Sadam, Massaccesi: Belcecchi sceglie la via autoritaria del \'me ne frego\'

Daniele Massaccesi 15/02/2010 - \"Atto inaudito, non democratico, e che dimostra in che considerazione tiene il Consiglio Comunale e la Città: questa è decisione di apporre, da parte del Sindaco Belcecchi, la propria firma all’accordo di riconversione con SADAM\".

Dopo anni di trattative, condotte in modo supino, pessimo e senza far sentire la voce della città, e con il finale e decisivo voto contrario del Consiglio Comunale, espresso a larga maggioranza, il Sindaco Belcecchi sceglie la via autoritaria del “me ne frego” e della testarda cocciutaggine, che diventa però insipienza, se non peggio, ed in nome di non si sa che cosa decide di fare quello che il Consiglio Comunale gli ha vietato. In nome di che cosa?



Del lavoro, egli afferma. Ma egli conosce la verità, troppo appiattita sul motto “business is business”, che però non può rispondere alle esigenze ed alle richieste di una città intera, lasciata attonita di fronte alla assenza di qualsiasi certezza e garanzia, di ogni tipo, e con una controparte – l’azienda – di cui lo stesso Sindaco ha detto pubblicamente di non fidarsi, ma nei cui confronti, per mai dichiarati motivi, forse però intuibili, ha scelto la linea dell’asservimento (passivo). Uno spettacolo indecoroso, con cittadini “venduti”, “svenduti” o comunque “lasciati allo sbando”, alla mercè di una sola persona. Che non merita la nostra fiducia.


da Daniele Massaccesi
Popolo delle Libertà – PDL




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-02-2010 alle 16:28 sul giornale del 16 febbraio 2010 - 1228 letture

In questo articolo si parla di politica, sadam, fabiano belcecchi, Daniele Massaccesi, Popolo delle Libertà – PDL