L\'associazione Aicu invia il suo contributo ad Haiti

aicu 06/02/2010 - L’Associazione Italiana Carlo Urbani Onlus, a seguito del disastroso terremoto che ha colpito l’isola di Haiti radendo al suolo la capitale Port-au-Prince nel gennaio scorso, ha deliberato all’unanimità, nel corso dell’ultimo consiglio direttivo, la destinazione di risorse per l’acquisto di medicinali da distribuire presso la comunità haitiana a cura degli operatori di Medici Senza Frontiere.

L’Aicu ha aderito al “Fondo Emergenze” per l’acquisto e distribuzione di medicinali essenziali istituito da Medici Senza Frontiere, organizzazione che fu anche la “casa” di Carlo Urbani fino alla sua scomparsa nel 2003. L’iniziativa, al di fuori della pianificazione di interventi già programmata dall’Associazione per il 2010, sarà concretizzata in stretta collaborazione con MSF operativa in loco dal 1991. Medici Senza Frontiere è fortemente impegnata ad Haiti con circa 700 operatori in condizioni molto critiche d’intervento, nonostante ciò, rispondendo come sempre all’emergenza con il massimo impegno, sono stati effettuati nei primi 10 giorni post terremoto circa 1000 interventi chirurgici e curati circa 7000 feriti.



Sono tutt’ora in corso operazioni di rafforzamento di presidi medici, personale e approvvigionamento di generi di primo soccorso. Lo stato di salute generale della popolazione è ovviamente molto precario e anche per questo è necessario dotarsi rapidamente di medicinali adatti a rispondere ai bisogni connessi alle varie fasi dell’emergenza. La partecipazione dell’Associazione Italiana Carlo Urbani, per un valore di 14.000 euro, permetterà di assistere con farmaci di primo soccorso circa 50.000 vittime del disastro naturale di Haiti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-02-2010 alle 18:00 sul giornale del 08 febbraio 2010 - 1056 letture

In questo articolo si parla di attualità, associazione italiana carlo urbani onlus, aicu