Verdi: difendere la gestione pubblica dell\'acqua

Roberto primavera 06/02/2010 - Giovedì, è passato in Consiglio Comunale un ordine del giorno, presentato dall\'Assessore all\'Ambiente Simone Ceresoni a nome della Giunta, con una proposta di modifica dello Statuto Comunale per il riconoscimento dell\'acqua come bene comune e diritto universale.

Si tratta di ridefinire il servizio idrico come \"servizio privo di rilevanza economica\" da gestire in forma pubblica. L\'affermazione di un principio che pone, ed è qui l\'importanza, le premesse giuridiche per difendere l\'attuale gestione pubblica dell\'acqua, dal scellerato decreto legge recentemente licenziato dal governo Berlusconi sulla privatizzazione dell\'acqua. Trattandosi di una modifica dello Statuto Comunale sarebbe stata necessaria una maggioranza qualificata (2/3 dell\'Assemblea) dei consiglieri. Non è stato sufficiente quindi il solo voto della maggioranza, seppure compatta, a far passare l\'ordine del giorno.



Non stupisce l\'astensione dell\'opposizione di destra, in linea con le politiche di smantellamento e privatizzazione dei servizi pubblici predicate e perseguite dalla destra di governo a Roma, ma non abbastanza coraggiosa da farsene carico con una posizione chiara ed esplicita ad un mese dalle elezioni, su una questione così sentita dai cittadini. Sorprende non poco invece che sia mancato il voto dell\'altra opposizione, quella dei neo-paladini dell\'ambientalismo e dell\'interesse pubblico, tra cui anche due candidati sindaco.



Forse si tratta, nel loro caso, solo di una svista o un impedimento dovuti ai tanti impegni di una campagna elettorale molto impegnativa, infatti non hanno votato contro, semplicemente non c\'erano in Consiglio Comunale. Ed è un peccato, anzi un problema forse, perché a questo punto occorrerà riconvocare il Consiglio Comunale tra trenta giorni e sperare che tutto vada liscio nell\'interesse della collettività.


da Roberto Primavera
Portavoce dei Verdi di Senigallia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-02-2010 alle 16:19 sul giornale del 08 febbraio 2010 - 4722 letture

In questo articolo si parla di verdi, politica, acqua, senigallia, roberto primavera


Caro Roberto,<br />
se andiamo avanti così, come arriveremo al 28 marzo?<br />
E\' possibile mantenere un livello di confronto non intriso di rancore e cattiveria?<br />
Non conosco i numeri della votazione di giovedì sull\'articolo delle statuto sull\'acqua pubblica perchè non ero presente. Ma, dimmi, i 17 consiglieri di maggioranza erano tutti presenti? Se così non fosse, dovresti distribuire un po\' del tuo livore anche in quella direzione. <br />
Comunque, ti faccio presente che capita che non si possa essere presenti a qualche seduta; è capitato a tutti i consiglieri di tutti i gruppi. Giovedì è toccato a me.<br />
Però, il giorno prima, mercoledì, sapendo che all\'indomani sarei stato assente ed essendo la questione statuto/acqua pubblica all\'ultimo posto dell\'ordine dei lavori, ho chiesto che la discussione su quel punto fosse anticipata perchè si trattava dell\'argomento più rilevante, annunciando pure la mia assenza per il giorno seguente. La maggioranza, purtroppo, si è opposta votando contro la mia richiesta di inversione dell\'ordine del giorno (e in quel momento della seduta c\'erano senza dubbio condizioni migliori dal punto di vista dei numeri). <br />
Puoi controllare quanto affermo dai verbali della seduta.<br />
Ti saluto e cerca di migliorare.<br />
Roberto Mancini

Capisco, siccome il candidato sindaco aveva degli impegni elettorali inderogabili il consiglio avrebbe dovuto spostare il suo OdG. Quindi se lui non c\'era non è colpa sua.<br />
Non ci fa una piega.<br />
Giustificato?<br />
Boh! fate voi

Non voglio pagare l\'acqua di più di quanto non costi già ora (e costa!).<br />
Soprattutto perchè faccio di tutto per non sprecarla.<br />
<br />
Ma una delle belle cose che DEVE fare l\'ormai futura amministrazione è OBBLIGARE le nuove costruzioni e le ristrutturazioni (e incentivare altrove) là dove possibile a fare delle doppie linee di adduzione delle acque e far convogliare gran parte di quelle piovane in taluni serbatoi, da cui attingere per servizi come gli sciacquoni dei WC e per il giardinaggio: il risparmi sarebbe netto e visibile.<br />
Non ci vuole molto, basta averne la volontà.<br />
Ed è una cosa talmente palese e semplice da farsi, per giunta che non tocca \"interessi forti\", che anche il centrodestra non potrebbe rifiutarsi.

