di jesi e\' l\'unico che fin dall\'inizio di questa vicenda si e\' assunto le sue responsabilita\',e indovinando o sbagliando ha messo la sua faccia in prima persona cercando di fare andare d\'accordo politica ,lavoro, salute e cittadini.Il consiglio comunale ed in primis i consiglieri dovrebbero fare altrettanto e non nascondersi dietro un fantomatico referendum che nascerebbe solamente da coloro che solo perche\' politicamente contrari non rispetterebbero il mandato delle urne alle votazioni comunali datogli da noi jesini ,mandato che serviva e serve propio per prendere delle decisioni. Prendetevi le vostre responsabilita\', e ricordatevi che a jesi per la destra questo sarebbe un momento (visto le divisioni all\'interno della maggioranza)che forse non si ripetera\' mai piu\' per poter andare a governare la citta\'.Forse oggi questi consiglieri comunali passeranno alla storia di jesi per coloro che per le prima volta hanno contribuito con la loro testardaggine a consegnare la guida della citta\' di jesi al centrodestra, ma state tranquilli che di questo gli jesini si ricorderanno.

Paolo Rossi

Giusto ,caro Tino hai colto proprio nel segno,finalmente un Sindaco vero che fa il suo lavoro e si prende le sue responsabilità,finalmente qualcuno che decide.<br />
Sono orgoglioso di avere Jesi un sindaco così.<br />
Bravo Belcecchi.

tino ma dico come puoi dire che il sindaco a cercato di fare andare d\'accordo politica ,lavoro, salute e cittadini...il lavoro quasi sicuramente non verra assicurato ai dipendenti e basta vedere come li stanno trattando ora, niente cassa integrazione e finora soltanto parole, vedi la turbogas ceh l avevano presentato come la possibilita occupazionale..tu hai visto centinaia di posto lavoro? dodici o poco piu...la salute non ne parliamo, dico che ci vuole coraggio soltanto a pronunciare la parola salute in vallesina, ma ti rendi conto che viviamo in una zona ad alto rischio impatto ambientale, con centinaia di fabbriche emettono ogni giorno quantita enormi di polveri e nn solo, quasi 25 sforamenti dei valori di polveri pm10 per non parlare delle polveri pm2,5che sono ancora piu sottili e piu pericolose perche finiscono dritte agli alveoli, inquinamento dovuto ai scarichi dell auto al di sopra della media nazionalem anche sopra milano che in questi giorni e proprio domenica il sindaco ha ordinato il blocco della cicolazione in citta...e il sig Belcecchi cosa fa? un benemerito niente, lui che sarebbe la massima autorità sanitaria in città ha l obbligo , ha il dovere di attuare e prendere una misura per almeno limitare qeusti sforamenti...e invece si accanisce su codesta questione che per carita e importante ma non di piu delle altre realta industriali jesine...la Clabo in crisi nera, la new holland in casa integrazione per non parlare di decine di aziende a conduzione familiare e piccolmedie che hanno chiuso i battenti...alloa che cosa stiamo discutendo ? la cara maccaferri ha incassato fior di milioni di euro per aver chiuso i battenti e ne incassera altrettanto per costruire una raffineria a biodiesel ...ma ti rendi conto una raffineria a biodiesel alle porte di jesi...ci stiamo con la testa? e tu credi che i jesini vorranno una raffineria a casa loro? belcecchi sei fuori come un bancone caro mio, oltretutto insieme alla raffineria anche una centrale a biomasse...nonostante che abbiamo a pochi km l API con le sue nuove due centrali da 545 megawatt,...il Sig Belcecchi non puo decidere il futuro di un intera vallata perche se lo farà come purtroppo credo sarà un irresponsabile e avra sulla coscienza un disastro ambientale e sanitario annunciato...mi vergogno di avere un sindaco cosi mi vergogno di essere uno jesino perche non ho visto molto interesse da parte della cittadinanza ed é gravissimo, qui si sta giocando il futuro della nostra realtà e la stiamo mettendo in serio pericolo,...facciamo questo referendum e vediamo chi avra ragione...sono di sinistra ma spero tanto che per la prima volta a breve ci sara un governo locale gestito da una lista civica o al massimo dalla destra...e un altra cosa i sindacati in qeusta vicenda si devono vergognare, schiavi e lecchini della azienda....ora censuratemi anche questo commento

