Pro loco Jesi: “Siamo il braccio del Comune per promuovere la città”

presidente Pro Jesi Matteo Stronati 3' di lettura 07/02/2010 - Dopo anni di chiusura, rinasce l’associazione turistica Pro loco di Jesi. Da un anno in mano a un manipolo di giovani provenienti dai gruppi e realtà associative del territorio, e già la Pro Jesi punta alle iniziative clou del calendario cittadino. Incontriamo il presidente Matteo Stronati che ci illustra i dettagli della loro attività.

Presidente, quando nasce la Pro loco?Nasce negli anni ’70 e sempre nella sede storica di Palazzo Magagnini, in piazza della Repubblica - ci racconta Matteo Stronati - poi, dopo un periodo buio e di chiusura, siamo subentrati noi e ci siamo fatti avanti per prendere in mano le redini di questa bella e importante realtà cittadina. Da un anno siamo il braccio armato del Comune nell’organizzazione degli eventi”.

Come è composto il nuovo direttivo?Oltre a me, che sono presidente, ci sono Catia Fratesi (vice presidente), Riccardo Verde (consigliere), Daniel Rizzitiello (consigliere), Andrea Silicati (consigliere), Simona Gagliardi (segretaria), Marco Perri (consigliere)”.

Siete tutti giovani e provenienti da altre esperienze culturali?Certo, cerchiamo di sfruttare proprio i nostri precedenti e le collaborazioni con il Comune per mettere in campo delle buone iniziative. Personalmente, provengo dall’associazione musicale Valvolare, che organizza i concerti delle band giovanili per ‘JesiEstate’, mentre gli altri sono soci de Il Camaleonte, The Dreamers (che si occupa del cinema all’aperto), l’associazione Libera e Antro del Drago”.

Quali gli obiettivi della Pro loco?L’associazione nasce come ente di promozione turistica per il Comune e le sue attività, poi ha perso questo suo ruolo…i compiti istituzionali sono stati assorbiti da altri soggetti (ad esempio, dalla Fondazione Pergolesi Spontini per la gestione dei teatri e l’organizzazione-promozione degli spettacoli; dall’Ufficio Turismo per sponsorizzare le bellezze di Jesi e fornire informazioni turistiche)”.

Cosa avete organizzato per farvi conoscere? “Abbiamo firmato la Notte Bianca e i Mercatini di Natale, con l’apprezzatissima Castagnata lungo le vie del centro storico. Ora stiamo lavorando per nuove iniziative”.

Qualche anticipazione?Posso solo dire che in occasione della festa di riconsegna di Piazza Federico II restaurata, promuoveremo la selezione di band giovanili che prenderanno poi parte al Festival Divino di Cupramontana; poi abbiamo in programma il Palio di San Floriano a maggio in cui la Pro Jesi si muoverà come ente coorganizzatore”.

Cosa vi sentite di dire alla città?Solamente che noi ci siamo e che lavoreremo per promuovere al meglio la nostra Jesi. Ma abbiamo bisogno di forze e di sinergie, la Pro loco è giovane e ha tante idee…un po’ meno fondi! Se qualche sponsor o partner volesse affiancarci, di certo sarebbe un ottimo incentivo per l’organizzazione di eventi. Un invito dunque, da parte mia a conoscerci e a contattarci o partecipare alla nostra assemblea dei soci, indetta per giovedì 11 febbraio alle 9,15 presso la sede della Prima Circoscrizione. E’ un incontro pubblico per trovare nuove teste e nuove braccia, nonché nuove idee”.








Questa è un'intervista pubblicata il 07-02-2010 alle 19:18 sul giornale del 08 febbraio 2010 - 5436 letture

In questo articolo si parla di cronaca, intervista





logoEV