Commento modificato il 07 febbraio 2010

Suvvia fate la \'pace\' potete rimediare, la faccenda dell\'acqua come noto è complicata! Finchè le cose rimarrano così come sono, prima bisogna puntare all\'integrazione degli Statuti Comunali con la dichiarazione dell\'acqua <i>come bene comune non economico</i>. <b>Quando tutti o la maggior parte dei Comuni lo avranno fatto</b>, potranno proporre all\'Assemblea dell\'ATO Ambito Territoriale Ottimale (45 Comuni!) l\'approvazione delle proposte e degli impegni richiamati nei loro provvedimenti per fare in modo che venga attuata una gestione del servizio idrico pubblica, in particolar modo attraverso gli Artt. 31 e 114 del d. lgs n. 267/2000 (così la multiservizi da SPA ch\'è può diventare azienda speciale consorzio tra enti locali per cui <i>\"l\'azienda e l\'istituzione informano la loro attivita\' a criteri di efficacia, efficienza ed economicita\' ed hanno <b>l\'obbligo del pareggio di bilancio </b>da perseguire attraverso l\'equilibrio dei costi e dei ricavi, compresi i trasferimenti\")</i>. Nel frattempo, i Comuni e gli altri Enti possono aderire al Forum Italiano dei Movimenti per l\'Acqua se v\'interessa davvero, il lavoro non manca..


sì, ma la storia bisogna raccontarla tutta, non solo l\'episodio che ci interessa<br />
<br />
La questione acqua pubblica pendola sul Consiglio Comunale dal 18 novembre scorso, quando vengono messe all\'OdG le mozioni di Mancini e dell\'IDV.<br />
In precedenza c\'era stata una tavola rotonda sull\'argomento acqua pubblica (promossa dal GSA e disertata dal centrosinistra cittadino) e una raccolta firme promossa dal Movimento Lento Ciclabile, Meetup e il mio blog. Centinaia di bottiglie in vetro di Acqua del Rubinetto prodotte e distribuite, senza chiedere un Euro a nessuno. Quattrocento le firme raccolte, un successone.<br />
<br />
Il 18 novembre, con una bella maggioranza presente in Consiglio, l\'OdG viene ribaltato, mettendo la questione acqua pubblica in fondo all\'elenco e portando in primo piano (indovinate chi?) il piano Sacelit Italcementi. L\'edilizia, priorità assoluta, poi tutto il resto. \"E\' come col maiale, prima se fa la ciccia e poi tutto il resto\" ebbe a dire Mancini, il reietto.<br />
<br />
Il 25 novembre le mozioni sull\'acqua pubblica vengono unificate ed approvate. Richiedono una modifica statutaria del Comune di Senigallia e quindi un passaggio in Commissione. Settanta giorni fa.<br />
<br />
In questi settanta giorni il Consiglio ha esaminato di tutto, varianti urbanistiche, bilancio, consiglio delle donne, BIC, campi da rugby, modifiche commissioni ecc., ma per la questione acqua pubblica si è trovato uno spazietto soltanto l\'altra sera, quando uno dei promotori della mozione, Mancini, ha detto che non poteva partecipare alla seduta del Consiglio e ha correttamente chiesto di sposare il punto nell\'OdG.<br />
<br />
Alla luce di questa cronaca e leggendo il comunicato stampa di Primavera, sembra che la questione acqua pubblica sia servita soltanto per dare una coltellata alle spalle di Mancini.<br />

Sono d\'accordo, maddeche. E il fatto più triste è che anche l\'importante problema dell\'acqua - un bene non privatizzabile - viene svenduto alle logiche di una campagna elettorale ostaggio delle paure di una classe dirigente perdente e in palese affanno.

