Raccolta differenziata, al via le multe per i trasgressori

giancarlo carbini 01/02/2010 - Nuova raccolta differenziata “porta a porta”: scattano le multe per chi non smaltisce correttamente i rifiuti.

A comunicarlo sono Giancarlo Carbini, in qualità di assessore alla Polizia locale dell’Unione dei Comuni, formata da sette delle dodici Amministrazioni dell’area Cis che hanno attivato il nuovo sistema di raccolta “di prossimità” affidato a Sogenus Spa, e il Comando della Polizia locale. La decisione è maturata all’indomani delle ultime verifiche. In particolare, a metà gennaio, il personale del Comando dei vigili urbani dell’Unione dei Comuni, in collaborazione con quello della Sogenus Spa, ha effettuato dei controlli mirati riscontrando diverse irregolarità nello smaltimento dei rifiuti domestici e nel conferimento della raccolta differenziata. “Sono ormai trascorsi alcuni mesi dalla partenza del nuovo sistema di raccolta dei rifiuti – osserva l’assessore dell’Unione, nonché sindaco di Maiolati Spontini Carbini – e troppo spesso si riscontrano anomalie nel funzionamento del sistema, in quanto i cittadini si ostinano ad utilizzare impropriamente i contenitori della differenziata per conferirvi i rifiuti indifferenziati domestici che, invece, devono essere smaltiti attraverso il servizio di raccolta porta a porta nei giorni stabiliti per ciascun Comune”.



I principali comportamenti scorretti riscontrati riguardano il conferimento dei rifiuti al di fuori dei contenitori predisposti, con evidenti problemi di decoro e pulizia delle aree interessate, l’utilizzo di buste di plastica al posto dei sacchetti biodegradabili, il conferimento dei rifiuti indifferenziati nei contenitori della raccolta differenziata e di quelli differenziabili (come carta, plastica, vetro) negli stessi sacchi dei rifiuti indifferenziati. Infine, l’abbandono di rifiuti ingombranti nei pressi delle isole ecologiche della raccolta differenziata. Tutti comportamenti scorretti, reiterati, che l’Unione ha deciso di sanzionare. “I primi controlli effettuati – riferisce Carbini – hanno portato alla contestazione di 7 verbali per violazione alle norme sul corretto smaltimento dei rifiuti solidi urbani, per una sanzione prevista da 25 a 500 euro.



Ulteriori e ripetuti controlli verranno effettuati nelle aree ecologiche, al fine di prevenire e reprimere eventuali altre irregolarità. E’ oramai passato il periodo di rodaggio e certi comportamenti scorretti non solo incidono negativamente sul decoro e sulla salute pubblica, ma anche sui costi del servizio e quindi sulla tassa che ogni cittadino è chiamato a pagare. Quando le sollecitazioni, le spiegazioni e le campagne informative non sono sufficienti non resta che passare a controlli più stretti e mirati che comportino anche le dovute sanzioni”.


da Unione dei Comuni della Media Vallesina




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-02-2010 alle 17:39 sul giornale del 02 febbraio 2010 - 2020 letture

In questo articolo si parla di attualità, Vallesina, Comuni, unione dei comuni della media vallesina, sindaco maiolati