Se anche andasse alla destra il governo di Jesi, dopo innumerevoli anni di governi \"sinistri\", non vedo tutto questo grande problema.<br />
Peggio di quanto ha sinora fatto Belcecchi di sicuro quelli della destra non possono fare.<br />
<br />
Dal mio modo di vedere, Belcecchi durante i suoi anni di governo non si è certo distinto positivamente. Ultimamente poi anche a livello democratico (ma appartiene al PD - partito \"democratico\"?), ha lasciato molto a desiderare.<br />
<br />
Se deve essere il referendum lo strumento per far cadere il nostro primo cittadino tanto meglio.<br />
Saranno i cittadini a far capire all\'illustrissimo che la nostra salute conta molto più di una manciata di spiccioli.<br />
<br />
P.s.: nel programma del PD jesino c\'era forse scritto che avrebbero permesso alla dirigenza SADAM di fare quello che volevano dopo la presa in gira della Turbogas ?<br />

Ahahah il sindaco si comporterebbe in modo responsabile? ahahahah :D <br />
<br />
Il sindaco scarica ora sui consiglieri proponenti il referendum il fatto di voler \"scavalcare\" il consiglio ? MA SE LUI STESSI HA SCAVALCATO LE DELIBERE DEL CONSIGLIO, non ultima quella del dicembre 2008 ? Come puo\' mistificare la realta\' in questo modo? <br />
<br />
Belcecchi dice \"per altro contro la volontà espressa dall\'istituzione che rappresentano\" quando e\' LUI che si e\' mosso CONTRO LA VOLONTA\' ESPRESSA DAL CONSIGLIO.. mentre in consiglio non e\' MAI stata votata una proposta di referendum.. quindi i consiglieri NON SI SONO MOSSI \"contro la volontà espressa dall\'istituzione che rappresentano\", LUI si. <br />
<br />
Belcecchi dice \"Così come formulata, infatti, la loro proposta di referendum rende vana qualsiasi decisione del Consiglio\" mentre questo NON CORRISPONDE AL VERO. Per il semplice fatto che sarebbe un referendum CONSULTIVO e, in quanto tale, NON VINCOLANTE. Sarebbe solo chiedere un parere alla Citta\', ai Cittadini, AI LORO DATORI DI LAVORO. E questo, in democrazia, mi sempra sia l\'espressione piu\' \"ALTA\" di politica, quando la politica (sindaco in testa) sono due anni che tergiversa e che non informa.<br />
<br />
Poi, Tino, come fai a dire che il sindaco ha cercato di \"fare andare d\'accordo politica ,lavoro, salute e cittadini\".<br />
<br />
La POLITICA l\'ha spezzata in due, non rispettando i mandati datigli dal consiglio.<br />
<br />
Il LAVORO lo usa solo come giustificazione, e basta leggere la bozza del documento che sta\' girando per vedere come LUI STESSI AMMETTE che la riconversione NON OCCUPERA\' i posti che promette di occupare.<br />
<br />
La SALUTE.. lasciamo perdere la salute! In mancanza di un qualsiasi studio epidemiologico sulla citta\' di jesi si lascia andare a proclami, proprio lui che e\' il PRIMO RESPONSABILE CITTADINO della salute, che non stanno ne in cielo ne in terra.<br />
<br />
I CITTADINI.. qui e\' la parte piu\' divertente. E\' dal luglio 2008 che parla di \"coinvolgere la cittadinanza\" ma l\'amministrazione IN DUE ANNI ha organizzato UN SOLO EVENTO .. e tra l\'altro ALLA FESTA DEL PD del 2008.. Ed il sindaco ha anche avocato a se la delega di assessore alla PARTECIPAZIONE !!! Questo e\' cercare di coinvolgere i cittadini ? <br />
<br />
Viste le tue premesse (tutte smontate) non entro neanche nel merito di cio\' che hai scritto dopo. <br />
<br />
Ah.. dimenticavo... se jesi dovesse andare a destra (con una destra che comunque fa\' proposte piu\' di sinistra della sinistra, e la sinistra gliele boccia!) la responsabilita\' e\' solo di questa sinistra (che poi.. nel PD... tutta sta\' sinistra non ce la vedo).