Commento modificato il 07 febbraio 2010

mauri, anche stavolta stai facendo una figura barbina... Col tuo commento stai confermando che <b>l\'ordine del giorno è utilizzato strumentalmente non per il bene della città e dei cittadini</b> perché, se così fosse, la maggioranza avrebbe dovuto accettare la richiesta di Mancini, tempisticamente presentata. Si è preferito, invece, fare \"i furbetti\", privilegiando il supposto \"bene\" politico di una coalizione evidentemente senza altre idee da proporre se non la scomunica altrui... Penoso. <br />
<br />
E della privatizzazione dell\'acqua, chissenefrega.

Populismo spicciolo che non fa bene alla città e al suo futuro. Mancini ha chiarito, mi pare. Le inversioni dell\'ordine del giorno sono stati strumentalmente utilizzati da questa amministrazione per far passare ciò che riteneva utile per sé. Stavolta che la \"non inversione\" poteva essere strumentizzata politicamente - come Primavera sta dimostrando -, \"ciccia\". <br />
<br />
Se si ha poco da dire perché il programma è... acqua fresca, un assennato silenzio può aiutare.


bravo, questo è un contributo utile alla causa

A proposito, Primavera, dimenticavo... Le querce di Pio IX abbattute sabato mattina all\'alba per far posto alla terza corsia, non doveveno essere trapiantate altrove, secondo le vostre intenzioni? Perché, anziché perdere tempo a pensare come armare trappoloni per Mancini, non lo occupate per vigilare su quanto voi stessi sbandierate di voler fare, cioè i \"verdi\"? <br />
<br />
P.S. Un\'altra domanda, Primavera: chi erano quelli che, consumato lo scempio, si sono andati a prendere la preziosissima legna di quercia coi furgoncini? Operai del Comune? Cassaintegrati a cui avete concesso di rivenderla per integrare il reddito? Insomma, chi erano?

Anche secondo me la polemica nei confronti di Mancini è ingenerosa, primo perché è vero che aveva preannunciato la sua assenza e poi perché, anche fosse stato presente, il suo voto non sarebbe bastato.<br />
Ne mancavano altri 2, Bacchiocchi e Marcellini se ho capito bene. Correttamente, in questo caso, Primavera se la prende con tutti e tre che a rigor di logica politica avrebbero dovuto fare i salti mortali per essere presenti e far passare la mozione coi 2/3. <br />
<br />
La ricostruzione dell\'iter che fai è sicuramente precisa Maddeche, so quanto la questione ti sta a cuore e se sta a cuore a molti senigalliesi è anche merito tuo. Però restiamo ai fatti: anche se lentamente al voto in consiglio questa mozione c\'è arrivata, ora il problema è che servono 20 consiglieri per approvarla, a parte Mancini, della cui volontà di approvarla non si può dubitare, ci sono questi 20 consiglieri? La maggioranza ne ha 16 (Marcellini penso che non possa essere annoverato nella maggioranza ormai) ne servono, compreso Mancini, 4 dell\'opposizione. Ci sono? Chi sono?. Questo è il problema.<br />
<br />
Le dietrologie sui colpi bassi elettorali le lascerei perdere, sarebbe anche troppo facile immaginarne di perfettamente speculari a quelle che ipotizzi tu e altrettanto, se non più, plausibili.


rimango dell\'idea che è stato un colpo basso e che il buon fine della mozione sull\'acqua pubblica qui fa da tappezzeria<br />
<br />
in ogni caso la Maggioranza, che è abilissima a misurare col bilancino presenze e maggioranze quando c\'è votare la pratica urbanistica d\'interesse, poteva per una volta applicare quest\'abilità per una buona causa del Centrosinistra<br />
<br />
a questo punto, se non vado errato, la modifica statutaria potrebbe essere votata a maggioranza assoluta in due sedute consiliari distinte entro 30 giorni, in ogni caso (credo) entro l\'11 febbraio, data di convocazione dei comizi elettorali<br />
<br />
almeno credo...<br />

Premetto che ero presente in consiglio comunale il giorno prima e so, così come probabilmente sa primavera, che mancini ha chiesto di anticipare l\'ordine del giorno visto l\'importanza del dibattito sull\'acqua. quella sera ci sarebbero state tutte le persone che Primavera chiama in causa. per onor del vero mancini ha anche detto che il giorno successivo sarebbe stato impossibilitato. di fatto ritengo che:<br />
1) La maggioranza teneva maggiormente a decidere la destinazione d\'uso dell\'ex hotel marche e continuare nell\'illusione del parco della cesanella;<br />
2) non si sarebbe mai accolta l\'idea di mancini a prescindere perchè ceresoni e i verdi e quindi tutta la maggioranza dovevano fare il loro gesto \"verde\"<br />
c\'è da dire che siete arrivati pure tardi e siete in fila per appropriarvi insieme all\'idv di una battaglia che ha iniziato a quanto mi risulta il gsa e poi il meetup, ma a parte questo chiedo anch\'io dove eravate mentre buttavano giù le querce e se è vero (come mi risulta) che una non creava nemmeno fastidi e poteva essere tranquillamente lasciata. per voi verdi salvare una pianta non dovrebbe essere vitale??<br />
In realtà chiedo dove siete sempre e dove eravate quando ad esempio avete saputo della volontà di fare un campus al \"parco\" della cesanella e dove sei ora Roberto quando la maggioranza che sostieni si tuffa improvvisamente nella vox populi accettando l\'idea di fare un sottopasso alla cesanella. ne avevo parlato dopo la proposta della piaga di velluto/comitato procesanella più o meno con tutti e mi è sempre stato detto che era improponibile, ora casualmente a nemmeno 2 mesi dalle elezioni viene cestinato il campus e addirittura deciso un sottopasso (tutto sempre con la favola che mi era stata detta mesi fa delle opere di compensazione.

Io rimango dell\'idea che la tua ipotesi del \"colpo basso\" studiato a tavolino sia fantapolitica, presuppone una tale \"genialità\" che nemmeno un simpatizzante dei verdi e amico di Primavera come me riesce ad immaginare.<br />
Per il resto spero che sia come dite tu e Guattolo e che ci siano le condizioni e la volontà per far andare a buon fine questa mozione, solo che l\'11 febbraio è tra 3 giorni, o non ho capito o qualcosa non torna.

Scusa Laura, ma, dato che di fatto svolgi il ruolo di portavoce di Marcellini, mi sembra che in tutto quello che dici manca l\'informazione principale: perché Marcellini non era presente e, sopratutto, come avrebbe votato.<br />
<br />
Per il resto i tuoi discorsi mi sembrano molto viziati da un\'opposizione preconcetta. Non sei di certo solo tu, siamo in campagna elettorale e probabilmente è inevitabile.<br />
Mi spiego: la variante al parco della Cesanella approvata dal consiglio comunale è o non è un fatto positivo? E\' un passo avanti verso la sua concreta realizzazione si o no? A me sembra di si e non ho letto o sentito di qualcuno che sostenga con argomentazioni il contrario. Però in questi giorni la versione che si cerca di far passare è: si va beh, ma è una manovra elettorale, quello che si è ottenuto è solo merito del comitato, è ancora solo sulla carta, erano cose dovute e comunque arrivate in ritardo e insufficienti ecc. ecc. Insomma pare che a molti sotto sotto la cosa dispiaccia perché può portare acqua al mulino della maggioranza. Allora qualcosa non mi torna, si parla tanto di \"bene comune\" e \"società civile\" ma poi quando, finalmente, alcune istanze della società civile per il bene comune vengono accolte da chi amministra ci si rammarica dicendo che lo hanno fatto solo per trarne un vantaggio elettorale. Secondo me le elezioni servono proprio a questo invece, a far fare a chi governa e amministra il meglio possibile per prendere più voti, casomai, da questo punto di vista, ci vorrebbe lo stimolo delle elezioni più spesso, ha senso contestare le cose fatte se sbagliate e quelle non fatte, ma non che si facciano le cose per prendere voti.<br />