tino

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Anonimo

Benedetto MarcoManno, nonostante navighi continuamente non riesco a capacitarmi di come ti sia sfuggito, a te indefesso spulciatore di tutti i siti planetari, quello che stà scritto all\'Art. 21, comma 15 dello Statuto Comunale in materia di Referendum (consultivo o abrogativo che sia). Pazienza, te lo dico io:<br />
\"Entro 60 (sessanta) giorni dalla consultazione il consiglio comunale proclama l\'esito della stessa ed assume gli atti e i provvedimenti conseguenziali all’esito del referendum, fatta salva la possibilità in caso di indisponibilità di bilancio, di rinviare l’efficacia delle determinazioni al successivo esercizio finanziario.\"<br />
Alla faccia!! E questo sarebbe il \"non vincolante\"??

Massimo Gianangeli

Caro Sindaco, non c\'è bisogno che illustri Lei la proposta di accordo.<br />
La renda pubblica e scaricabile dal sito del Comune prima della firma. Sappiamo leggere!<br />
Ed organizzi su di essa un dibattito pubblico . <br />
<br />
Ciò anche alla luce del fatto che, dalle poche generiche indicazioni che dà in questo breve comunicato e dalla bozza di protocollo di intesa che girava in questi giorni in maggioranza, si deducono diversi punti peggiorativi rispetto al già pur blando Atto di Indirizzo del Consiglio Comunale del 13 dicembre 2008. Tutto questo, nonostante, non me ne vogliano, il parere dell\'Assessore Olivi e del resto della sua Giunta, da Lei nominata, nonchè delle segreterie dei partiti vari.<br />
<br />
Le accuse ai firmatari della richiesta di referendum di aver escluso il Consiglio Comunale, appaiono abbastanza fuori luogo e insostenibili, dopo le dichiarazioni e/o considerazioni apparse sulla stampa nelle ultime settimane. Dichiarazioni GRAVISSIME e MAI SMENTITE che parlavano della sua firma a prescindere da un voto negativo del Consiglio. Rimettendo, nel caso, più o meno il suo mandato.<br />
<br />
Lo dimostra anche il fatto, che Lei non si ferma neanche davanti al piano superiore della scala gerarchica della democrazia: il Referendum. Lei intanto, ha deciso di firmare comunque!!! <br />
Si rende conto della \"antidemocraticità\" di questo atteggiamento, Sig. Sindaco?<br />
<br />
Pubblichi l\'ipotesi di accordo, voti la mozione per il referendum il prossimo 5 febbraio e dica chiaramente e pubblicamente di votarla a tutti i consiglieri della sua maggioranza. Dopodichè accetti il risultato dell\'esito e rispetti il volere dei cittadini, per stabilire se firmare o no.<br />
Forse, solo così potrà permettersi di giudicare quei consiglieri di maggioranza e opposizione che, davanti alla forzatura democratica che forse Lei (pur nella legittimità) si apprestava a compiere, hanno fatto l\'unico gesto che potesse evitarla: CHIEDERE SEMPLICEMENTE IL PARERE DEI CITTADINI !!!<br />
<br />
Cordiali Saluti e buon lavoro<br />
MASSIMO GIANANGELI<br />
<br />
PS. Il fatto che vada Lei, magari anche stavolta insieme ai suoi assessori Maiolatesi e Olivi, a Bologna da Maccaferri, e non sia questi a venire a Jesi per chiedere e trattare le condizioni per insediare a casa nostra i suoi impianti, è un gesto simbolico che si commenta da solo. Spero che almeno, non abbia usato l\'auto blu del Comune e la benzina verde coi soldi nostri.<br />