Mbuto commento, punto. ovviamente commento per quello che mi interessa ma commento, così come commenti tu, che poi non dico quello che vorresti sentire è un conto e se vogliamo tutti definirci portavoce di qualcuno lo facciamo, non ho problemi, ma tutti non solo io. ovviamente ognuno qui ha le sue posizioni, quindi o ci definiamo tutti (o quasi)portavoce di qualcuno e allora ci sto, oppure sono una che come te commenta.<br />
riguardo alla votazione mi sembrava scontato, ma hai ragione lo dico chiaramente sono decisamente contraria alla privatizzazione dell\'acqua e lo stesso vale per marcellini, quindi ora sai cosa avrebbe votato. <br />
in questo caso mi sono riferita in pratica solo a mancini perchè trovo ridicola l\'argomentazione propagandistica di primavera usata come attacco quando di fatto mancini ha sollevato la questione e ha detto in consiglio che ci teneva ad anticiparla proprio perchè il giorno successivo non avrebbe potuto partecipare. ero lì ho sentito e ho ritenuto corretto riportarlo.<br />
sull\'assenza di marcellini non mi va di argomentare, perchè ormai si sa il lavoro che fa e non voglio davvero qui strumentalizzare, porto avanti la mia idea e poi saranno gli elettori a decidere.<br />

sul parco della cesanella che a te sembra cosa fatta ( e davvero ammiro la tua fiducia)cosa vuoi che ti risponda: \"sono sicurissima che entro il 2010 ci porterò il mio cane a spasso?\" <br />
lo spero, intanto però ho semplicemente rilevato che:<br />
1) doveva già esistere<br />
2) l\'ultima promessa in ordine di tempo voleva l\'inizio dei lavori per il 2009<br />
3) nel penultimo consiglio comunale era previsto di votare per edificarci dentro<br />
4) nell\'ultimo consiglio comunale il punto precedente è sparito ed è comparso un sottopasso che fino a poco tempo fa era inimmaginabile<br />
<br />
poi scusami ma da dove lo deduci che è un passo in più verso la realizzazione e non solo campagna elettorale? perchè ora c\'è previsto un sottopasso?? se è così allora io rilancio e prometto un sottopasso privato per ogni nucleo familiare della cesanella, che collegherà direttamente casa propria, lungomare e ovviamente il parco. ; )

Laura tu hai assunto pubblicamente il ruolo di promotrice della candidatura a sindaco di Marcellini, poi è evidente che ognuno ha le sue idee e le può esprimere liberamente, non volevo essere polemico su questo. Sta di fatto che riuscire a capire quali sono le posizioni di Marcellini su molte questioni cittadine ancora è abbastanza difficile quindi, sapendo che tu collabori con lui, si chiede a te che almeno ogni tanto scrivi un articolo o fai qualche commento su VS. <br />
<br />
Sulla variante al parco della Cesanella mi baso su quello che ho sentito durante la discussione in consiglio comunale e su quello che ho letto in questi giorni: in consiglio comunale anche le opposizioni hanno dichiarato che avrebbero votato a favore alla variante se non fosse stato per la questione dei piani interrati concessi alle future palazzine della Holding, versione di Mangialardi: in cambio di maggiori oneri di urbanizzazione, tra cui l\'ormai famoso sottopasso Rincolvati. E anche di questo le opposizioni hanno contestato la procedura, che secondo loro può innescare contenziosi, non la cosa in se.<br />
C\'è stato addirittura un emendamento di Savini, ispirato dal comitato pro Cesanella e approvato all\'unanimità, che prevede l\'esproprio in caso che i privati non si decidano a cedere le aree al comune, implicitamente riconoscendo che con questa variante dovrebbero comunque essere incentivati, non so come, a fare questo passo. Insomma sinora critiche o contestazioni su cose concrete, sul merito della variante, non ne ho lette o sentite, nemmeno da te, magari arriveranno, saranno convincenti e cambierò idea.<br />
<br />

Commento modificato il 09 febbraio 2010

a parte che la mia polemica era rivolta al comunicato unicamente pretestuoso di primavera, non trovo confortante la variante in cui mi sembra che i privati per cedere saranno avvantaggiati in termini di cubature. così come mi infastidisce che con questa variante che si poteva votare tranquillamente ogni mese in 10 anni ci faranno nuovamente una gran campagna elettorale con l\'unica novita\' del sottopasso. spero ovviamente che perdano, qualora non fosse conterò i giorni e i minuti prima di riuscire a portarci il mio cane. : )<br />
ciao,<br />
laura